8
luglio

ADDIO A LELIO LUTTAZZI, ULTIMO SIGNORE DELLA TV CHE FU

Il maestro e compositore Lelio Luttazzi è morto stanotte nella sua casa di Trieste. Aveva 87 anni e soffriva da tempo di una grave neuropatia.

Dopo la scomparsa di Mike e Vianello se ne va un altro grande esponente dell’epoca d’oro della televisione italiana, protagonista di memorabili trasmissioni a cavallo tra gli anni 60 e 70, tra le quali ricordiamo Studio Uno, Ieri ed Oggi ed il Paroliere. Probabilmente l’apice della popolarità lo ha toccato col programma radiofonico Hit Parade, il primo esempio italiano di trasmissione dedicata alle classifiche con il piglio del varietà. Impresso nella memoria di moltissimi italiani il suo annuncio col titolo dilatato (Hiiiiit Parade!) in pieno stile Broadway.

Ma Luttazzi è stato molto di più. Compositore, cantante ed attore popolarissimo, la sua carriera fu bruscamente interrotta da una vicenda di droga dai contorni mai chiariti sulla cui responsabilità Luttazzi non ha mai voluto sbilanciarsi ma che lo segnò profondamente negli anni successivi, tanto da costringerlo ad una sorta di esilio volontario dal mondo dello spettacolo.

Tra le ultime, rarissime, apparizioni televisive ricordiamo quella a Sanremo l’anno scorso, quando, nelle vesti di “padrino artistico”, accompagnò la giovane Arisa sul palco dell’Ariston  nella sua“Sincerità”

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Beppe Bigazzi
E’ morto Beppe Bigazzi


Nadia Toffa
La «combattente» Nadia Toffa. Il ricordo dei colleghi


Nadia Toffa
Nadia Toffa è morta. Le Iene: «Niente per noi sarà più come prima»


Raffaele Pisu
E’ morto Raffaele Pisu

2 Commenti dei lettori »

1. illl ha scritto:

8 luglio 2010 alle 17:10

Oh…mi dispiace molto aver letto questa notizia
Lui è stato un grande uomo
Molti sognavano di saper suonare come lui…



2. SaraLurker ha scritto:

9 luglio 2010 alle 03:34

Un Mito che se ne va.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.