8
agosto

TG3, IL DIRETTORE LUCA MAZZÀ: PER ME E’ UN DOVERE ESSERE AUTONOMO DA OGNI POTERE E PARTITO

Luca Mazzà

E’ il momento dei buoni propositi, come ad ogni esordio che si rispetti. Dopo le accese polemiche sorte attorno alla sua nomina a nuovo direttore del Tg3, Luca Mazzà ha preso la parola. In un’intervista concessa a La Stampa, il giornalista ha replicato alle critiche di chi lo aveva accusato di essere stato scelto per ‘normalizzare’ lo storico notiziario in ottica filo-governativa. Il successore di Bianca Berlinguer (che ha salutato il pubblico con un editoriale pungente) ha anche spiegato come intende trasformare il tg della terza rete.

Parliamo di un tg autorevole, di grande tradizione, con una forte identità. È questo ciò che intendo valorizzare al massimo, con una dose di innovazione, soprattutto sui contenuti. Mi piacerebbe approfondire le notizie, accentuare il racconto della realtà. Vorrei più giornalisti e troupe in giro per raccontare storie e personaggi. Mi rendo conto che questo modo di lavorare e di valorizzare le grandi professionalità di cui dispone il Tg3 comporti maggiore spese, ma al momento del mio incarico ho chiesto all’azienda un impegno in questo senso” ha spiegato Luca Mazzà.

Replicando alle critiche sorte sul suo arrivo al Tg3, il neo direttore ha affermato di sapere cosa significhino equilibrio e pluralismo, alla luce dei suoi 25 anni da giornalista in Rai.

Sono una persona autonoma, il mio curriculum lo dimostra. Io la penso così: chi lavora nel servizio pubblico, chi crede nel servizio pubblico, deve essere capace di non manifestare le proprie opinioni. Naturalmente ognuno ha le sue idee, ma chi fa il giornalista alla Rai non deve mai farsene condizionare. È una questione di rispetto per gli ascoltatori“.

In particolare, Mazzà ha espresso il proprio parere sulle polemiche di natura politica, che hanno provocato le dimissioni di due componenti della Vigilanza.

Capisco pure che certe critiche siano dettate da certi timori ma mi impegnerò a garantire a tutti la qualità del servizio pubblico televisivo. Per me è un diritto e soprattutto un dovere essere autonomo da ogni potere e da ogni partito” ha assicurato.

Il giornalista ha poi ricostruito il tanto discusso strappo con Ballarò e Massimo Giannini, avvenuto lo scorso anno. “Ho letto virgolettati che mi sono stati attribuiti, parole che non avevo mai pronunciato” ha accusato Mazzà, spiegando di essere stato lui stesso a contribuire alla scelta dell’ex vicedirettore di Repubblica. Poi però la dialettica tra i due si è fatta sempre più accesa e – ha spiegato – “per il bene di Ballarò ho fatto un passo indietro. Si è voluto vedere in quel gesto una coloritura politica che non c’era“.

Alle parole, però, ora dovranno seguire i fatti. E per il nuovo direttore il primo banco di prova sarà l’avvicinamento al referendum costituzionale: secondo i critici, infatti, ora il Tg3 potrebbe assecondare le ragioni del Sì. Mazzà, però, nega e rilancia: “vogliamo spiegare in maniera obiettiva, dando spazio a tutti, alle ragioni del Sì e a quelle del No, in una logica di pluralismo e di equilibrio“. Sarà davvero così?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Michela Persico (2)
Le Capitane, Michela Persico a DM: «Mi sono dimessa da Mediaset Premium per seguire Rugani»


Silvia Slitti
Le Capitane, Silvia Slitti a DM: «Tra le wags mi sento un pesce fuor d’acqua. I wedding planner in tv? Danno un’immagine romanzata»


Emilie Nef Naf
Le Capitane, Emilie Nef Naf a DM: «Il mio fidanzato? L’ho conosciuto all’Esselunga. In Francia ero giudicata per le mie storie d’amore»


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»

1 Commento dei lettori »

1. EMILIO ha scritto:

8 agosto 2016 alle 16:20

Piuttosto che giustificarsi, io mi chiederei : Perchè mi hanno scelto ? Mazza’ lo sa bene le logiche che lo hanno portato alla direzione del tg. Adesso sta a lui a dimostrare ,nei fatti, il contrario. Vedremo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.