2
settembre

LA NUOVA SQUADRA: QUESTA SERA, SU RAITRE, LA SECONDA STAGIONE ANCORA RINNOVATA

La Nuova SquadraQuesta sera, con 22 episodi per 11 prime serate, riprende su Raitre La Nuova Squadra, con la seconda stagione in prima tv. La seconda stagione? Sì perchè, effettivamente, dopo il restyling della precedente, pochi sono rimasti i punti in comune con l’orginaria serie; La Squadra, appunto.

Erano rimasti la camorra, la Polizia di Stato e la città di Napoli, a fare da sfondo e da terzo invisibile protagonista della serie. Ed oggi cosa ci aspetta? Ancora novità, dopo una prima, deludente stagione ed uno share dell’8%, di due punti inferiore alla media che raggranellava l’originaria fiction. Sì, perchè nemmeno nemmeno la nuova ambientazione (il commissariato Spaccanapoli), il nuovo corpo di poliziotti (i falchi: quelli in motocicletta, per intenderci), la nuova sigla, le puntate di poco più lunghe ed un cast quasi completamente rinnovato sono bastati a dare nuova linfa alla serie.

A fare un mea culpa è direttamente il responsabile di Rai fiction, Francesco Nardella: “Inutile nascondere che la serie precedente è stata molto controversa dal punto di vista dei contenuti. Non vogliamo negare ciò che abbiamo fatto in passato, ma ne La Nuova Squadra il conflitto interno torna ad essere quello tra polizia e criminalità. Davanti al pericolo esterno, il commissariato si ricompatta“. Ed il pericolo esterno avrà il volto di Andrea Tidona ed il nome di Antonio Barone, detto anche “o cafone”. A fronteggiare questa minaccia, un nuovo vicequestore: Andrea Lopez, interpretato da Marco Giallini. 

Il vero nemico da fronteggiare, però, resta sempre lo stesso ed è reale: la chiusura della serie. “Non so ancora se la serie andrà avanti – aggiunge Nardella – ma sarebbe triste se questa esperienza di lavoro e legalità maturata a Napoli debba con la crisi chiudere i battenti“.

Nel frattempo, nell’attesa insperata di un’eventuale chiusura, godiamoci le nuove puntate, in cui dovremmo fare la conoscenza anche di un giovane attore, Luigi Cassandra, classe 1978, gigolò per fiction e playboy nella realtà. E se il ruolo di finto bellimbusto gli va stretto nella finzione (“mi sento un po’ relegato in uno sterotipo e vorrei liberarmi di questa etichetta” afferma preoccupato e dolente, lui che – dice – proviene dall’actor’s studio), nella vita reale appare più sereno.

E la sua tranquillità sentimentale ha le forme burrose di una certa Valeria Marini:ha le stelle negli occhi, è determinata e sa quello quello che vuole: è una brava show-girl, un’attrice che si mette in discussione e anche un’ottima imprenditrice“. Se dice questo, “è veramente innamorato” verrebbe da dire. Ma, poi, aggiunge: “La sua bellezza è talmente forte e perfetta da sembrare surreale“. E a quel punto, almeno noi, possiamo tornare coi piedi per terra.

Dunque, tra camorra, gigolò e quant’altro ancora, appuntamento a questa sera, ore 21:10, Raitre, con i primi due episodi della seconda stagione de La Nuova Squadra: “Il vostro nuovo capo” e “Non mi piacciono gli addii”.



Articoli che potrebbero interessarti


Un posto al sole
UN POSTO AL SOLE RINNOVATO PER DUE ANNI. DELITTI IN FAMIGLIA NUOVA FICTION DI RAI3


Cavallo Rai - Viale Mazzini 14 @ Davide Maggio .it
LA RAI CONQUISTA L’ORIENTE E FA MAN BASSA DI PREMI


Luigi De Magistris, Titolo V
«Titolo V» senza mordente. De Magistris segue la guerriglia accomodato in studio


Titolo V, Roberto Vicaretti e Francesca Romana Elisei
Titolo V: Rai3 dà voce al territorio nel nuovo talk del venerdì

24 Commenti dei lettori »

1. kris ha scritto:

2 settembre 2009 alle 20:39

Sarà, ma io preferivo la ‘vecchia’ Squadra……



2. Sebastiano Collu ha scritto:

2 settembre 2009 alle 20:45

Concordo con te, kris, sebbene io tendenzialmente sia un ‘distrettista’, però!



3. CArliX ha scritto:

2 settembre 2009 alle 23:40

La nuova squadra è più vicina alla realtà rispetto alla vecchia edizione,ed il cast è moderno e dinamico, faccio davvero fatica a spiegarmi perchè la gente non la guarda, e preferiscono quella pagliacciata di Distretto di polizia….



4. Gaia ha scritto:

2 settembre 2009 alle 23:54

Anch’io preferivo la “vecchia” Squadra. Non male stasera, ma era meglio prima. Complimenti per il blog!



