2
maggio

RAI, IL DG GUBITOSI INDICA LA STRADA: CINEMA E NEWS SONO IL FUTURO.

Luigi Gubitosi

Che la Rai, ultimamente, non brilli sul fronte dell’intrattenimento (nel mirino c’è soprattutto la prima serata di Rai 1) è cosa nota. L’era degli show acchiappa ascolti sembra essere un lontano ricordo, che ogni anno riaffiora nella settimana sanremese. Troppo poco. Un’alternativa alla fiction, ad oggi unica àncora di salvezza per la tv di Stato (dal clamoroso successo de Il Commissario Montalbano alla riuscita di Rosso San Valentino, tanto per citare la Rai 1 di questi giorni), va comunque trovata. E il direttore generale Luigi Gubitosi sembra aver individuato in cinema e news la (doppia) soluzione:

“La Rai sta andando bene, c’è stato un salto di qualità nelle news e abbiamo scelto bene i nostri film. C’è stata un’accelerazione importante per Rai News e punteremo sulle news per gli investimenti. Ma ci sono anche 230-240 milioni annui di acquisti in conto Rai e Rai Cinema”.

A tal proposito, la soddisfazione tra i vertici di Viale Mazzini aumenta quando si parla di RaiNews24, il canale all news più seguito dagli italiani, che ha incrementato il proprio bacino di pubblico in occasione della tre-giorni dedicata alle votazioni per l’elezione del “nuovo” Presidente della Repubblica.

Ma, news a parte, il futuro immediato della tv pubblica sembra, dunque, passare per Rai Fiction e Rai Cinema. Secondo voi è la scelta giusta? Sicuramente, considerata la Rai Intrattenimento di oggi, non è certo da biasimare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gubitosi
RAI INFORMAZIONE, L’OBIETTIVO DI GUBITOSI: UNA SOLA TESTATA PER TUTTE LE NEWS


Gubitosi e Mario Orfeo tg
RAI, L’INFORMAZIONE PRONTA A CAMBIARE. ACCORPAMENTI TRA LE TESTATE: I CDR DICONO NO


terrazza_montalbano_570
FICTION RAI: NIENTE RIPRESE ALL’ESTERO. SET IN ITALIA PER VALORIZZARE IL PAESE E RIVITALIZZARE IL SETTORE


Maria Pia Ammirati
Rai Cinema: Dallatana, Ammirati e Teodoli nuovi componenti del CdA. Confermati Del Brocco e Claudio

5 Commenti dei lettori »

1. mugnezz ha scritto:

2 maggio 2013 alle 15:34

non mi stupisce, i programmi fanno flop. invece le fiction e film sono sempre stra visti dal pubblico mummificato di rai 1 !!! adesso aspettiamo l’ennesimo aumento del canone



2. Groove ha scritto:

2 maggio 2013 alle 15:50

La Rai senza intrattenimento? Sarebbe come Zio Paperone senza la sua adorata numero uno o come Madonna senza la sua trasgressione. Detti questi due esempi che forse sono un pò banali, vorrei dire che la Rai senza intrattenimento non è la Rai ed è del tutto impensabile. E’ vero che ultimamente Rai 1 non brilla sull’intrattenimento,ma questo perché si sono fatte delle scelte sbagliate. L’intrattenimento in Rai può e deve tornare come quello di in tempo. Basta talent,basta format,basta reality show e programmi di cronaca. La Rai deve tornare a proporre varietà, unico genere che può dare soddisfazioni se fatto nel modo giusto è non come nel caso di Riusciranno i nostri eroi, show che non seguiva un filo logico e che non è riuscito a colpire abbastanza i telespettatori. I programmi Rai in Italia sono stati un vero fenomeno di costume, tanto che a partire dagli anni 80 anche le reti private hanno iniziato a emulare la tv di Stato,ottenendo grandi successi. La fiction Rai è sempre un successo, e non sbaglia quasi mai un colpo. Il 99,99% delle volte è garanzia di successo,ma non posso credere che sulla base degli ottimi risultati raggiunti dalle fiction si possa pensare che in futuro i programmi in prima serata verranno aboliti,per lasciare spazio 7 giorni su 7 (o quasi) a film e serie tv. Mi dispiace ma questa non è la tv che voglio,e penso che sarebbe addirittura monotona, se realmente un giorno fosse così. Ma voi riuscite ad immaginarvi tra qualche anno Don Matteo o la Suora anche al sabato? Non ci voglio nemmeno pensare,sarebbe terribile. Ridateci i veri show del venerdì e del sabato sera, non vogliamo fiction e film noiosi e soporiferi!!!!



3. Groove ha scritto:

2 maggio 2013 alle 16:06

Leone quando era direttore dell’intrattenimento è stato stra-criticato per scelte che si sono rivelate inadatte,e da quando è diventato Direttore di Rai 1 io continuo a vedere programmi di intrattenimento che floppano. Forse Leone non va molto d’accordo con l’intrattenimento e i risultati si vedono. Leone scelta sbagliata per Rai 1? Boh, questo si vedrà solo durante la prossima stagione tv in cui avrà campo libero per modificare tutto il palinsesto,e noi ben sappiamo che da settembre i programmi del day time,vera roccaforte della prima rete nazionale subiranno grossi cambiamenti. C’è da dire che anche Mediaset con l’intrattenimento ha problemi,ma forse meno della Rai,visto che buona parte sono diretti e condotti da quel genio dell’intrattenimento che si chiama Maria De Filippi. Per quanto riguarda il resto la spending-review si è fatta molto sentire,e dei programmi come Zelig e Paperissima (fatti con il massimo risparmio) ne hanno risentito molto. Secondo me comunque se programmi come La Terra dei Cuochi continueranno ad andare male, la Rai per arrivare a Giugno con più serenità e senza collezionare altri flop potrebbe fare delle prime serate con Affari Tuoi,che quest’anno sta andando particolarmente bene e che in prima serata non ha mai deluso.



4. Peppe93 ha scritto:

2 maggio 2013 alle 18:09

Sicuramente una buona soluzione ma non si può lasciare l’intrattenimento. Anzi proverei a testare diversi programmi quest’estate



5. fabulous ha scritto:

2 maggio 2013 alle 20:49

raiuno può anche mandare solo il sabato sera dei varietà,ma devono essere degni di questo nome. basta robetta da due soldi,io direi poca roba,ma buona!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.