12
giugno

Serie A in chiaro: Mediaset diffida la Lega a dare l’ok

Serie A

L’accordo per la trasmissione in chiaro di alcune delle prossime partite di Serie A sembrava ormai raggiunto. Questione di giorni. Dopo l’incontro positivo tra il Ministro dello Sport ed il management di Sky, mancava solo il via libera formale dei club. Invece no: nella serata di ieri, ha inviato alla Lega una lettera di diffida con cui ha di fatto declinato la propria adesione al progetto. Ora il banco – per come era stato preparato – rischia di saltare.

In dissenso all’ipotesi di offrire su – il canale in chiaro di Sky – alcune partite della ripresa di Campionato, Mediaset ha invitato la Lega a vietare la trasmissione ed ha sollevato dubbi giuridici sulla fattibilità dell’operazione. Come riporta Repubblica, l’emittente di Cologno Monzese ha chiesto che venga fatto un decreto legge da parte del governo per motivi di ordine pubblico, circostanza che il Ministro dello Sport avrebbe invece intenzione di evitare. L’obiettivo di Spadafora, infatti, è sempre stato quello di mettere d’accordo i broadcaster così da evitare passaggi normativi.

Alla base della diffida inviata da Mediaset c’è la seguente obiezione: siccome i diritti in chiaro non sono mai stati inseriti nei bandi di vendita, se la Lega autorizzasse qualcuno alla trasmissione free, dovrebbe considerare anche le altre emittenti e concedere ad esse la medesima opportunità. Nell’accordo che sembrava ormai invia di definizione, invece, l’ipotesi di offrire i match in chiaro riguardava solo Sky e Dazn, mentre per gli altri broadcaster si prevedevano solo facilitazioni sulla messa in onda di gol e highlights.

L’intervento del Biscione ha però sparigliato le carte e aperto un fronte di dissenso al quale potrebbero aggiungersi altri editori (Urbano Cairo per La7, ad esempio). In attesa di capire la posizione ufficiale della Lega, che sinora si era espressa, ora il Ministro Spadafora dovrà nuovamente tentare di tessere la tela e di trovare una soluzione in vista della ripresa del Campionato, fissata per il 20 giugno prossimo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Diritti TV Serie A
Diritti TV Serie A: offerte di Sky, Mediaset e Perform sotto il minimo richiesto. Stasera l’assegnazione


Diritti TV Serie A 2018/2021
Diritti TV: la Serie A 2018/2021 resta in bilico ma si lavora «per fare in modo che Mediaset e Sky possano rientrare in corsa»


Diritti Tv Serie A 2018/2021
Diritti Tv Serie A 2018/2021: Sky offre troppo poco, Mediaset rinuncia. Asta annullata


Piersilvio Berlusconi
DIRITTI TV SERIE A: ANTITRUST BASTONA MEDIASET CON LA MULTA RECORD DI 51 MILIONI DI EURO. BISCIONE ALLIBITO

2 Commenti dei lettori »

1. john2207 ha scritto:

12 giugno 2020 alle 14:54

e certo, appena arriva un concorrente temibile Mediaset (dalla natura monopolistica) si scatena in attività di lobby, legata a doppio filo alla politica. Trasmettere un incontro di serie A vuol dire ascolti e pubblicità per TV8 e Sky per un gruppo (mediaset) abituato com’è da sempre a papparsi tutta la torta



2. Davidbhd ha scritto:

12 giugno 2020 alle 18:41

Mi sembra giusto: se si vuole trasmettere in chiaro, bisogna aprire l’asta per i diritti. Spadafora vuole agire contro la legge..e menomale che è un ministro della Repubblica



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.