11
marzo

ARROW: DA STASERA SU ITALIA1 LE AVVENTURE DEL ROBIN HOOD DE’ NOANTRI CON IL BELLOCCIO DI TURNO

Arrow - Stephen Amell

Arrow - Stephen Amell

Sono già tutte in visibilio, le giovani spettatrici italiane. Sì, perché stasera debutta in prima tv assoluta su Italia1 (e dal giorno successivo sarà disponibile per gli abbonati Mediaset Premium anche su Premium Play) la nuova serie tv di theCW, Arrow. E se è vero che la serie già si lascerebbe tranquillamente seguire per l’interessante trama, è altrettanto vero che il pubblico femminile del Belpaese impazzirà presumibilmente solo per l’attore protagonista, Stephen Amell, sex symbol canadese che nel giro di pochi mesi ha ottenuto variegati premi oltreoceano, più per i suoi pettorali che per altro. Stephen a dire il vero non è un volto così sconosciuto agli appassionati delle serie oltreoceano: già nel cast della seconda stagione di The Vampire Diaries, ha fatto qualche cameo qua e là, da 90210 a New Girl, ma anche CSI, Hung, NCIS: LA e CSI.

Ora il grande riscatto con Arrow, prodotta da Warner Bros Television in collaborazione con DC Comics e ideata da Greg Berlanti – già sceneggiatore e producer di Dawson’s Creek e Brothers & Sisters -, Marc Guggenheim – co-creatore con Berlanti di Eli Stone – e Andrew Kreisberg – producer e sceneggiatore della prima stagione di Fringe, ma ha collaborato anche per The Vampire Diaries. Arrow tra l’altro è stato uno dei migliori debutti nella storia di theCW con ben 4.14 milioni di spettatori, sotto a 90210 e The Vampire Diaries ma decisamente (molto) meglio di tutte le recenti proposte del network, con una media dei 16 episodi trasmessi ben al di sopra dei 3 milioni di spettatori, tanto da ottenere il rinnovo per una seconda stagione.

Basata sul personaggio del supererore Freccia Verde della DC Comics, in Arrow si narrano le vicende del miliardario Oliver Queen, creduto morto da tutti ma in realtà naufragato su un’isola deserta, dove sarà costretto a sopravvivere per cinque lunghi anni. Tratto in salvo e riportato a casa, a Starling City, Oliver farà di tutto per portare a termine la missione lasciatagli dal padre in punto di morte: combattere il crimine ed eliminare tutti quei malviventi che hanno infestato la tranquilla cittadina.

Sotto le mentite spoglie dell’Incappucciato, armato di arco e frecce e aiutato dall’amico Diggle, Oliver la notte si trasformerà nel Robin Hood de noantri per fare finalmente giustizia a Starling. Azione e avventura, ma anche sentimenti, come in tutte le serie che si rispettino di theCW: il protagonista dovrà infatti fare i conti anche con il suo passato, e non è detto che la sua lei (Laurel, interpretata da Katie Cassidy) lo abbia aspettato a braccia aperte.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Arrow 3
ARROW 3, DA STASERA SU ITALIA 1. 5 CURIOSITA’ SULLA SERIE


Arrow
ARROW: IL COCKTAIL PERFETTO DI UN’ANTICA RICETTA


Supergirl
I supereroi di Italia 1 traslocano: Supergirl, The Flash, Arrow e Gotham relegati al sabato


Supergirl e Superman
SERATA SUPEREROI SU ITALIA1: AL VIA SUPERGIRL 2, THE FLASH 3, ARROW 5 E GOTHAM 2

2 Commenti dei lettori »

1. Curiosity ha scritto:

11 marzo 2013 alle 20:17

Sono molto curioso degli ascolti, questo è un banco di prova importante che ci dirà molto sul futuro dei serial, in chiaro sulle generaliste. 1° Perchè è una serie bella 2°Perchè è una serie giovane per un pubblico giovane come dovrebbe essere quello di Italia 1 3° Che forse è il motivo + importante, viene messo non dico in contemporanea ma quasi con la serie in inglese.

Detto questo, io non lo vedrò perchè lo sto già seguendo sottotitolato….



2. mugnezz ha scritto:

12 marzo 2013 alle 02:49

bè doppiaggio perfetto ben fatto , serie molto carina e gradevole da guardare, non farà successo quindi



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.