2
luglio

Apri e Vinci: il quiz di Rai 2 con l’onnipresente Costantino Della Gherardesca

Costantino Della Gherardesca

Costantino Della Gherardesca

Anche Rai 2 ha il suo quiz. Nella stagione tv 2018/2019, la rete diretta da Andrea Fabiano sperimenterà in daytime una sorta di ‘gioco on the road’: Apri e Vinci.

Apri e Vinci: come funziona

Apri e Vinci è un social quiz nel quale non saranno i concorrenti ad entrare e giocare nello studio del programma, ma sarà il programma stesso che andrà a cercarli a casa loro, suonando a caso e a sorpresa nelle abitazioni degli italiani. Costantino Della Gherardesca girerà nelle strade di varie città ed entrerà nelle case curiosando, ‘interrogando’ e distribuendo premi ai più preparati sugli argomenti più disparati, dalla cultura generale all’attualità, facendo anche domande riguardanti la famiglia stessa che partecipa al quiz.

Apri e Vinci: per l’onnipresente Costantino la fortuna di non essere in studio

Ci risiamo: ogni volta che Rai 2 propone un nuovo programma, la conduzione di Costantino Della Gherardesca si ripresenta tanto ‘minacciosa’ quanto ingombrante. Toccherà farci l’abitudine? Speriamo di no. Soltanto nell’ultimo anno, l’ex ‘cartomante’ di Piero Chiambretti a Markette (lì sì che sfiorava lo ’spassoso’) è stato impegnato, nell’ordine, con Secondo Costa, Pechino Express 6, Le Spose di Costantino e The Voice 5. In arrivo Pechino Express 7 e – per l’appunto – Apri e Vinci.

Considerando che il conduttore romano, numeri alla mano, non è certo uno che macina ascolti, com’è possibile tutta questa ‘mole di lavoro’ a lui dedicata? Una fortuna, però, c’è. Con Apri e Vinci, Costantino non avrà a che fare né con uno studio e né con una diretta televisiva, che tanto l’hanno impacciato a The Voice, capace di ’smascherare’ una completa inadeguatezza a ricoprire il ruolo che fu di Federico Russo (avessimo detto Pippo Baudo). Meno male!

Apri e Vinci: quando va in onda

Il quiz Apri e Vinci è previsto nel pomeriggio di Rai 2, dal lunedì al venerdì alle 16.40, dal 26 novembre al 7 dicembre. Dal 1° dicembre, invece, guadagnerà il weekend, ogni sabato e domenica alle 19.55, nello slot che precede il Tg2 della sera.

>>> PALINSESTI RAI 2, AUTUNNO 2018 <<<

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


The Voice, Costantino Della Gherardesca
The Voice 2018: chi è causa del suo mal pianga se stesso


J Ax, Francesco Renga
The Voice 2018: i momenti da (non) dimenticare della terza puntata. J-Ax chiede un calcio nelle palle, Cristina vuole sposare Albano


Albano, The Voice
The Voice 2018: i momenti da ricordare (e non) della prima puntata


Costantino Della Gherardesca
Pagelle TV della Settimana (22-28/01/2018). Promossi Frizzi e Ghali. Bocciato Costantino della Gherardesca (pronto per La Sai l’Ultima)

4 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

2 luglio 2018 alle 12:11

Quella dell’anno prossimo sarà ancora una volta una Rai renzianissima, infarcita di lacchè ed endorsatori renziani come il soggetto di cui sopra.

L’ultimo è stato Gabriele Corsi, sistemato anchegli al quiz di Rai1. Ricordiamo costui si distinse in passato per aver definito l’attuale ministro dell’interno un “comico” che “spara cagate pazzesche”. Da quel momento in poi la sua carriera ha preso il volo.



2. Assimo ha scritto:

2 luglio 2018 alle 16:06

Da come l’avete descritto sembra la versione rai di Upgrade, andato in onda la scorsa stagione su mediaset… o sbaglio?



3. Sabato ha scritto:

2 luglio 2018 alle 16:51

Roxy, ti riferisci ad un articolo datato aprile 2015: trovo azzardato ricondurre a quell’articolo il recente successo televisivo di Gabriele Corsi, che, fra l’altro, aveva un lungo curriculum già nel 2015 (seppur, indubbiamente, la sua carriera sia decollata negli ultimi mesi, con impegni importanti sulla TV di Stato). Aggiungo che quell’articolo contiene una sua analisi della comunicazione salviniana, più che della sua politica; in ogni caso, Corsi, come chiunque altro, è libero di commentare, positivamente o negativamente, l’operato di un politico, senza per questo essere considerato raccomandato se esprime un certo tipo di pensiero… o sei forse per la censura?
Per quanto riguarda Costantino, ti faccio notare che, come Corsi, lavora in TV da ben prima che Renzi nascesse (politicamente parlando) e definirlo un “lacchè endorsatore” è scorretto e riduttivo. Credo sia innegabile il suo talento (è un personaggio originale, un autore creativo, un opinionista ficcante, un conduttore simpatico in maniera intelligente ed ha un linguaggio moderno ed uno stile personale e riconoscibile), pertanto ritengo che, indipendentemente dai gusti e dalle simpatie personali, siano ben altri i personaggi di cui la nostra TV dovrebbe fare a meno. Non nego che Costantino abbia anche dei limiti nella conduzione “classica”: non è un grande “cerimoniere” e la diretta della finale di The Voice ha mostrato le sue carenze… ma ogni conduttore ha programmi più congeniali ed altri meno: la stessa De Filippi, senza dubbio un “numero uno” della nostra TV, a Sanremo è andata così così (lenta, piatta, impacciata)!



4. RoXy ha scritto:

2 luglio 2018 alle 19:43

A parte che non esiste alcun successo televisivo di Corsi, è innegabile che quella degli ultimi anni è stata la Rai degli endorsatori renziani: Mika, Roberto Bolle, Bebe Vio, Pif, Della Gherardesca solo per citarne alcuni, hanno avuto una incredibile ascesa nella loro carriera TV in Rai dopo aver endorsato l’ex Reuccio di Rignano sull’Arno oggi caduto in disgrazia. Inutile sottolineare poi come tanti altri in Rai (e non solo) come Orfeo, Fazio o Antonella Clerici e Paolo Bonolis, ma in generali tutti i personaggetti del cucuzzaro gestito da Lucetto Presta, hanno dichiarato ripetutamente le loro simpatie politiche per il Mr. Bean della politica italiana fino ad aver palesemente detto di votare per lui. E questi personaggetti sono poi stati chiamati a celebrarne le gesta in programmi di propaganda trasmessi dalla Rai (Clerici e Bonolis). Stiamo partlando degli anni dei massimi fasti del regime, quelli del Caro Leader, in cui PD1, PD2 e PD3 annunciavano all’unisono i grandi sucessi inesistenti della sua politica in assenza di qualsivoglia contraddittorio. Si povrebbe dire che oggi, dopo le elezioni di Marzo e la caduta del regime, tutto questo è cambiato ma in Rai non è così, basta guardare ai nuovi palinsesti. Gli endorsatori del Caro Leader sono tutti lì, ancora per un altro anno.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.