5. daddda ha scritto:

3 settembre 2009 alle 00:20

[moderato dalla redazione] basta siamo stufi dopo 8 edizioni aveva rotto le palle io mi addormentavo a guardarla dopo un po bisogna cambiare e credo che la nuova squadra sia migliore della vecchia….rispecchia molto la realta…



6. Peppe ha scritto:

3 settembre 2009 alle 00:51

E poi i RIS sono poco seguiti! Ma come è possibile che La Squadra continui ad andare avanti e si parla di rischio chiusura per i RIS! Hai voglia a rinnovarla, La Squadra resta bruttarella! E non c’è paragone, nè con distretto nè con i RIS!



7. pietro ha scritto:

3 settembre 2009 alle 00:58

Per me è di gran-gran-gran-gran lunga la migliore serie televisiva in circolazione, con attori veri e non imbalsamati, scene e dialoghi credibili e in action, e finalmente via i bellocci o le soubrette da prima serata in divisa che fanno solo ridere………qui gli attori saltano in moto e guidano e non servono solo per i primi piani ovattati e luci da via col vento…………è l’unica serie televisiva che riesco a guardare le altre mi fanno letteralmente vomitare per quanto sono finte e mielose stile beautiful. se mai interromperanno la squadra (e spero che non accada) uccideranno l’unico prodotto serio della rai…..



8. BIG SISTER ha scritto:

3 settembre 2009 alle 01:13

IL PARAGONE CON I RIS FORSE NON STA IN PIEDI PERCHE’ SONO DUE COSE DIVERSE, MA ANCHE PER ME LA SQUADRA NON SI PUO’ PROPRIO GUARDARE, E I RIS SONO CENTO VOLTE MIGLIORI…. MA SONO DUE COSE PRORPRIO AGLI ANTIPODI!!!!!



9. Antonio Esposito ha scritto:

3 settembre 2009 alle 10:23

Bella davvero, sono molto curioso di conoscere i dati auditel. Il problema è che non è stata molto pubblicizzata; io stesso ho saputo per caso della messa in onda delle prime puntate solo sfogliando Il Mattino via web.
Ottimo il nuovo attore che interpreta il vice-quesore. Mi dispiace per la Galantini che va via ma anche per l’attore che interpretava Fusco.
Più che buona, direi, l’ultima prova di Taricone, anche se credo che possa fare solo (bene) quel tipo di personaggio.
In ogni caso la scelta più azzeccata è stato il ritorno (credo definitivo) ad una netta linea di demarcazione tra bene e male (il colpo di scena finale dell’arresto di Sorrentino da parte di Vitale è stato davvero ben congetturato).
Spero di cuore che vadano avanti poichè la serie rappresenta uno dei (pochi) motivi per cui guardo ancora un pò la televisione in chiaro.
Niente a che vedere, comunque, con altri prodotti-spazzatura (Distretto, Carabinieri, ecc.); RIS invece è tutta un’altra cosa, non sono paragonabili i due prodotti.



10. lariano ha scritto:

3 settembre 2009 alle 14:05

anch’io penso che con queste novità, la fiction si avvicini di più alla realtà, complimenti



11. nilde ha scritto:

3 settembre 2009 alle 17:07

sono in perfetta sintonia con Pietro ed Antonio! …ho iniziato a guardare
la squadra l’anno scorso, non so come fosse prima ma…mi piace molto!
spero che la “principessa” non sparisca per sempre dalla serie; bello il colpo di scena ieri sera, bravi gli attori e…sì: perchè la rai pubblicizza così poco la fiction? non ha niente, ma proprio niente da invidiare ai vari sceneggiati su carabinieri e polizia che, però, godono di un marketing e di promozioni di gran lunga superiore!



12. Eugenio Viterbo ha scritto:

3 settembre 2009 alle 18:15

@ lariano: Le registrazioni saranno finite d’un pezzo. Altrimenti, una capatina di Valeriona sarebbe stata stupenda: la moglie de “o cafone”, tipo!



13. Antonio Esposito ha scritto:

4 settembre 2009 alle 09:52

Molto buoni gli ascolti: 9,64% per la 1^ puntata ed addirittura 11,52% per la 2^.
Considerando l’ostracismo verso la serie della scorsa stagione nonchè l’assenza (quasi) totale di promozione per questa seconda (sarà stato fatto volutamente?), credo che sia un dato molto buono.
La serie originaria del La Squadra (che non ho mai visto) riusciva a totalizzare mediamente il 10%.
C’è un solo problema: tra poco iniziano i gironi di Champions ed allora, come diceva il buon Lino Banfi, il mercoledì sera saranno “volatili per diabetici”…
Comunque forza Commissariato Spaccanapoli forever!



