In Onda



29
giugno

In Onda: non è cambiato un Fico

In Onda, La7

Per gli addetti ai lavori era la notizia del giorno. Per i comuni telespettatori – ancorati al Paese reale – chissà. La conferenza stampa con cui Giuseppe Conte ha parlato del proprio ruolo nei Cinquestelle e segnato uno strappo con Beppe Grillo ha tenuto banco ieri sera nella puntata d’esordio di In Onda. Il programma estivo di La7, condotto da David Parenzo e Concita De Gregorio, si è a tal punto appassionato alle beghe pentastellate da convocare come primo ed unico ospite il grillino Roberto Fico. Scelta opinabile.




17
maggio

In Onda: Concita De Gregorio affiancherà David Parenzo

concita de gregorio

Concita De Gregorio

New entry al femminile alla conduzione di In Onda. Da fine giugno, quando tornerà sugli schermi di La7, il talk show estivo entrerà in zona rosa: possiamo confermarvi che, quest’anno, sarà Concita De Gregorio ad affiancare lo storico e confermato timoniere del programma, David Parenzo, presenza fissa sin dalla prima edizione (dapprima come redattore, poi come inviato e infine conduttore).


29
giugno

In Onda riparte nell’access di La7

David Parenzo e Luca Telese

David Parenzo e Luca Telese

Riparte questa sera nell’access di La7 In Onda, alle 20.35 al posto di Otto e Mezzo di Lilli Gruber, che ha chiuso sabato la stagione. Alla conduzione, per il quarto anno consecutivo, David Parenzo e Luca Telese.





1
luglio

David Parenzo e Luca Telese tornano «In Onda» e guadagnano anche la prima serata

David Parenzo e Luca Telese

David Parenzo e Luca Telese

Riparte In Onda, il talk estivo de La7 condotto da David Parenzo e Luca Telese, in onda – al posto di Otto e Mezzo – dal lunedì al sabato alle 20.30 e con un doppio appuntamento in prima serata; ogni martedì e giovedì, infatti, il programma si allungherà fino alle 23.30.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


8
settembre

In Onda, Luca Telese vs Rete4: «Hanno dovuto fare una onlus senza pubblicità per inseguirci»

Luca Telese

Volano coltelli tra La7 e Rete4. E a scagliarli è proprio lui: Luca Telese. Ieri sera il conduttore di In Onda non si è trattenuto e, poco prima di lanciare la pubblicità, ha rifilato una stilettata polemica a Mediaset che con Barbara Palombelli ed il suo Stasera Italia ha deciso di competere apertamente con il canale terzopolista.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





2
agosto

In Onda, Gianluigi Paragone: «Sarei contento che L’Ultima Parola tornasse in Rai. Con Orfeo e Maggioni certe cose non si potevano dire»

Gianluigi Paragone

Nella Rai del futuro, quella dalle tinte giallo-verdi che sta prendendo forma, dovrebbero trovare spazio anche idee sovraniste e fuori dal cosiddetto racconto mainstream. se lo augura e, con il M5S, ci sta lavorando. A proposito: ma la politica non doveva più mettere becco sul servizio pubblico? Intervenendo a In Onda, ieri sera il senatore ed ex conduttore ha auspicato il ritorno in Rai de L’Ultima Parola, il talk show ‘vetero-populista’ che lui stesso presentò prima di trasferirsi a La7.


19
luglio

La7 va «In Onda» senza contraddittorio. Era questo il pluralismo vantato da Urbano Cairo?

In Onda, Luca Telese

La “polifonia” enfatizzata da Urbano Cairo, questa estate, si è sentita poco. E a volte, addirittura, per nulla. Alla recente presentazione dei nuovi palinsesti di La7, l’editore aveva sottolineato il pluralismo delle trasmissioni informative ospitate sulla rete terzopolista, ma a giudicare dalla piega presa da alcune specifiche puntate di verrebbe da ricredersi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


10
luglio

In Onda, Di Maio: «In Rai metteremo vertici al di sopra di ogni sospetto politico. Renzi a Mediaset? Oltre ogni immaginazione»

Di Maio, In Onda

In Rai “metteremo persone al di sopra di ogni sospetto di appartenenza politica“. L’accordo di governo tra e Matteo Salvini riguarda anche il rinnovo dei vertici del servizio pubblico. Uno snodo delicato e strategico su cui i partiti, anche in un recentissimo passato, non hanno mai rinunciato a spartirsi le poltrone. Ora, stando alle promesse, i due maggiori azionisti del nuovo esecutivo intendono cambiare strategia, come ha assicurato lo stesso vicepremier ieri sera a La7.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,