16
luglio

LUTTAZZI a La7 : QUERELE in VISTA?!?

Palinsesto La7 Autunno 2007 @ Davide Maggio .it

Lo scorso 11 luglio è stato presentato il palinsesto autunnale de La7, un’emittente che ha sempre incontrato il mio favore poichè ha proseguito, imperterrita, a proporre prodotti di qualità lasciando da parte le difficilmente raggiungibili curve di share e, probabilmente, anche i guadagni.

Un’emittente che, stando alla situazione attuale, non può che risultare “fallimentare”. Come ho avuto occasione di dire altrove, si stima che una televisione privata nazionale per poter godere di buona salute debba mantenere uno share che si aggiri intorno all’8/9%. Share che La7 non è riuscita a vedere neanche col cannocchiale se non in un paio d’occasioni.

Ma proprio per questi motivi la piccola emittente di Telecom Italia è riuscita a distinguersi e ad attrarre un target culturalmente alto di telespettatori che l’ha resa, di fatto, una televisione impopolare ma d’elite.

La nota stonata è arrivata con la presentazione dei palinsesti del prossimo autunno. Mi ha lasciato perplesso il reclutamento di Daniele Luttazzi che dal prossimo ottobre condurrà 10 (al minimo) seconde serate.

A precindere dall’arroganza con la quale i personaggi disepurati ritornano in video, quasi che la loro presenza in video fosse frutto di un plebiscito popolare, ciò che preoccupa, specie nel caso di Luttazzi, è l’assoluta libertà concessa (rectius : pretesa) a coloro che, giornalisti o comici, fanno dell’antiberlusconismo la propria ragione di vita.

Antiberlusconismo che altro non è che ”invidia dei soldi che non ho e che vorrei avere anche io”… ma questa e’ decisamente un’altra storia.

La cosa che fa sorridere ancora di più è che ciò che Luttazzi chiama satira ciò che in realtà è politica bella e buona.

Proprio grazie a “quest’Italia di merda” (per usare le parole di Luttazzi durante l’intervista a Marco Travaglio) quelle parole che Luttazzi pretende facciano parte di una satira che satira non è equivalgono, sempre grazie a “quest’Italia di merda”, ad una condanna nei confronti di un personaggio non gradito nei confronti del quale scagliarsi contro è diventato una specie di sport nazionale (per alcuni, s’intende).

E’ lo stesso discorso, in parole povere, di chi ha ricevuto un avviso di garanzia per un qualunque reato e agli occhi dell’opinione pubblica è colpevole senza possibilità di riscatto.

Giudicate Voi stessi. Quello che segue è il video della famosa intervista a Marco Travaglio a Satyricon oggetto di censura e successive querele ed epurazioni varie.

[ Video : Intervista di Luttazzi a Marco Travaglio (Satyricon) - Prima Parte ]

[ Video : Intervista di Luttazzi a Marco Travaglio (Satyricon) - Seconda Parte ]

[ Video : Intervista di Luttazzi a Marco Travaglio (Satyricon) - Terza Parte ]

E voi chiamate ciò che avete appena visto SATIRA?

Sino a quando la satira rimarrà una ”propaganda politica unilaterale” ci sono ben poche riabilitazioni in cui sperare.

Si inizino a rispettare le regole di quella democrazia tanto osannata proprio da chi non perde occasione di celare dietro la satira (o il buon giornalismo, se dobbiamo dirla tutta) la propria ridicola faziosità.

Faziosità che, guarda caso, è quasi sempre prerogativa di coloro che si definiscono vittime della “fastidiosa” politica destrorsa che soffoca quell’insopprimibile voglia di giustizia della quale soltanto la sinistra può esserne portavoce.

Proprio per questo mi stupisce come La7 abbia deciso di osare così tanto. Nonostante sia, infatti, un’emittente sbilanciata a sinistra, seppur delicatamente, è rimasta abbastanza equa nel controbilanciare le “presenze”, come è giusto che sia!

Mi vien da pensare che il motivo unico sia quello di un sensazionalismo legato al ritorno in video di Luttazzi che può giovare sicuramente agli ascolti ma non di sicuro alla credibilità che in questi anni era riuscita a conquistare.

Sono proprio curioso di vedere se Luttazzi prenderà ”simpaticamente” in giro anche l’attuale premier e sono ancora più curioso di vedere quali saranno le reazioni dell’attuale maggioranza di fronte ad una eventuale satira di Luttazzi. Quando c’era Berlusconi al potere!



