12
luglio

Ecco i ‘trombati’ e gli assenti dei Palinsesti Rai

Flavio Insinna (foto US Rai)

Flavio Insinna (foto US Rai)

Anche quest’anno, gli assenti non mancano, non solo a Mediaset. La Rai ha svelato le sue carte in vista della prossima stagione 2023/2024, con particolare riferimento alla prima parte (autunno), e quella dei “trombati” è una costante che non abbandona la tv di Stato, anche quando l’attenzione principale è rivolta al clamore di chi ha sbattuto la porta.

Partiamo proprio da questi ultimi, ormai noti, in ordine di “uscita di scena”: Fabio Fazio e Luciana Littizzetto (passati al Nove), Lucia Annunziata, Massimo Gramellini (a La7) e Bianca Berlinguer (su Rete 4), protagonisti di una volontaria dipartita da Rai 3. Cinque assenze pesanti, alle quali il terzo canale deve aggiungere quella di Maurizio Mannoni, da sempre volto del Tg3 Linea Notte, in procinto di andare in pensione.

Un giochino, quello dei “dissidenti”, non particolarmente gradito dai vertici dell’azienda, come ammesso in più di un’occasione dall’Ad Roberto Sergio, che non vuol sentir parlare di epurazioni. Sarà anche per questo, forse, che i grandi cambiamenti voluti dalla “nuova” Rai non hanno mietuto troppe vittime, ricollocate in altri spazi. Non tutte, però. E’ il caso di Flavio Insinna, da cinque anni nel preserale di Rai 1 con L’Eredità e, palinsesti alla mano, rimasto a secco. Il programma andrà a Pino Insegno e ad oggi, dopa la magra consolazione estiva del prime time di Techetechetè, di certo per l’ex capitano dei Carabinieri di Don Matteo c’è il ritorno sul set (in autunno è previsto il tv movie La stoccata vincente, che lo vede protagonista con Alessio Vassallo ed Elena Funari).

A Rai 2, invece, una sorta di “arrivederci e grazie” che sembra essere di casa. D’altronde, che gli innesti di un anno fa potessero risultare troppi (e alcuni insensati) era più di un’ipotesi, che si concretizza dodici mesi dopo. Al pomeriggio non vi è più traccia di Mia Ceran e il suo Nei Tuoi Panni, mentre lo strombazzato preserale con Paolo Conticini (Una Scatola al Giorno) e Drusilla Foer (L’Almanacco del Giorno Dopo) è ormai un ricordo. Quella di Pierluigi Pardo al sabato pomeriggio con Ti Sembra Normale? è stata una toccata e fuga, così come la mission di riportare il talk nel prime time del giovedì è fallita con Ilaria D’Amico in Che C’è di Nuovo.

A dispetto dei palinsesti autunnali di un anno fa, segnaliamo inoltre l’assenza di Giusi Sansone (conduceva Agorà Weekend, dove arriva Sara Mariani) e quella di Giancarlo De Cataldo con Cronache Criminali (era tra le novità della seconda serata di Rai 1).



Articoli che potrebbero interessarti


Roberto Sergio (foto US Rai)
Rai, l’Ad Roberto Sergio non vuol sentir parlare di epurazioni: «Avevo riconfermato tutti. Fazio se n’è andato prima che io entrassi». E replica a Lucia Annunziata


Cristiano Malgioglio
Palinsesti Rai: tutte le novità dell’autunno 2022


Fabio Fazio - Che Tempo Che Fa
Fazio sta con la Rai… ma non questa Rai: «Io faccio il tifo per la Rai ma spero in un futuro diverso da quello di queste ore. E’ servizio pubblico, lo dice la parola»


Carlo Conti
Conti sull’addio alla Rai di Amadeus: «Ha fatto la scelta più giusta per lui». Fazio pronto ad accoglierlo sul Nove: «Ne sarei molto felice»

11 Commenti dei lettori »

1. giauz ha scritto:

12 luglio 2023 alle 12:10

guarda caso tutte persone sgradite dal governo Meloni…



2. Paolo ha scritto:

12 luglio 2023 alle 14:44

Spiaze per Insinna, ma un’altra volta impara a fare il gradasso.



3. Mister Zapping ha scritto:

12 luglio 2023 alle 14:59

Guarda caso tolti Fazio e Annunziata tutti reduci da programmi flop o inadeguati a condurre come Insinna le cui uscite sono al di là di ogni codice etico aziendale.



4. controcorrente ha scritto:

12 luglio 2023 alle 15:07

ma quindi Insegno si riprende il preserale di rai 1 ? spero che in molti lo respngano e non lo seguano…, perche’ è un a chiara collocazione del governo (che dovrebbe avere a cuore ben altre cose ), che schifo !



5. Marcos ha scritto:

12 luglio 2023 alle 16:24

Ormai la Rai è TeleGiorgia ma anche un po’ TeleLittoria



6. vinny ha scritto:

12 luglio 2023 alle 16:26

Ancora non vi siete rassegnati?Per anni ha governato la sinistra e la Rai era guidata e telecomandata dalla sinistra. Ora cӏ la destra,votata e non abusiva. Rispettate



7. Alberto&laura ha scritto:

12 luglio 2023 alle 17:37

senza insinna potrò tornare a seguire l’eredità.



8. Pigarasso ha scritto:

12 luglio 2023 alle 18:09

Ho sempre provato una repulsione per Insegno senza sapere da che parte “pendesse”. Tornerò a vedere l’Eredità tra 4 anni (🕯️o spero anche prima 🕯️)



9. Umberto ha scritto:

13 luglio 2023 alle 08:08

Speriamo di rivedere il commissario SCHIAVONE anche se non piace a TUTTI GRAZIE



10. Perseo ha scritto:

13 luglio 2023 alle 10:41

Pino Insegno a L’Eredità è un grosso upgrade, in ogni caso. Anche se l’avrei visto meglio in programmi tipo RAC o Affari Tuoi (quest’ultimo sarebbe stato parecchio nelle sue corde). Ma giusto che i pacchi li faccia Amadeus, che li ha portati alla rinascita.



11. Francesco ha scritto:

13 luglio 2023 alle 11:33

Nessuno li rimpiangerà.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.