13
settembre

HANNIBAL: PIATTO GUSTOSO, MA NON TROPPO

Hannibal - Hugh Dancy

“Più vicino per favore. Più vicino” chiedeva un magnetico Anthony Hopkins a una giovanissima Jodie Foster al di là di una lastra di vetro spessa e blindata ne Il silenzio degli innocenti. Ora, di quello sguardo ipnotico e di quella voce calda e rassicurante è rimasto solo il nome: Hannibal Lecter. Lo psicoterapeuta forense impersonato da Mads Mikkelsen nell’omonima serie in onda su Italia1 ha un non so che di artefatto, di dandy ottocentesco. Ma i suoi occhi languidi e la sua calma imperturbabile ne fanno, comunque, un personaggio interessante e misterioso, ma andiamo per ordine.

Un detective dalle stesse doti preveggenti di Allison Dubois che entra nelle mente degli assassini per ricostruirne i movimenti perdendo inesorabilmente il contatto con la realtà. Uno psichiatra freddo e impassibile con la passione per il cannibalismo pronto ad aiutarlo e la risoluzione dei casi di omicidio più disparati. Gli ingredienti per una serie di successo ci sono tutti, senza contare le inquadrature finemente realizzate, i sapienti giochi di luci ed ombre ed effetti speciali più credibili del Veritaserum di Severus Piton. Eppure, sembra che in questo piatto gustoso e abilmente confezionato manchi qualcosa. Il ritmo, alquanto calante e sottotono, stenta a decollare, così come lo stesso Lecter, a volte troppo ingessato e poco mefistofelico.

Certo, bisogna dire che alcune scene, come la cottura in padella di un polmone alla Hannibal e il ritrovamento di una masnada di corpi ricoperti da funghi selvatici, potrebbero spingerci a rigettare la bistecca ai ferri trangugiata a cena pochi istanti prima, ma poco importa. Il turbamento psicologico di Will Graham, interpretato da uno straordinario Hugh Dancy, è palpabile fin dai primissimi fotogrammi dell’episodio pilota, mentre la presenza rassicurante di Laurence Fishburne, il Raymond Langston di CSI, mette lo spettatore a proprio agio anche in presenza delle scene più cruente. Possibile che la nota stonata di questo prodotto sia proprio colui che dà il nome alla serie?I ben informati ci rassicurano di non trarre conclusioni affrettate e di attendere lo sviluppo delle prossime puntate, ma non si dice, forse, che il valore di una serie si valuti partendo dal suo pilot? Che piaccia o meno, Hannibal è una produzione interessante, ben girata e originale, anche se, almeno per il momento, la pesante eredità tramandata dal Premio Oscar Anthony Hopkins sembra non essere stata onorata a dovere.

#TeleRatti2013 Vota il peggio della Tv

CLICCA QUI

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Hannibal 3
HANNIBAL 3: LECTER RIPARTE DA FIRENZE. NEL CAST FORTUNATO CERLINO


Top Crime
PALINSESTI TOP CRIME 2016/2017


Hannibal 3
HANNIBAL 3: L’ULTIMA STAGIONE PARLA ITALIANO. DA STASERA SU PREMIUM CRIME


Hannibal 2
HANNIBAL 2: SU TOP CRIME ARRIVANO LE NUOVE “RICETTE” DEL DOTTOR LECTER

7 Commenti dei lettori »

1. Denny B. ha scritto:

13 settembre 2013 alle 12:04

Un po’ di pazienza, è appena cominciata. Mads ha grande talento, c’è lo mostrerà nelle prossime puntate. Purtroppo le troppe pubblicità spezzano il ritmo e per questo risulta un po’ lento, ma è sicuramente un ottimo progetto, con una fotografia d’impatto, una regia fine e attenta e un doppiaggio splendido.
È normale che se si dice Hannibal Lecter si pensa subito ad Anthony Hopkins, però io a Mads una chance gliela do eccome perché, ripeto, è un grande attore (vedere “Il sospetto”).



2. teoz ha scritto:

13 settembre 2013 alle 12:09

a me è piaciuto, sopratutto per l’impronta psicologica del protagonista. Raramente un telefilm mi prende così bene dai primi 2 episodi…promosso



3. Nina ha scritto:

13 settembre 2013 alle 12:18

Anche a me è piaciuto. Veramente straordinario Dancy e anche Hannibal va bene. Io che ho letto i libri l’ho trovato credibile.



4. Mario Manca ha scritto:

13 settembre 2013 alle 13:14

Proseguirò la visione della serie e vedrò come si evolveranno l’intreccio e il profilo dei personaggi ;)



5. comare ha scritto:

13 settembre 2013 alle 14:46

Visto e approvato! Continuerò a seguirlo, mi sembra un buon prodotto. Solo che ormai non sono più abituata a tutta quella pubblicità, mi ha ucciso. D’ora in poi lo registrerò per tagliare velocemente. Ma come si fa? Più pubblicità che telefilm.



6. Mattia Buonocore ha scritto:

13 settembre 2013 alle 14:49

Io l’ho visto distrattamente e ci ho capito ben poco!



7. lory ha scritto:

13 settembre 2013 alle 14:53

Come ho già scritto ieri in un post precedente i primi tre episodi sono piuttosto ostici ma poi la serie ti prende totalmente e Mads si rivela un dottor Lecter da…leccarsi i baffi e ribadisco che il doppiaggio non aiuta.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.