Articoli che potrebbero interessarti


michele_santoro_rai_per_una_notte
RAIPERUNANOTTE: SANTORO, LUTTAZZI E BENIGNI CONTRO LA CENSURA DELLA RAI


Daniele Luttazzi @ Davide Maggio .it
LUTTAZZI CACCIATO, UN EPURATO AL QUADRATO!


Marco Travaglio
La7, Marco Travaglio espone la carta igienica con la faccia di Renzi. «Attenzione, puzza di m…»


Andrea Salerno
Andrea Salerno a DM: «La7 non è una all news generalista. La concorrenza di Rete 4? Noi abbiamo una storia, gli altri cercheranno di imitarci»

55 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. Alessio ha scritto:

16 luglio 2007 alle 22:50

mi dispiace, ma io non concordo con questo post.



2. Chacha ha scritto:

16 luglio 2007 alle 23:20

davide, mi dispiace ma neppure io concordo…è vero luttazzi spesso è stato al limite della decenza e del buon gusto ma nn tutto cio che ha fatto deve essere buttato al vento.è un uomo che nella sua faziosit ha sempre messo in luce fatti agghiaccianti a dir poco…poi tutti tentano di dare una mano alla propria corrente politica ma devo dire che se nn ci fossero loro che ci fanno scoprire questi altarini, questitalia sarebbe veramente allo sbando!io un intervista cosi, insieme a quella di borsellino le manderei in prima serata!!!!la gente deve aprire gli okki e farsi unidea!



3. Dranto ha scritto:

16 luglio 2007 alle 23:22

Vada per linterpretazione politica…ognuno alla fine la vede come vuole….meglio la satira che fa politica che non il contrario…indipendentemente dal colore…. Comunque La 7 secondo me è stata penalizzata parecchio….quando si è in due e si mangia tanto e bene, perchè far sedere qualcunaltro allo stesso tavolo?



4. Riccardo81 ha scritto:

16 luglio 2007 alle 23:27

Io ci sto con Luttazzi, recentemente nel 2003 è stato ospite di Pippo Baudo a “”Cinquanta”" su RaiTre, intanto cè una notizia che riguarda Carolina Morace infatti non essendo stata ricofermata a La7 infatti il programma “”Le partite non finiscono mai”" è stato cancellato, torner a Mediaset dopo l esperienza di commentatrice a “”Campioni, il sogno”" e dopo essere stata negli anni 80 concorrente a “”W le donne”" e al “”Il gioco delle coppie”", infatti sar la commentatrice di “”Domenica Stadio”" al posto di Mondonico e sar tra gli opinionisti di “”Controcampo, diritto di replica”" con Alberto Brandi.



5. Verbal ha scritto:

17 luglio 2007 alle 00:13

Post scandalosamente fazioso. Grande caduta di stile di questo Blog. Mi aspetto come minimo un post sul Tg 4 o sulla Legge Mamm del 1990 o sulla Legge Gasparri del 2004. Se dobbiamo parlare di televisione mettiamo tutte le carte in tavola. Ad esempio… un bel post sullemittente nazionale Europa 7?



6. polkqasw ha scritto:

17 luglio 2007 alle 00:40

Ad esempio… un bel post sull’emittente nazionale Europa 7? ti va bene cm satira? credo di no, xche la satira per definizione mette in ridicolo temi importanti. La satira, cm puoi leggere dalla pagina di wikipedia sulla satira, veicola verita per mezzo della risata; se hai riso allora la puoi chiamare satira politica! Se nn hai riso … be effettivamente ce poco da ridere su un presidente del consiglio falso come una banconota da 7euro! Dici, “”buon giornalismo”", sn daccordo cn te (in questo passaggio), mi sai dire xche questo buon giornalismo nn viene premiato cn interviste sul tg5 o tg1? Se lunico modo di far venire fuori questo “”buon giornalismo”" e una trasmissione satirica (che faccia ridere o no, diventa sempre meno importanti) mi sembra sciocco eticchettare il conduttore come invidioso! La mia opinione e che colpire luttazzi rispettasse il canone de “”colpiscine uno per educarne cento”". opinione mia.



