10
giugno

Diritti Tv Serie A 2018/2021: Sky offre troppo poco, Mediaset rinuncia. Asta annullata

Diritti Tv Serie A 2018/2021

Diritti Tv Serie A 2018/2021

La partita per i diritti tv della Serie A di calcio genera subito il caos. Oggi si è conclusa l’asta per l’assegnazione del triennio 2018/2021 e le offerte arrivate alla Lega e all’advisor Infront sono soltanto due, una da parte di Sky e l’altra di Perform Group. A sorpresa, infatti, Mediaset ha rinunciato, preferendo non presentare alcuna offerta. L’asta, però, è stata annullata: le offerte sono ritenute troppo basse.

Diritti Tv Serie A 2018/2021: offerte troppo basse

Facciamo il punto della situazione. In data odierna – sabato 10 giugno 2017 – scadeva l’asta per l’assegnazione dei diritti tv relativi alle stagioni 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021 della Serie A di calcio. La Lega e Infront avevano costruito un bando con l’obiettivo di incassare circa un miliardo di euro, ma le offerte pervenute arrivano appena alla metà.

Sono Sky e Perform Group ad essersi fatte avanti. Secondo quanto trapelato, la tv satellitare di Rupert Murdoch avrebbe offerto 230 milioni di euro per il pacchetto A (valutato 200 milioni), che comprende le partite sul satellite di otto squadre, tra cui Juventus, Napoli, Milan e Inter, e ’solo’ 210 milioni di euro per il pacchetto D (valutato almeno il doppio), che riguarda i match sia sul satellite che sul digitale delle altre dodici squadre, tra cui Roma, Lazio, Fiorentina e Torino.

Perform Group, invece, sempre secondo le indiscrezioni, avrebbe proposto due offerte, entrambe al di sotto del minimo richiesto, per i pacchetti C1 e C2, ovvero i diritti tv sulla piattaforma Internet delle gare delle otto squadre del pacchetto A. Ricordiamo che tali diritti, nel triennio in corso, sono rimasti invenduti.

Diritti Tv Serie A 2018/2021: Mediaset rinuncia

Mediaset, attraverso un comunicato, ha fatto sapere di non aver presentato alcuna offerta per assicurarsi la Serie A di calcio nelle stagioni dal 2018 al 2021. Il motivo, si legge, è proprio l’invito a partecipare al bando:

“Ribadiamo che la formulazione dell’invito a presentare offerte è totalmente inaccettabile in quanto abbatte ogni reale concorrenza e penalizza gran parte dei tifosi italiani costretti ad aderire obbligatoriamente a un’unica offerta commerciale. Mediaset si riserva di ricorrere in tutte le sedi competenti”.

Mediaset, in sostanza, lamenta un certo squilibrio dell’offerta dettato dalla nuova formulazione dei pacchetti, che rischia di favorire un unico acquirente (proprio per questo, nei giorni scorsi, aveva presentato un esposto all’Antitrust):

“Il pacchetto D – prosegue la nota diramata dal cda della tv di Cologno – prevedeva la possibilità di acquisire i diritti tv esclusivi di tutte le partite di squadre dal grande bacino di tifosi (presenti, tra le altre, Roma, Lazio, Fiorentina, Genoa e Bologna) sia per il digitale terrestre che per la piattaforma satellitare ma anche per internet e le app per smartphone. Chi si aggiudicherà il pacchetto D, in pratica, avrà l’esclusiva su ogni piattaforma delle partite di quelle squadre, costringendo chi oggi ha un abbonamento con un operatore diverso a fare un abbonamento aggiuntivo o a cambiare operatore (con costi economici tutti da rilevare) sfavorendo gli utenti”.

Diritti Tv Serie A 2018/2021: asta annullata

Come ipotizzabile, non è tardata ad arrivare l’ufficialità sull’annullamento dell’asta. A comunicarlo è il presidente della FIGC, Carlo Tavecchio:

“L’assemblea (dei club, riunitasi oggi pomeriggio, ndDM) ha deciso con voto unanime di non assegnare a nessuno dei concorrenti il bando che è stato comunicato e le relative offerte”.

Lunedì è prevista una nuova riunione, nella quale si studieranno i termini della nuova asta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Piersilvio Berlusconi
DIRITTI TV SERIE A: ANTITRUST BASTONA MEDIASET CON LA MULTA RECORD DI 51 MILIONI DI EURO. BISCIONE ALLIBITO


Diritti tv Serie A
INCHIESTA DIRITTI TV SERIE A: INFRONT HA TRUCCATO L’ASTA PER FAVORIRE MEDIASET?


Serie A
DIRITTI TV SERIE A 2015/2018: CONTINUANO A VOLARE STRACCI TRA SKY E MEDIASET


Serie A
DIRITTI TV SERIE A 2015/2018: BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA NELLE SEDI SKY, MEDIASET E LEGA CALCIO

1 Commento dei lettori »

1. Drew ha scritto:

10 giugno 2017 alle 17:17

Non che me ne intenda (non so quanto poi siano gli introiti a fronte dell’investimento), ma forse i diritti sul calcio hanno raggiunto dei costi decisamente troppo elevati?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.