30
luglio

MILLENNIUM: MIA CERAN PRIMADONNA DEL TALK SHOW. IL BALLARO’ ESTIVO DI RAI3 NON OSA

Millennium, Rai3 - Aprile, Margonari, Ceran

Il Millennium bug non c’è stato. O se c’è stato non ce ne siamo proprio accorti. L’approfondimento estivo condotto su Rai3 da Mia Ceran, Elisabetta Margonari e Marianna Aprile non è infatti riuscito a resettare le dinamiche del tradizionale talk show, né ha aggiornato il sistema operativo che ormai da anni fa girare il racconto della politica in tv. Giunto ormai alla sua terza puntata, il programma si è presentato al pubblico come una specie di Ballarò dai toni più distesi, e con il vantaggio di una conduzione affidata a tre gentili (e preparate) signore.

Al di là dell’aspetto estetico, però, il tridente d’attacco al femminile non ha fatto faville. L’interazione tra le brave conduttrici, infatti, è ancora meccanica e legata al copione: ora parlo io, poi finisco e tocca a te. Al contrario, preferiremmo che le prime donne di Millennium palleggiassero più spesso tra loro – pur nella diversità dei ruoli assegnati – così da attribuire al dibattito un ritmo frizzante. Che i toni del confronto rimangano pacati è sempre positivo, per carità, ma un guizzo ogni tanto non guasterebbe. Ieri sera, ad esempio, in studio c’era una Daniela Santanché meno fumantina del solito: che il clima disteso della trasmissione abbia ammansito la Pitonessa?

Al momento, la capacità di sintesi della Margonari (in collegamento) e la precisione di Marianna Aprile non sempre si intrecciano al meglio con il piglio autonomo di Mia Ceran, la quale è certamente una prima inter pares. Nell’economia della trasmissione, infatti, l’avvenente giornalista italo-tedesca ha un’indipendenza superiore rispetto alle colleghe. Mia introduce gli ospiti, modera il dibattito, fa il contraddittorio e incalza l’interlocutore, chiama i “cartelli” in grafica proprio come Floris ai tempi di Ballarò. Non è un caso che su di lei vi siano certe aspettative, anche da parte del direttore di rete.

Secondo alcuni, la giornalista sarebbe addirittura tra i papabili successori di Giovanni Floris per la conduzione del prossimo Ballarò. Ma i nomi in lizza sono diversi, e pare che la partita sia ancora aperta. A tal proposito, in molti considerano Millennium una sorta di banco di prova per la anchorwoman.

A nostro avviso, però, il banco di prova riguarda(va) anche l’intera trasmissione. Millennium ha la possibilità di svecchiare un certo convenzionalismo ormai ravvisabile nella maggior parte dei talk show (a cominciare proprio da Ballarò), ma finora – per temi trattati, stile ed ospiti – non si è osato abbastanza.



Articoli che potrebbero interessarti


millennium RAI3
MILLENNIUM: MIA CERAN, MARIANNA APRILE ED ELISABETTA MARGONARI ACCENDONO IL TALK ESTIVO DI RAI3


Elisabetta Margonari
MILLENNIUM: MIA CERAN, MARIANNA APRILE ED ELISABETTA MARGONARI NEL BALLARO’ ESTIVO DI RAI3


mia ceran
Estate in Diretta col giallo


Rai Dire Niùs
Rai Dire Niùs senza news: video ‘riciclati’ dalla rete e poca attualità. Il debutto non sorprende

1 Commento dei lettori »

1. Teodoro Francesco Liberto ha scritto:

30 luglio 2014 alle 17:27

Il talk show politico, è forse il genere meno duttile della televisione. Ormai si è visto di tutto. Anziché aspettarsi un presunto rinnovamento, si dovrebbe apprezzare “Millennium” per quello che è. Gli autori sono riusciti, con molta intelligenza, a rendere questo programma garbato ed elegante. Cosa si può chiedere di più?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.