7. Chingensai ha scritto:

17 luglio 2007 alle 00:46

Mi spiace ma non posso concordare. E mi meraviglio, Davide, che un blog su tv e spettacolo come il tuo non ne parli. Conosci il caso Rete4-Europa7? A quanto pare direi di no. Non me ne può fregar di meno che Berlusconi abbia tanti soldi (anzi, posso solo fargli i miei complimenti per le capacit imprenditoriali), piuttosto la gente come alcune reti TV hanno da ridire sul Berlusconi-politico. Un privato non può detenere più di due reti. Berlusconi ne detiene 3 (Canale 5, Italia 1 e Rete 4). A causa di Rete4 (che ha perso la gara per lassegnazione di frequenze), Europa 7 (di cui è titolare Di Stefano) non può trasmettere a livello nazionale perché è piombata durante il governo Berlusconi una legge ad hoc: la legge Gasparri. Chiunque voglia confidare nel pluralismo dellinformazione, specie quella tv visto che le frequenze SONO LIMITATE, non potr mai concordare con la legge Gasparri. Che di seguito nasca un certo astio, anche un po esagerato e dai toni non sempre troppo “”leggeri”" come forse la tv ric



8. Davide Maggio ha scritto:

17 luglio 2007 alle 00:49

E meraviglioso come si sveglino tutti anche alluna di notte quando si parla di politica. Meravigliosi…continuate cosi… ma non andate fuori tema. Si parla di Luttazzi e amen!



9. GentleGiant ha scritto:

17 luglio 2007 alle 08:48

Nota stonata come l solito. Parlo ovviamente della mia opinione in merito. Controcorrente rispetto agli ultimi post che entrano nel merito della figura Luttazzi come esponente televisivo della satira politica di buongusto , quella per intenderci degli anni 70/80 quando gente del calibro di Grillo , Benigni , Chiambretti etc ceteris , riuscivano a volte con garbo a volte sicuramente con toni più accesi e pretestuosi a far sorridere la gente . Si ho detto bene , “”sorridere”" , perchè questi personaggi televisivi hanno e devono avere il solo compito di intrattenere lo spettatore ………..magari anche provocando sentimenti contrastanti e risvegliando coscienze assopite ma assolutamente non devono essere “assoldati” con il “”Compito”" di educatori e “”portatori”" di verit assolute. Striscia la Notizia è lesempio per eccellenza di come si possa far satira televisiva senza essere faziosi o senza dover obbedire a “”ordini”" di partito. Divertente , funambolica , “”schizzata”" o impregnata di dietrologia e/o qualun



10. quiz-addicted ha scritto:

17 luglio 2007 alle 10:54

Caro Davide, io sono completamente daccordo con te. A me fa innervosire parecchio chi crede di darsi un tono facendo lantiberlusconiano a prescindere e poi venderebbe anche sua madre per avere un briciolo del potere di Silvio. E tutta invidia ma è dura ammeterlo! E tutti questi Luttazzi-like che vanno in tv a fare politica della mutua spacciandola per satira non mi fanno ridere per niente. Io di politica non mi interesso e non mi schiero da nessuna parte (Silvio è il mio presidente solo perché sono milanista dentro ;-) !!!) ma mi è chiaro che per fare i miliardi e sedersi su quelle belle sedioline non si può rimanere onesti e puliti…quindi sono tutti della stessa pasta…certo mi fa più sorridere chi si proclama di “”sinistra”" e poi frequenta i luoghi vip, guida macchine di lusso, veste solo firmato, ecc ecc…io lo trovo un po un controsenso, o no? E, per non andare troppo ot, questo Luttazzi a La7 lo trovo davvero fuori luogo e al riguardo mi associo pienamente a GentleGiant!



11. Multimedia Player Tv ha scritto:

17 luglio 2007 alle 11:25

Grande Luttazzi! non me lo perdo assolutamente, per me è uno dei più grandi comici satirici…



12. grammancino ha scritto:

17 luglio 2007 alle 11:43

Nemmeno io sono daccordo con questo post. Non condivido le premesse né il senso. Giudicare un prodotto (dunque anche culturale) esclusivamente dal suo valore di mercato è semplicistico e forse nocivo. Come dire che la letteratura buona è solo quella dei best seller (e allora Djuna Barnes, James Joyce etc. etc. dove li mettiamo?) E la televisione che si lascia guardare è solo quella che fa ascolti da record. Non penso. Come, del resto, non penso che chi parla male (e magari con un tantino di profondit politica in più) del signor B. voglia necessariamente avere i suoi soldi o il suo potere. tanto voler dire che chi scrive di letteratura vuole essere uno scrittore o è uno scrittore fallito, chi fa il giornalista sportivo un campione in nuce etc. Di nuovo, cè dellaltro oltre il mito di Faust… Per finire, parlare male di questo governo è come sparare sulla croce rossa. troppo facile… e non credo che Luttazzi si sottrarr a questo facile compito…



13. emy ha scritto:

17 luglio 2007 alle 12:01

Luttazzi a volte è proppo volgare per i miei gusti.. ma per il resto purtroppo non son daccordo con te..



