1
agosto

In Onda, Mauro Corona spietato con Telese e Parenzo: «Non capite un caz*o! Non venite a fare i buonisti di merd@. Vi sculaccio!»

Mauro Corona, In Onda

Dopo i danni procurati da alcuni vandali alla sua casa di montagna, Mauro Corona aveva ancora i nervi a fior di pelle. Lo si è visto anche in tv. Ieri sera, intervenendo a In Onda su La7, lo scrittore friulano ha raccontato la disavventura capitatagli nella notte di sabato scorso, quando un gruppo di ragazzi ha mandato in frantumi la vetrata del suo studiolo. “Se li avessi raggiunti li avrei macellati” ha ammesso in tv Corona, che aveva rincorso i vandali con un’accetta. Nel corso del talk show, lo scultore se l’è presa con i conduttori David Parenzo e a Luca Telese, accusandoli di aver strumentalizzato le sue parole. 

Io ho agito d’impulso perché mi son sentito brutalizzato. A casa mia non entri, altrimenti ti faccio fuori! Sono sempre stato uomo di sinistra ma in questo caso ragiono da destra, perché se vieni a casa mia ad affrontarmi ti sparo. Ti sparo!

ha affermato Mauro Corona a In Onda. Di seguito, Telese ha espresso perplessità sul fatto che lo scrittore avesse ribadito – anche davanti alle telecamere e a mente fredda – l’intenzione di sparare. A quel punto, il diretto interessato non ci ha visto più e se l’è presa col giornalista.

Telese, forse lei non ci arriva di intelligenza. Io le sto spiegando la reazione di quella notte, se invece li trovo adesso (i vandali, ndDM) gli posso pagare una birra. Guardate che non mi pigliate per il cul*!”

E, di fronte al tentativo dei conduttori di minimizzare il fraintendimento, lo scrittore ha rincarato la dose:

“Non era chiaro perché non capite un caxxo voi! Quando vieni oltraggiato a casa tua, hai quella reazione. Non venite a fare i buonisti di merd@!“.

Ma la sfuriata era solo all’inizio. Il secondo round è partito quando Telese si è riferito a Corona citando un virgolettato attribuitogli da Il Gazzettino (“se li avessi presi li avrei ammazzati senza nessuna pietà“). A quel punto, lo scrittore si è nuovamente spazientito:

Non vi permetto di strumentalizzare la mia parola, perché voi siete furbi ma io sono più furbo di voi (…) Sentite, ragazzini, se volete fare audience ditemelo chiaro, ma non maneggiate le mie parole perché altrimenti vi sculaccio! Quello è un titolo redazionale che non ho detto io, cialtroni! Incominciate a lavorare bene, andate fuori dalle palle!“.

A riportare una (apparente) situazione di tranquillità ci ha poi pensato l’incombente pausa pubblicitaria.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


In Onda, Silvio Berlusconi con Luca Telese e David Parenzo
In Onda, Berlusconi scommette: «Offro una pizza a Telese e un pranzo a Parenzo se FI non supera il 30%» – Video


In Onda, La7
In Onda: Parenzo e Telese all’esordio senza sorprese (né notizie). E Bersani diventa «grande esperto di costume»


David Parenzo, Luca Telese
In Onda: David Parenzo e Luca Telese in access prime time su La7 dal 3 luglio


Vittorio Feltri, In Onda
In Onda, Vittorio Feltri scatenato: «Io me ne frego dei migranti, me ne sbatto proprio» – Video

4 Commenti dei lettori »

1. Marco ha scritto:

1 agosto 2017 alle 15:02

Non ha visto ma immagino: Corona fa il Corona, Telese fa il Telese. “Bravo” ad entrambi (visto che mi piacciono)!



2. Nina ha scritto:

1 agosto 2017 alle 15:09

Telese e Parenzo per l’ennesima volta presi a male parole. Grande Mauro Corona, uno che a fare l’ipocrita proprio non ci sta.



3. Marco Cappuccini ha scritto:

1 agosto 2017 alle 15:26

Ho visto la puntata e devo dire che Corona aveva ragione su tutta la linea.



4. Pino ha scritto:

1 agosto 2017 alle 20:51

Tutti a dare ragione a Corona. Secondo me l’ha persa nel momento in cui ha cominciato ad insultare, e poi quel congiuntivo sbagliato.., da uno scrittore!!
Figuraccia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.