4
agosto

RAI INFORMAZIONE, L’OBIETTIVO DI GUBITOSI: UNA SOLA TESTATA PER TUTTE LE NEWS

Luigi Gubitosi

Un uomo solo al comando. E una sola testata per tutte le news. L’idea, partorita da Luigi Gubitosi nell’ambito della riforma dell’informazione Rai, potrebbe presto diventare realtà. Il Direttore Generale di Viale Mazzini è partito in quarta ed ora è intenzionato a realizzare la rivoluzione editoriale avviata settimana scorsa con la benedizione del CdA aziendale. Dopo l’estate il piano verrà presentato anche alla Commissione di Vigilanza e solo allora si potrà procedere di conseguenza. Intanto, però, si delineano sempre più i dettagli della storica operazione, che punta ad ottimizzare le risorse non senza polemiche.

Rai Informazione: una testata per tutte le news

Come riporta Repubblica, che ha sfogliato il progetto in questione, tra le novità in arrivo ci sarebbe anche la nomina di un supervisore editoriale che coordini l’informazione e si prenda ogni responsabilità. La mossa va inquadrata nella prospettiva indicata dallo stesso Gubitosi, il quale suggerisce una riduzione delle testate giornalistiche televisive: dalle attuali sette a due sole. Rai Sport per i notiziari sportivi e Rai Informazione. Così facendo, le news verrebbero curate da una sola testata per tutti i canali del servizio pubblico, con un conseguente e sostanzioso risparmio economico. Secondo alcune stime Rai, il nuovo assetto delle news costerà il 20% in meno (circa 100 milioni) sul totale di 501milioni cui ammontano le attuali spese “tra costi esterni e costi interni di produzione e testata”.

Rai, stop alle promozioni facili

La mannaia di Gubitosi dovrebbe ridurre anche il numero dei vicedirettori e regolare il circolo delle promozioni (spesso facili), che dovranno essere giustificate e potranno essere concesse solo in determinati periodi (a dicembre e ad aprile). Verranno inoltre eliminate alcune edizioni dei telegiornali. Su Rai1, Rai2 e Rai3 rimarranno solo le edizioni principali dei tg, ed è intuibile che a sparire saranno proprio quelle brevi. RaiNews24 (che nella sostanza sarà accorpato al Tg3) produrrà tutte le edizioni straordinarie sulle prime tre reti del servizio pubblico e le edizioni flash per sia per i canali generalisti che per quelli specializzati.

Al contempo le redazioni della TgR funzioneranno da “uffici di corrispondenza locali” e forniranno contenuti anche al Tg1 e al Tg2. Fino al 2017 vigerà la distinzione tra le due grandi Newsroom che accorperanno le attuali testate, poi – come anticipato – la rivoluzione farà confluire l’informazione Rai sotto il gonfalone di una sola testata.

In quel momento si renderà necessario il lavoro del cosiddetto supervisore editoriale, che assumerà le redini di Rai Informazione. E’ ancora presto per addentrarsi nei dettagli del cambiamento, che secondo alcuni potrebbe vedere come protagonista di primo piano l’attuale direttrice di Rainews Monica Maggioni.



Articoli che potrebbero interessarti


Monica Maggioni, Rainews
RAI NEWS: MAI PIU’ VIDEO ISIS IN ONDA. “STOP A MACCHINA DELLA PROPAGANDA”


Gubitosi e Mario Orfeo tg
RAI, L’INFORMAZIONE PRONTA A CAMBIARE. ACCORPAMENTI TRA LE TESTATE: I CDR DICONO NO


Luigi Gubitosi
RAI, IL DG GUBITOSI INDICA LA STRADA: CINEMA E NEWS SONO IL FUTURO.


Monica Maggioni
RAINEWS24, MONICA MAGGIONI PREPARA GRANDI NOVITA’

2 Commenti dei lettori »

1. Phaeton ha scritto:

4 agosto 2014 alle 11:59

Facendo così andranno ad uccidere 3 testate che hanno da sempre avuto una ben precisa linea. Allo spettatore, soprattutto ad un certo tipo di spettatore, piace trovare il suo TG, sa già che notizie troverà, conosce i volti, gli inviati… la all news per definizione è completamente asettica e questo sicuramente lo spettatore lo percepirà. Altra preoccupazione è il direttore unico, che mi viene da pensare che sarà sempre e solo una voce del governo, considerando che dal governo viene scelto!

Si può razionalizzare l’informazione, ma questa non mi sembra la via adatta… ci sono tanti sprechi che si potrebbero evitare… ma spero solo che non mi uccidano i TG, altrimenti che paghiamo a fare il canone? Una rivoluzione del genere la potrei accettare da una rete privata come Mediaset non dalla Rai!



2. lordchaotic ha scritto:

4 agosto 2014 alle 13:21

ottimo cosi si va verso un modello stile bbc o comunque uguale a quello di tutti i network nel mondo



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.