14. fabrizio ha scritto:

17 luglio 2007 alle 12:03

Post fazioso, Luttazzi è un grande comico sei poi è cos antiberlusconiano cosa può farci ognuno ha le proprie idee………..poi lui quando fa satira la f contro tutto e tutti: destra, sinistra, religione, sesso, morte……………….è il nostro comico più cattivo avercene cos.



15. stefano ha scritto:

17 luglio 2007 alle 12:40

non sono per niente daccordo nemmeno io con questo post, passi che Luttazzi possa essere troppo volgare per qualcuno, ( ma in tv cè di molto peggio e senza nemmeno la giustificazione della satira) ma il post è fazioso a mio avviso, anche perchè se Luttazzi può avere più di un motivo per attaccare Berlusconi (ma non se la prende solo con lui come dici tu) non capisco perchè tu ce labbia con Luttazzi, ti ha fatto qualcosa di personale? Ti ha fatto perdere il lavoro? no perchè allora capirei il tuo disappunto, cos no….



16. Chingensai ha scritto:

17 luglio 2007 alle 14:24

@quiz-addicted: non invidio nessuno,tanto meno Berlusconi. basta con questa faccenda “”invidia”"… invidia di che? di un uomo che si angustia perché Rete4 va in orbita? Caro Cavaliere, rimani ricco comunque… non cè bisogno che ti agiti. Luttazzi come



17. Chingensai ha scritto:

17 luglio 2007 alle 14:33

Aggiungo anche unaltra cosa. Santoro, Luttazzi, per lappunto, Grillo e chi più ne ha più ne metta non è che “”parlano male”" solo di Berlusconi… che poi “”parlar male”". Mah dire dei dati di fatto secondo determinate fonti. Parlano male anche di altri… ad esempio, se non erro fu Beppe Grillo, che rifiutò di andare su RaiTre dove lo avevano invitato dicendogli “”parli male di Berlusconi”". Grillo lo rifiutò… il ruolo che si è preffissato non è quello di parlar male di… Berlusconi. Spero che questo passaggio sia chiaro. Cos anche Luttazzi. Non è che Luttazzi trascorre la vita parlando male di… Berlusconi. Lui fa satira (politica) e la fa indistintamente su tutti quelli su cui ha da ridire di qualsiasi colore essi siano.



18. Verbal ha scritto:

17 luglio 2007 alle 14:39

Sono in tema con il post di Travaglio e Luttazzi… Pretendo un post su Europa 7!!!



19. Beppo ha scritto:

17 luglio 2007 alle 15:00

Questo è il mio semplice e modestissimo parere.. Negli ultimi anni noto sia tra i meno che tra i più giovani (persone che come me hanno appena finito di frequentare le scuole superiori) si sta diffondendo lidea che la persona intelligente, colta e razionale è di sinistrae chi non lo è diventa automaticamente fascista senza mezzi termini. Altro esempio più concreto: dalle mie parti è nata unassociazione culturale (una di quelle dove si tengono corsi di storia, arte, letteratura, pittura, ecc. ecc.) che, sui propri volantini, afferma di essere “”democratica, libera e antifascista”"… Che interessi ha unassociazione di questo tipo, cioè culturale, nel proclamare il suo essere antifascista? Stiamo parlando di storia dellarte o di politica? Ancora un esempio: più volte si sente dire che “”questo governo ha ridistribuito la ricchezza”"… perchè è un crimine guadagnare più soldi di unaltra persona? è forse giusto che il 70% del guadagno di un libero professionista se ne vada in tasse? Nessuno arriva a



20. Chacha ha scritto:

17 luglio 2007 alle 15:04

secondo me il problema fondamentale è che litalia va cosi a rotoli perchè i giovani non si informano e non hanno nessun interesse a farlo…dopotutto noi siamo il futuro



21. Chingensai ha scritto:

17 luglio 2007 alle 15:26

@Beppo: Beppo il tuo argomento, s, è off topic però avrebbe potuto avere senso nel caso in cui certi soggetti della satira dicessero solo parte dei fatti. Ma cos non è. Luttazzi non è che critica negativamente solo Berlusconi… questo punto è ch



