3
dicembre

Cuochi d’Italia: un torneo regionale poco originale, con Borghese a fare da animatore

Cuochi d'Italia - Cristiano Tomei, Alessandro Borghese e Gennaro Esposito

Cuochi d'Italia - Cristiano Tomei, Alessandro Borghese e Gennaro Esposito

I programmi culinari sono stati offerti ormai in tutte le salse ai telespettatori, ma le varianti che vanno più di moda al momento sono i talent, arricchiti da giudici inflessibili, o gli show itineranti, che stanano cuochi e ricette a casa loro. C’è però chi ancora offre una sfida a due, con tanto di pubblico in studio, e tra le varie proposte del genere spicca Cuochi d’Italia, in onda dal lunedì al venerdì nel preserale di TV8.

Cuochi d’Italia: un programma poco innovativo ma piacevole

Il programma, giunto alla sesta stagione, punta a valorizzare le tradizioni regionali italiane e si basa su un vero e proprio torneo: in ogni puntata due cuochi, di due regioni diverse, si sfidano cucinando gli ingredienti locali; ognuno deve confrontarsi sia con la materie prime che ben conosce, sia con quelle proposte dall’avversario, mentre i due giudici Gennaro Esposito e Cristiano Tomei propongono altri ingredienti delle varie regioni, spiegandone uso e provenienza.

Il conduttore Alessandro Borghese, pur essendo a sua volta uno chef, qui fa l’animatore, fomentando il pubblico e giocando con i concorrenti, cosa che aiuta a mantenere un clima leggero e colloquiale. Il sapore festaiolo della gara e della preparazioni dei piatti richiama un po’ alla mente la verve originale de La Prova del Cuoco; la presenza del rosso e verde e quella nel cast di Esposito – che nel programma di Rai 1 era di casa – contribuisce ad avvicinare i due cooking show.

E, se lo svolgimento di Cuochi d’Italia può richiamare alla mente quella di Cuochi e Fiamme, l’esaltazione delle tradizioni regionali può ricordare quella delle mengacciane Ricette all’Italiana.

Il programma di TV8, insomma, non offre nulla di nuovo o particolarmente originale, ma l’insieme è gradevole e si fa guardare dai circa cinquecentomila spettatori che ogni giorno lo seguono, regalandogli sovente punte del 2.5% di share nella difficile fascia preserale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


The Real - Barbara Tabita
The Real: il pomeriggio alternativo di Tv8 è “donna”, in tutti i sensi


Affari legali 2
AFFARI LEGALI: PIU’ CHE UN TRIBUNALE, UN GRAN CAOS


Roberto Farnesi
CHEATERS: ROBERTO FARNESI COMMENTA SERAFICO I TRADIMENTI TRASH DI TV8


Baby - Benedetta Porcaroli e Alice Pagani
Baby: un buon «teen drama» che non rispecchia le aspettative

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.