14. grimaldi roberta ha scritto:

5 settembre 2009 alle 19:24

vorrei fare i miei complimenti a tutti gli attori della nuova serie della squadra,veramente non ha niente da invidiare alle altre serie poliziesche,anzi forse molto piu realistica ,non capisco perchè non viene molto pubblicizzata,forse perchè come al solito è una serie che parla del povero e dimenticato sud.vi prego non chiudetela perchè è fenomenale



15. gabriella piacenti ha scritto:

11 settembre 2009 alle 18:05

ANCHE IO CREDO CHE SIA UNA DELLE SERIE PIU’ BELLE E REALISTICHE DEGLI ULTIMI TEMPI, SPECIE PER CHI CONOSCE LA REALTA’ DI NAPOLI. SONO CONVINTA CHE VERAMENTE NON SIA COSI’ MARCATO IL CONFINE TRA IL BENE ED IL MALE IN UNA CERTA ATTIVITA’ DELLA POLIZIA, PERCHE’ E’ QUESTA LA VITA VERA E NON CI SI DEVE SCANDALIZZARE. L’AMBIENTAZIONE E’ ECCEZIONALE PER CHI E’ NAPOLETANO E GLI ATTORI SPLENDIDI. LA SECONDA SERIE E’ STATA FAVOLOSA E NON CAPISCO PERCHE’ NON PIACCIA. SPERIAMO CHE CONTINUI ANCORA…



16. Chiara ha scritto:

16 settembre 2009 alle 14:57

Secondo me è la migliore serie televisiva del momento.
Calata nella realtà e con attori che rispecchiano molto fedelmente la vera Napoli.
Spero tanto abbia la visibilità che merita.



17. pino ha scritto:

17 settembre 2009 alle 10:53

è una serie stupenda, girata in presa diretta(non dimentichiamolo) e senza doppiaggio o sdolcinature da distretto o carabinieri; ma davvero pensate che siano quelli i Ris? non hanno mai preso un’assasino, pensate a quanti casi famosi irrisolti(Cogne,via Poma,Olgiata e via dicendo).la realtà è quella descritta da “la nuova squadra” con le debolezze e le paure di chiunque.



18. pino ha scritto:

17 settembre 2009 alle 10:55

è una serie stupenda, girata in presa diretta(non dimentichiamolo) e senza doppiaggio o sdolcinature da distretto o carabinieri; ma davvero pensate che siano quelli i Ris? non hanno mai preso un’assasino, pensate a quanti casi famosi irrisolti(Cogne,via Poma,Olgiata e via dicendo).la realtà è quella descritta da “la nuova squadra” con le debolezze e le paure di chiunque. Chi riesce a dirmi come si chiama l’attrice che interpreta il personaggio del magistrato al posto di Fusco?



19. Antonio Esposito ha scritto:

17 settembre 2009 alle 12:30

Come volevasi, purtroppo, dimostrare: arrivano i famigerati gironi di Champion’s è gli ascolti calano al 7,46% per il primo episodio e all’8,64% per il secondo.
Scommetto che l’aumento di oltre un punto per la seconda puntata è dovuto allo squallore (non annunciato) del 2° tempo di Inter-Barcellona.
Speriamo bene…

Grande, comunque, il colpo dell’uscita di scena di Lenzi in quel modo: peccato, cominciava a piacermi il modo in cui si stava reinserendo nella fiction.

Se, per assurdo, un emittente satellitare come Sky decidesse di acquistare i diritti della serie, mi abbonerei solo per quello…



20. mariella ha scritto:

19 settembre 2009 alle 17:02

Bella davvero, poco lanciata, grandi attori, eccezionale Sperandeo
Mai senza La Squadra!



21. iolanda ha scritto:

24 settembre 2009 alle 09:01

E’ uno dei migliori prodotti televisivi…ovviamente nell’ ambito del palinsesto generale di Rai Tre: da anni l’ unica rete “guardabile”.



22. pino ha scritto:

24 settembre 2009 alle 12:08

chi sa dirmi come si chiama l’attrice che interpreta il dirigente che sostituisce Fusco?



23. anna ha scritto:

11 ottobre 2009 alle 15:04

ciao a tutti gli amici che seguono la scquadra . la fiction mi piace molto e posso dire che la scquadra e un fiction dove gli attori si tavestono da veri e propri poliziotti e racconta la storia di napoli perche’ questa e’ anche non soltando immaginazione ma anche realta’ ciao………….
siete fantastici …………………seguite la scquadra



24. leti ha scritto:

4 dicembre 2009 alle 00:17

La nuova squadra è una serie di qualità !
E’ fatta bene con una combinazione equilibrata tra attori davvero bravi, personaggi ben caratterizzati e credibili, storie realistiche raccontate con una regia attenta (per inquadrature e montaggi) e Napoli come sfondo.
Il dolce-amaro che viene descritto , e che ha caratterizzato anche la conclusione di questa 2^serie, la rende verosimile.
Preferisco il velo di amarezza che accompagna alcuni momenti delle storie alla favola a lieto fine di tante altre fiction di genere alla quale non riesco più ad appassionarmi!

Speriamo che decidano di continuare e di girare una nuova serie…sarebbe una scelta intelligente. Mah…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.