22. Beppo ha scritto:

17 luglio 2007 alle 16:49

Purtroppo andrò ot: “”c’è la redistribuzione delle ricchezze perché viviamo in un paese socialista e civile, non nel far west dove il primo arrivato si impossessa di tutto”". E un sillogismo piuttosto strano. Anzitutto chiediamoci: è giusta questa ridistribuzione? penso di no e il motivo lho gi detto in precedenza. Secondo: siamo davvero in un paese civile? Voglio dire, siamo davvero in un paese dove possiamo vivere civilmente? Chiarisco ulteriormente: con le tasse degli intaliani si va a migliorare almeno il sistema di istruzione, sanit e sicurezza del nostro paese? La scuola italiana sta perdendo credibilit e non servono tre membri esterni in un esame di scuola superiore per fargliela acquisire. Prima di arrivare allesame di maturit ci vogliono cinque anni durante i quali gli studenti possono essere fermati. Leffetto della nuova maturit è stato quello di abbassare i voti finali. Lultima prova non conta nulla, è solo unaltra valutazione. Il problema sono i programmi arretrati e in un li



23. Chingensai ha scritto:

17 luglio 2007 alle 17:42

@ Beppo: Le critiche soggiungono dinanzi a frasi come “”Il reddito medio degli italiani è passato da 24,670 dollari del 2001 a 27,119 dollari del 2005;”" (informazione che puoi leggere sul sito ufficiale di Forza Italia). Or dunque, siamo in Italia, cè leuro, perché xxxxx mi esprime il reddito in dollari? Perché nel 2001 1 dollaro=1,15euro mentre nel 2005 1dollaro=0.83euro. Morale della favola: il mio reddito è passato da 28370.5euro a 22508.77 euro, (quindi ben 5.861.73 euro IN MENO). Eh ha fatto bene a dire “”il reddito è PASSATO”" piuttosto che AUMENTATO… eh gi , perché infatti non è aumentato, ma diminuito. Ma il bello della faccenda è che questa notizia sta in un elenco dal titolo “”A quanti italiani abbiamo migliorato la vita”". Strano… questi giochetti nella sinistra ancora non li ho visti. Forse a Luttazzi vien difficile criticare la sinistra allo stesso livello della destra per un semplice motivo: mancano gli elementi :-)



24. davide ha scritto:

17 luglio 2007 alle 17:45

ma chi ha detto che chi è di sinistra nn può vestir firmato, guidare macchine buone, ecc. io ho votato a sinistra (che me ne sia pentito sperando in leggi per le coppie di fatto, ecc è un altro discorso) ma nn sono una zecca!



25. Davide Maggio ha scritto:

17 luglio 2007 alle 17:50

State calmi e non andate off topic altrimenti inizio a moderare.



26. Valeria ha scritto:

17 luglio 2007 alle 18:50

Post sfacciatamente fazioso… ma ciò non mi turba affatto… siamo in democrazia, vero?! Ciò che mi preme precisare, invece, è che Marco Travaglio ha vinto la causa con Mediaset, insieme a Luttazzi, Freccero e Ballandi, per lintervista a Satyricon…. ma i Giudici della I Sezione del Tribunale Civile di Roma sono molto invidiosi dei soldi di Berlusconi e non potevano pronunciarsi diversamente.



27. Beppo ha scritto:

17 luglio 2007 alle 19:04

Vogliamo dunque negare lesistenza dei reali motivi che hanno dato il via a un “”impoverimento”" di massa che ha influenzato altri paesi europei? Dimentichiamo quindi linflazione (che esiste da sempre)? Laumento dei prezzi dei prodotti alimentari e di consumo (frutto di unuguaglianza creata da diversi commercianti, ovvero 1 = 1000 lire); neghiamo anche lalchimia dei benzinai? avete notato che quando il costo del petrolio aumenta, aumentano anche i prezzi, ma perchè quando loro nero subisce un abbassamento del prezzo, la benzina continua a costare sempre di più? Pensate che laumento di una delle gradi certezze della vita (le tasse) non abbia minimamente influito? Pensate che vincendo levasione si vada da qualche parte? Sta di fatto che il potere dacquisto delleuro sta continuando a salire e non possiamo negarlo affatto, visto che ha sorpassato di gran lunga il dollaro.



28. Davide Maggio ha scritto:

17 luglio 2007 alle 19:38

Volevo informare tutti che i commenti con indirizzi email non validi saranno automaticamente cancellati. Fortunatamente, per questo post, ci sono stati solo due messaggi che ho provveduto a ripescare dal cestino. Ma se si fosse piu corretti… i messaggi passerebbero automaticamente in coda dapprovazione.



