18
settembre

Quarta Repubblica: Nicola Porro incalza la Boschi e parte col piede giusto

Nicola Porro

La è iniziata col piede giusto. Nicola Porro l’ha inaugurata ieri sera dallo scranno di prime time offertogli da Rete4, portando in onda un talk show di per sé non rivoluzionario ma senza dubbio scorrevole sin dalle sue prime battute. Dettaglio non trascurabile, questo. Il conduttore, infatti, ha risparmiato al pubblico gli impacci che solitamente caratterizzano i debutti televisivi e – rifacendosi ad uno stile già collaudato a Matrix e prima ancora in Rai – si è lanciato con discreta scioltezza nel dibattito politico.

Nell’iniziale intervista, Porro ha conversato con Maria Elena Boschi tenendo un buon ritmo e riservando alla deputata alcune domande incalzanti sulla perdita di consensi da parte del Pd e sul tema immigrazione. “Quanti lecchini ha perso ora che non è più Ministro?” ha chiesto poi il giornalista, ironizzando anche sul fatto che l’opposizione all’attuale governo fosse rappresentata (unicamente o quasi) da un politico lussemburghese balzato al centro delle cronache per la sua lite con Matteo Salvini.

A Quarta Repubblica, prediligendo forse un sentiero già percorso da altri, hanno ceduto al cliché secondo cui nei talk show non possono mancare i siparietti comici. E così hanno arruolato l’attore Paolo Hendel, intervenuto prima con una sorta di copertina satirica e poi con una gag nei panni di Don Donald Pravettoni, un improbabile sovranista dalle sembianze trumpiane. Discutibile però l’effettiva riuscita dei suddetti intermezzi, che hanno un po’ deluso le aspettative e non hanno graffiato davvero.

Tornando al dibattito, si è rivelata valida la scelta del conduttore di evitare confronti troppo affollati e di prediligere – come fatto a Matrix e pure nella precedente esperienza di Virus – discussioni con pochi interlocutori, portatori di posizioni ben chiare. In questo modo, il programma è riuscito a far digerire al telespettatore anche il blocco sulle pensioni, tema di ampio interesse che proprio per questo richiedeva di essere affrontato con parole semplici. Da segnalare, la presenza in redazione della giornalista Vicsia Portel, scippata a diMartedì.

Pur senza riservare sorprese o stravolgimenti rispetto ai tradizionali canoni dei talk show (anche tra gli ospiti non si sono viste facce particolarmente nuove), Porro è riuscito con abilità a confezionare un approfondimento che archiviasse le arene ‘populiste’ ormai sgradite ai vertici Mediaset e che mantenesse al contempo una certa vitalità narrativa. Su quest’ultimo aspetto, tuttavia, crediamo che il programma abbia ancora del potenziale da sfruttare, se non altro per differenziarsi in ambito informativo anche dallo stesso Matrix.

Dopo l’inizio per molti versi incoraggiante, Quarta Repubblica ha davanti a sé un’intera stagione in cui dovrà marcare la propria identità (sfida che la nuova Rete4, in generale, dovrà pure affrontare) e migliorare alcuni aspetti. Liberandosi, ad esempio, degli applausi in eccesso che hanno caratterizzato la prima puntata e procurato una fastidiosa sensazione al telespettatore.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Nicola Porro
Nicola Porro a DM: «Quarta Repubblica sarà diverso da Matrix. L’informazione anti-populista? Tutte stronzate, i giornalisti stiano più nelle piazze»


Gerardo Greco
Rete4: Gerardo Greco conduce «W l’Italia», Nicola Porro «Quarta Repubblica»


Baby - Benedetta Porcaroli e Alice Pagani
Baby: un buon «teen drama» che non rispecchia le aspettative


Cuochi d'Italia - Cristiano Tomei, Alessandro Borghese e Gennaro Esposito
Cuochi d’Italia: un torneo regionale poco originale, con Borghese a fare da animatore

6 Commenti dei lettori »

1. Sanjuro ha scritto:

18 settembre 2018 alle 13:17

SLURRRRRRRRRRRRP!

Qui siamo seriamente preoccupati per le tue papille gustative, Leardi:
riesci ancora a sentire i sapori?



2. Enrico ha scritto:

18 settembre 2018 alle 14:21

Condivido la considerazione finale. Non mi rassegno al fatto che nei programmi di approfondimento debba esserci la claque: gli applausi ogni tre per due sono stomachevoli e, tra l’altro, alimentare le pulsioni teatrali (già eccessive) del nostro sistema politico è dannoso. Dal mio punto di vista Porro è molto bravo, sia sul piano giornalistico sia su quello televisivo: non c’è bisogno di fare dell’approfondimento giornalistico uno show.



3. Sabato ha scritto:

18 settembre 2018 alle 15:07

Non ho visto il programma e pertanto non posso farne una valutazione contenutistica, ma gli ascolti sono stati drammaticamente bassi: 695.000 telespettatori e 3,7% di share! Ennesimo flop targato Nicola Porro…



4. Erodio76 ha scritto:

18 settembre 2018 alle 16:30

Il risultato degli ascolti è stato basso, ma siamo solo alla prima puntata. Bravo Porro nel portare avanti la trasmissione. Evidentemente non ha pagato l’impostazione troppo scopiazzata da Dimartedi. Devono trovare una strada ben definita. Mi meraviglia viceversa il discreto risultato di Greco, che veniva visto come portatore di un sicuro flop.



5. Nina ha scritto:

18 settembre 2018 alle 17:36

Porro è un grande giornalista, e sa come trattare moltissimi temi. Che faccia venire l’orticaria a certi personaggetti ottusi ne è un’ulteriore riprova. PS: ma che senso ha avercela con Porro in maniera così personale? Ma che vi ha fatto? E ripigliatevi ragazzi tanto la sinistra per 30 anni non batte chiodo! Quindi, a voi la scelta se continuare a mangiare bile.



6. Nina ha scritto:

18 settembre 2018 alle 17:38

Sanjuro: di quello, visto che ne parli sempre, sei esperto tu.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.