12
settembre

HANNIBAL: IL DOTTOR LECTER E LE SUE RICETTE “UMANE” DA STASERA SU ITALIA1

Mads Mikkelsen

Chissà se Carlo Cracco, Joe Bastianich e Bruno Barbieri avrebbero apprezzato la dote culinaria di un giovane e glaciale Hannibal Lecter alle prese con la cottura a puntino di un polmone umano durante la prima puntata dell’omonima serie sul famoso psichiatra, in onda da stasera alle 21.10 in prima tv su Italia1. Ventidue anni dopo il successo straordinario del Silenzio degli innocenti, Bryan Fuller, già sceneggiatore di Heroes o Pushing Daisies, riprende il soggetto per un prequel televisivo, concentrato sul rapporto fra il Dottor Lecter e l’investigatore speciale dell’FBI Will Graham.

Da stasera, la prima serata del giovedì di Italia1 sarà dedicata, così, allo psichiatra forense appassionato di piatti a base di carne umana e al profiler Graham, talmente empatico e suggestionabile da riuscire a calarsi nella mente degli assassini per prevenirne mosse e pensieri. Per aiutarlo a mantenere il controllo sul suo terribile dono, l’agente Jack Crowford gli affianca proprio il buon vecchio Hannibal, interpretato da Mads Mikkelsen, miglior attore a Cannes l’anno scorso, che tenterà di renderlo cosciente delle sue possibilità e di assimilarlo a sé. Ci riuscirà?

La serie, che con i suoi tredici episodi tingerà il giovedì sera di rosso, è stata definita dall’Hollywood Reporter “fra le migliori sorprese di questa stagione” e cercherà di rendere giustizia al controverso personaggio creato dalla penna di Thomas Harris, reso celebre dall’interpretazione da Oscar di Anthony Hopkins. Come se la caverà Mikkelsen con un’eredità così? Il rapporto fra Hannibal e Graham risulterà tanto forte e affascinante come sulla carta?D’altronde, non è la prima volta che Mikkelsen e Hugh Dancy lavorano a una stessa produzione, era già capitato nel 2004 sul set di King Arthur e i bene informati dicono che sia stato proprio quest’ultimo a raccomandare il danese Mads nel ruolo principale della serie che, fra l’altro, è stata già riconfermata dalla Nbc per una seconda stagione. Riuscirà Hannibal a stregare anche il pubblico italiano? Appuntamento a stasera alle 21.10 su Italia1 per scoprirlo. Bon appetit!

#TeleRatti2013 Vota il peggio della Tv

CLICCA QUI

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


CSI Scena del crimine
ADDIO CSI, THE FOLLOWING E REVENGE. ECCO TUTTE LE SERIE CANCELLATE. A RISCHIO ANCHE HANNIBAL


TOPCRIME_palinsesto
TOP CRIME: LE PRIME TV DI HANNIBAL E MAJOR CRIMES NEL PALINSESTO DEL CANALE 39


Keshia Knight Pulliam (Rudy Robinson) oggi
Come sono diventati i bambini delle serie TV – Foto


The Inhumans
Serie Tv: le news dal Comic-Con 2017

1 Commento dei lettori »

1. Lory ha scritto:

12 settembre 2013 alle 15:45

Ho visto la serie in contemporanea con l’America e dopo i primi episodi un po’ troppo “crudi” per rimanere in tema culinario, la serie mi ha conquistata, Mikkelsen se la cava alla grande presentando un Hannibal dandy sia nel vestire, sia nella nouvelle cousine che instaura un rapporto padre-figlio del tutto particolare con un personaggio della serie e che ci lascia nel dubbio fino alla fine per capire se in lui ci sia una parte di umanità che vede in Graham un potenziale compagno di vita oppure se in realtà abbia manipolato tutto e tutti per giungere al climax finale. Degno di nota anche il rapporto con la sua analista l’enigmatica Dana Scully che quelli della mia generazione ancora ricordano con deferenza…spero in un doppiaggio all’altezza perchè molti dialoghi si giocano sull’intonazione, sui silenzi, sulle intenzioni e un doppiaggio approssimativo renderebbe questo gioiellino una serie come tante, avviso ai naviganti non so se verrà trasmessa nella versione integrale, certo è che la visione a molti potrebbe restare sullo stomaco…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.