29. Susie ha scritto:

17 luglio 2007 alle 20:58

Questo giudizio su Luttazzi è veramente molto più fazioso di lui. Luttazzi è un grandissimo comico: in pochi anni è riuscito a staccarsi da “”Mai dire…”", creare dei suoi programmi senza comprare format esteri. Quando è stato epurato, conduceva un programma di successo sulla RAI, successo di pubblico intendo, basta controllare i dati auditel (lo stesso potrebbe essere detto per i programmi dei Guzzanti!). E semplicemente ingiusto che una persona venga “”epurata”" per motivi politici e non certo di qualit ! Travaglio, inoltre, è il giornalista più preparato dItalia e tutto ciò che scrive nei suoi libri (quindi anche quello che ha detto durante la famosa intervista) è preso da atti pubblici che tu stesso, caro Davide, puoi controllare. Quando inizier il programma vedremo se il pubblico lo desiderasse o meno. Certo, giudicare un programma, dedicargli un post tanto lungo prima che esca non ti rende onore.



30. Richard ha scritto:

17 luglio 2007 alle 21:24

Secondo me Luttazzi ha un grande potenziale, ma lo spreca! Ai tempi di “”Mai dire …”" era il mio preferito. Appena si è alzato a giudice politico mi ha deluso. Sono daccordo con Davide, perchè la politica va solo irrisa. Le offese ai politici sono offese a persone. Luttazzi offende. Poi vorrei ricordare che Offendere il premier è offendere chi abbiamo votato o alle urne non cè andato mai nessuno? Poi le offese alla sinistra sono solo piccole critiche, mentre la destra è attaccata in ogni rete. Se davvero Berlusconi controlla le televisioni perchè lo offendono tutti. Torno in Topic. Mi spiace per la 7 che stimo come rete. Brutta cadut adi stile. Appello a Luttazzi: Torna a fare i tuoi vecchi personaggi e abbandola il ruolo di predicatore! @Chingensai: Per quanto riguarda la canzone del Bagaglino e altro. Erano gli unici che hanno avuto lo spudorato coraggio di mettere davanti agli occhi della gente la verit ! In più cerano presenti politici di Dx e SX e nessuno li ha querelati. Sai perchè? Perche ir



31. Richard ha scritto:

17 luglio 2007 alle 21:27

Non mi ha preso il precedente post. Comunque non riesco ariscrivere il tutto uguale. Luttazzi mi piaceva di più quando era un semplice comico. Ora lo trovo troppo eccessivo. La 7 ha perso un pò del suo stile emi disopiace. La politica la lascio fuori, ma mi è piaciuta la discussione!



32. Richard ha scritto:

17 luglio 2007 alle 21:31

@chingensai: il Bagaglino è uno dei pochi che ha avuto il coraggio di criticare apertamente il governo. Poi la presenza di politici di DX e SX mi sembra sia stata una garanzia di onest ! Sai perchè. Irridevano ma non opffendevano come fa Luttazzi @Bepp



33. France ha scritto:

17 luglio 2007 alle 22:26

Anche a me piaceva Luttazzi a Mai dire….Diciamo che lasciando perdere il fatto che Luttazzi sia spudoratamente antiberlusconiano, ( lo sar davvero cos tanto o solo per comodo?) questi comici che vogliono far politica servono solo a far polemica, e forse neanche tanto costruttiva. Cè solo da chiedersi: Luttazzi sar abbastanza intelligente da capire che la satira può essere fatta diversamente, e magari anche attraverso un bel programma senza sputare m…. a destra e sinistra ( in questo caso solo a destra, per la verit !) ?



34. silvia78 ha scritto:

18 luglio 2007 alle 08:18

tutto vero, a me luttazzi non piace, la sua è una satira che non mi fa ridere per niente..preferisco la litizzetto almeno lei tira in ballo dx sx vaticano….per il resto..la7 non la prendo proprio e non lho mai vista quindi possono fare le scelte giuste o sbagliate nei palinsesti e nellarruolare personaggi più o meno famosi che a me sincermente non mi fanno nè caldo nè freddo…………….



