23
luglio

RAI 1 INVITA A PROTEGGERSI DALL’ESTATE GUARDANDO REAL TIME

Spot Real Time

Ore 22:10 di mercoledì 22 luglio 2015. Su Rai 1 c’è uno degli stacchi pubblicitari della serie Cedar Cove, e all’improvviso parte uno spot che parla d’estate. Niente di strano, visto che siamo a fine luglio. Ma questo non è uno spot come un altro, è uno spot di Real Time, il canale 31 targato Discovery Italia che negli ultimi anni si è imposto all’attenzione generale e ora si fa pubblicità sulla tv di Stato.

Spot Real Time: proteggiamoci dall’estate (in tv)

Questo è strano, ma nemmeno troppo, se si considera che la Rai non è nuova a mandare in onda (e deve farlo!) altri spot della concorrenza, tipo quelli di Sky e delle sue offerte agli abbonati. La cosa davvero singolare però è un’altra, ovvero la natura di questo messaggio pubblicitario che non solo invita il pubblico a seguire il canale 31, ma di fatto nasconde un messaggio subliminale che etichetta la tv estiva, e dunque anche quella Rai, fastidiosa e da evitare.

Spot Real Time su Rai 1: sinossi

Si parte da una sentenza chiara e diretta: l’estate non è sempre un bello spettacolo. E mentre la voce si fa da parte, sullo schermo compaiono immagini di donne di una certa età con addosso costumi di cattivo gusto, gente che cerca refrigerio mettendo i piedi in bacinelle d’acqua fredda, uomini pelosi e grassi che si crogiolano al sole e bambini molesti che lanciano gavettoni addosso ai poveri bagnanti in cerca di pace.

In questo misero e decadente panorama l’attenzione della telecamera si concentra su una crema solare, e su quel tubetto compare proprio il logo del canale 31; la voce invita dunque i telespettatori a “proteggersi con Real Time“. Proteggersi da cosa? Forse dal rischio scottature? Lo spot sta invitando a non andare al mare ma a restare in casa a guardare la tv? No, ovviamente. Dice che per fortuna su Real Time lo spettacolo è migliore, come insegna la campagna #protezione31 che va avanti già da qualche tempo su Twitter. Una campagna che con il passaggio su Rai 1 assume tutto un altro sapore.

Qui si sta invitando il pubblico a scegliere Real Time per sfuggire alla solita tv estiva, quella fatta di repliche e programmi che spesso lasciano a desiderare. Possibile che chi di dovere sia passato sopra questa chiave di lettura? Bravissimi, invece, al marketing di Discovery.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Catarella nello spot de Il Commissario Montalbano
IL COMMISSARIO MONTALBANO IN VOLO VERSO RAI 1


Fiorello Annunciatrice @ Davide Maggio .it
FIORELLO IN PILLOLE : MEDICINALE SALVASCOLTI


REAL TIME_Cose da non chiedere_3
Cose da Non Chiedere: come «maneggiare con cura» i luoghi comuni


Cose da Non Chiedere
Cose Da Non Chiedere: su Real Time si fanno domande scomode ai «diversi»

7 Commenti dei lettori »

1. ale88 ha scritto:

23 luglio 2015 alle 11:31

beh, perché i canali discovery hanno solo prime visioni!!



2. Stefania Stefanelli ha scritto:

23 luglio 2015 alle 11:35

@ale88: No, ma in estate sono sempre partite nuove produzioni.



3. Davide ha scritto:

23 luglio 2015 alle 13:57

Per caso qualcuno ha registrato la cosa e ha postato il video sul web? Grazie



4. federiko24 ha scritto:

23 luglio 2015 alle 16:48

Ahaha stupendo! Che beffa per la Rai! W Discovery!



5. fill ha scritto:

23 luglio 2015 alle 18:45

siamo alla frutta…e x questi si paga il canone?



6. JackBauer24 ha scritto:

24 luglio 2015 alle 16:26

Scusate, non ho capito: Quelli in Rai non si sono accorti del messaggio quando hanno approvato la messa in onda della pubblicità? Oppure l’hanno mandata in onda perché si vergognano del loro stesso palinsesto estivo, invitando a guardare un canale migliore? Stento a credere alla prima.



7. lele ha scritto:

29 luglio 2015 alle 19:49

“Possibile che chi di dovere sia passato sopra questa chiave di lettura?”
Dai su, davvero crediamo che in Rai siano così rimbambiti da non aver capito? Il messaggio è chiarissimo.
La Rai, in un contesto di contrazione del mercato pubblicitario, è ormai costretta ad accettare inserzioni pure dalla concorrenza (che si dimostra parecchio abile nelle strategie comunicative) a discapito delle proprie immagine e credibilità.
Questo è un episodio in cui emerge tragicamente il paradosso di una tv pubblica che vende pure pubblicità.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.