29
ottobre

NYMPHS: NIENTE SESSO SIAMO NINFE MALEDETTE

Nymphs - Sara Souliè

Le donne fatali sono sempre state uno dei punti forti della letteratura e del cinema: da Catherine Tramell di Basic Instict a Jessica Rabbit in Chi ha incastrato Roger Rabbit: ma cosa accadrebbe se queste donne stupende custodissero dentro di sé un grande male, capace di condurre alla morte qualunque uomo subisca la loro malìa? Nymphs, il nuovo fantasy-drama finlandese prodotto da Fisherking e presentato in anteprima al recente Roma Fiction Fest, sviscera questo assioma e farà il suo debutto in prima tv su Sky Uno da stasera alle 21.10.

La “maledizione sessuale” delle Nymphs

Così come Zoe di American Horror Story Coven, anche per le Ninfe della serie l’amore equivale a una condanna a morte. Le tre protagoniste sono Didi (Sara Souli), Chaty (Rebecca Viitala) e Nadia (Manuela Bosco). Didi, la più giovane delle tre, proviene da una piccola città e, come tante ragazze della sua età, sogna romanticamente la sua prima volta. Ma, come c’era da aspettarsi, subito dopo aver consumato il suo primo rapporto col fidanzato, quest’ultimo muore. Saranno Chaty e Nadia, due seducenti sconosciute, a svelarle la maledizione che l’affligge: Didi è in realtà una Ninfa condannata a uccidere tutti gli uomini con cui fa l’amore nelle notti di luna piena. Se tenterà di sottrarsi a questo rito crudele sarà lei stessa a morire.

A complicare la situazione ci sono i Satiri, creature senza scrupoli che danno la caccia alle Ninfe per ristabilire l’antica tirannia che li vedeva primeggiare su di loro. Quando i Satiri scopriranno dell’esistenza di Didi cercheranno in tutti i modi di farla fuori, convinti che sia lei la leggendaria Ninfa che porterà le altre alla libertà. Quella di Didi è una vita sottomessa alla fuga, nella quale potrà contare solo sulle due nuove amiche, Nadia e Chaty, che la metteranno in guardia dai pericoli della sua condizione insegnandole a sopportare il peso dell’immortalità senza mai lasciarsi andare all’amore vero. Malgrado il plot non sia particolarmente originale, l’idea di puntare sulle Ninfe, personaggi mai realmente affrontati dal piccolo schermo, ci appare coraggiosa, sperando che gli autori rendano giustizia alla mitologia e al fascino di queste figure.

Nymphs: parla la protagonista

All’anteprima del Roma Fiction Fest si è presentata Sara Souliè, ovvero Didi, che ha parlato a fondo del suo personaggio e della storia in cui è coinvolta.

“In questa serie rappresentiamo emozioni e sentimenti. Parliamo di una diciassettene e io mentirei se dicessi di non avere avuto qualcosa in comune con lei. Didi nella serie vive un’altalena di emozioni, è una persona onesta, è impulsiva, vuole ottenere quello che vuole ed è aperta verso le cose che non comprende. Credo che tutte le donne sentano di avere qualcosa in comune con Didi”. E ancora: “Il nuovo approccio è che il potere è in mano alle donne, e questa è la caratteristica distintiva di Nymphs. Io credo che le donne sono forti anche nella realtà”.

Dopo aver terminato i 12 episodi della prima serie, lo scrittore anglosvedese William Aldridge sta lavorando a un film, le cui riprese inizieranno il prossimo anno con un budget intorno ai cinque milioni di euro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gomorra 3
Palinsesti Sky 2017/2018: le serie e i film


fallon tonight show
Flop a stelle e strisce


Keshia Knight Pulliam (Rudy Robinson) oggi
Come sono diventati i bambini delle serie TV – Foto


Professione Vacanze
10 Serie d’Estate mai dimenticate

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.