35. stefano ha scritto:

18 luglio 2007 alle 12:09

mamma mia….ma per quelli che dicono che luttazzi sputa m….da sulla dx, ma siete andati a verificare da qualche parte se si tratta solo di m….da o si basa su cose reali? @Richard: eh certo che per difendere il bagaglino ce ne vuole….di certo non è satira quella ma comicit di bassissimo livello….che a me non f ridere per niente…e ti credo che non verrranno mai querelati visto che fanno solo battutine senza nessun fondamento….non spaventano nessuno….se non tiri in ballo la verit nessuno corre pericolo e nessuno ti querela… cmq x tutti quelli che continuano a criticare la satira di luttazzi dicendo che non doveva buttarsi sulla politica, andatevi a vedere da qualche parte la definizione di satira e vedrete che è proprio quella che f luttazzi, molto meno quella che f la Litizzetto, che personalmente adoro, ma la sua è più comicit che satira a parte qualche eccezzione (soprattutto con la chiesa)



36. luisportiago ha scritto:

18 luglio 2007 alle 12:26

davide davide…. come fai a dire certe cose su luttazzi? nelle tv straniere la satira è ben più pesante di quella italiana!! luttazzi fa bene a tornare….



37. Davide Maggio ha scritto:

18 luglio 2007 alle 12:32

@ luisportiago : piu pesante ma probabilmente piu bilanciata!



38. Chacha ha scritto:

18 luglio 2007 alle 14:41

beh secondo me se la satira in italia non è bilanciata e colpisce quasi solo la destra è perchè probabilmente essa fornisce + spunti…anke se con il governo barzelletta di questi ultimi 2 anni i comici avrebbero lavoro a bizzeffe.cmq era prevedibile secondo me un ritorno di luttazzi, antiberlusconiano per eccellenza, visto che al governo nn cè un governo di sinistra ma cè nè uno contro berlusconi!



39. Susie ha scritto:

18 luglio 2007 alle 17:17

Ma che significa che la satira negli altri paesi è più bilanciata? Io ricordo benissimo che ai tempi del precedente governo di sinistra la Guzzanti faceva una feroce parodia di DAlema! E suo fratello di Prodi e di Veltroni. Cè un filmato molto cliccato su you tube tratto dallottavo nano (ultimo programma della premiata ditta Dandini-Guzzanti) in cui si parodizza con un presunto dialogo tra Livia Turco e Veltroni limprobabile candidatura di Rutelli nel 2001… e per tutto quel programma questa cosa era ribadita fino allo sfinimento. Si prendeva in giro la sinistra di brutto. Cos come faceva Sabina Guzzanti nel suo “”La Posta del Cuore”". Te ne ricordi Davide??? Mi sembra che si faccia presto a dimenticare!!! Luttazzi nello stesso periodo era ancora presso Mai Dire e nel caso non si occupava di politica ma faceva solo i personaggi. Anche nei suoi programmi, per dire il vero, non si è occupato di politica. Quando ha invitato Travaglio ha invitato un giornalista preparato (che sputa “”merda/verit “” su tut



40. Cristiano ha scritto:

20 luglio 2007 alle 17:47

Totalmente daccordo con questo post… Non vorrei che la7 si sia stufata di essere considerata tv delite e abbia deciso di puntare al grande pubblico. E evidentemente aveva bisogno di uno con un nome altisonante che non costasse molto. Narciso comè, Luttazzi avrebbe accettato un contratto di 5 euro pur di mettere il faccione in onda. Facciamogli fare questa benedetta trasmissione, cos finalmente ci togliamo dalla balle la noiosissima tiritera del “”sono stato epurato”".



41. Davide Maggio ha scritto:

20 luglio 2007 alle 17:51

@ Cristiano : proprio cosi… e sono felice soprattutto perche commenti da un luogo a me molto caro :-)



42. Massimiliano ha scritto:

24 luglio 2007 alle 10:57

Innanzitutto Satyricon era un talk show allamericana, fatto di interviste. Hai mai visto il David Letterman Show, tu che fai lesperto di tv? Letterman inizia con il suo monologo e il programma procede fra interviste e gag varie. Lintervista del giorno era a Marco Travaglio, autore di quel libro sul quale (fra laltro) sono scritte tutte cose vere e documentabili. Lui fu epurato per questa intervista. Laccusa di fare politica è vecchia, molto vecchia… dai tempi di Aristofane. La sarira è fatta cos: memoria di un fatto storico e commento comico dellautore. Il punto è che in italia siamo disabituati alla satira, purtroppo! Perchè la7 lha voluto? non penso per sensazionalismo…piuttosto credo che sia dovuto al fatto che Satyricon abbia fatto ottimi ascolti. Tutto qui.



43. jumps ha scritto:

2 agosto 2007 alle 15:15

Caro Davide, i commenti al tuo post sono da soli sufficienti a dimostrarti che sei palesemente fazioso nel tuo giudizio su Luttazzi. O per lo meno male informato. Quando disse “”Italia di merda”" si riferiva a chi,nonostante le chiare magagne con la giustizia,riesce sempre a farla franca. Travaglio ha solo esposto i fatti, io non sono antiberlusconiano ma sono contro chi ruba,inganna e poi la fa franca. Riguardo al cattivo gusto,ragazzi…questa è la satira, informatevi,cè Wikipedia e tanti tanti libri sul tema! Concludo: non è retorica dire che i vari Grandi Fratelli e Studi Aperti tengono litaliano lontano da ciò che è diverso dal buonismo e dal qualunquismo, basti vedere che polverone sè alzato per la trasmissione del filmato della BBC sui preti pedofili sulla Rai, seppure esso fosse reperibile in rete ormai da più di un anno!Insomma: non importa se una cosa è vera, se essa offende il “”pudore”" di qualcuno deve essere taciuta o almeno censurata. Ma non eravamo in una democrazia moderna????



44. Davide Maggio ha scritto:

2 agosto 2007 alle 15:20

@ jumps : fammi capire un attimo… la democrazia di cui tanto si parla… non prevede che ciascuno possa esprimere liberamente le proprie idee? Quelle che leggi in questo post sono le mie idee. Questo è! In relazione a Wikipedia… beh… meglio che non ci si impelaghi in discussioni del genere… perche, per quanto ricca, non e assolutamente libera e in alcuni casi tuttaltro che affidabile visto che le notizie e le informazioni non sono certificate. Lo stesso ideatore ha dato vita ad un altro progetto decisamente piu affidabile.



45. Blackmore ha scritto:

20 agosto 2007 alle 22:22

Luttazzi ha tutti i diritti di andare in onda senza subire la censura, il pubblico ha il diritto di scegliere quale programma guardare. Luttazzi ha il dovere di rispettare la Legge. Semplice, no ?



46. Davide Maggio ha scritto:

20 agosto 2007 alle 22:41

@ Blackmore : condivisibile…



47. Massimiliano ha scritto:

21 agosto 2007 alle 12:51

Non capisco perchè lautore del blog non abbia risposto al mio commento…



48. Anto ha scritto:

16 settembre 2007 alle 01:31

Luttazzi rispetta la legge. Può piacere oppure no, ma la censura è stata gravissima. Quanto al cattivo, gusto trovo quanto meno ridicolo imputare ciò a Luttazzi con i programmi di canale 5 (e non solo, era solo un esempio. Quoto Jumps, che non credo abbia impedito a Davide di esporre le proprie idee. Lidea poi che chi segnali le malefatte di un qualsiasi prepotente (colore a parte, vedi Onorevoli wanted) che riesce a farla franca è solo invidioso merita un posto donore tra le fallacie.



49. michele ha scritto:

20 settembre 2007 alle 18:07

La satira è SEMPRE faziosa, è ovviamente di parte, è lespressione di un punto di vista, e spesso questo punto di vista viene espresso sulla politica (gli altri punti sono religione, sesso e morte…insomma i vari tabù umani), e viene espressa con varie tecniche retoriche derivanti dai vari Ruzante, Rabelais ed altri satiri…leggerseli prima di scrivere sulla satira. Il problema è che la parola “”satira”" è stata svuotata del suo significato originario e declassificata a “”presa in giro”", sfottò. E OGGI la gente non è più abituata alla satira “”storica”", non è educata a coltivare il dubbio in modo ironico e aggressivo, è stata educata solo allo sfottò, che è umorismo, quisquilia. La satira si è sempre rivolta al potere per rivelarne il malcostume, le contraddizioni. il fatto che una persona come Berlusconi abbia ricevuto un “”trattamento”" cos aggressivo a Satyricon dovrebbe far riflettere sul fatto che FORSE, qualcosa di sospetto dietro di lui cè, invece cè stata una levata di scudi per partit



50. MAcAnatomist ha scritto:

21 settembre 2007 alle 14:15

Non condivido assolutamente i contenuti del post. Luttazzi ha sempre stilettato a destra, al centro e a sinistra: asserire il contrario significa avere una conoscenza meno che superficiale del personaggio e/o ragionare per preconcetti. SImone Dalle Carbonare.



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.