27
aprile

Rai1: lo strano ‘nulla osta’ per le ospitate dei giornalisti all’interno dei programmi

Lente d'ingrandimento

Lente d'ingrandimento

Senza volermi addentrare nella delicata questione della libertà di stampa, c’è una notizia che credo sia necessario condividere perchè si capisca il modus operandi della tv pubblica e se ne comprendano, o si cerchi di comprenderne, le regole che la governano.

Mi risulta che, da qualche tempo a questa parte, ci sia una prassi consolidata a Rai 1 in base alla quale i programmi che intendono ospitare un giornalista in qualità di opinionista devono preventivamente comunicarne le generalità per ricevere una sorta di nulla osta dalla rete. Prendiamo atto, dunque, di una consolidata consuetudine grazie alla quale la TV di Stato controlla preventivamente la stampa alla quale dar voce e c’è qualcuno – mi sfugge quale ufficio possa assolvere a questa funzione – che in qualche modo stabilisce chi può essere ospitato e, di conseguenza, cosa può esser detto in determinate fasce orarie e nei confronti di un determinato pubblico.

In sostanza, funziona così: il produttore del tal programma Rai deve inviare entro le 16/17 di ogni giorno un’email contenente l’elenco dei giornalisti eventualmente ospitati il giorno successivo all’interno del programma e attendere conferma.

La questione, a parere di chi vi scrive, è quantomeno anomala. Perchè, nonostante prima avesse una sua ragion d’essere, questa procedura interna ha subìto una modifica importante negli ultimi mesi: precedentemente, infatti, riguardava in via esclusiva le ospitate di giornalisti in forze alle reti concorrenti e, dunque, la ratio si sarebbe potuta rintracciare in un bilanciamento tra informazione e pubblicità nei confronti di altri broadcaster. Fa specie, tuttavia, che la questione non sia stata sollevata e affrontata per gli artisti, ma sia stata limitata ai giornalisti.

E cosa succede se un programma, per assolvere alla sua funzione di servizio pubblico, avesse necessità di decidere last minute un ospite? Immaginiamo già la risposta: coordinamento editoriale.

Sarebbe il caso di approfondire.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


PAOLA-PEREGO-
Paola Perego: «Il ritorno in tv mi terrorizza. Gregorio Paolini? Preferisco dimenticarlo, inqualificabile»


Bebe Vio conduce La Vita è una Figata
BOOM! Bebe Vio nel sabato pomeriggio di Rai 1 con «La Vita è una Figata»


cristina parodi
Domenica In passa nelle mani di Cristina Parodi e si sposta a Milano


Fabio Fazio
Palinsesti 2017/2018: la Rai tenta Fabio Fazio con la promozione su Rai1

2 Commenti dei lettori »

1. controcorrente ha scritto:

27 aprile 2017 alle 18:48

evidentemente.. c’è la precisa volonta’ di controllare ancora meglio e di piu’.. i messaggi che passano… è evidente che in rai ci sia un forte sbilanciamento politico.. dove la protagonista assoluta e’ il partito di governo.. e gli altri son solo comparse.. addirittura il diretto concorrente che i sondaggi danno anche a qualche punto % in piu’.. trattato come i partitini che stanno al 3-4%..



2. Fra X ha scritto:

29 aprile 2017 alle 12:53

Le cose che non interessano alla gente. Il problema si sa sono gli argomenti “frivoli” trattati da Paola Perego. XD Sic!

“dove la protagonista assoluta e’ il partito di governo.. e gli altri son solo comparse.. addirittura il diretto concorrente che i sondaggi danno anche a qualche punto % in piu’.. trattato come i partitini che stanno al 3-4%..”

Ma dove scusa? Al tg1 non vedo niente di tutto ciò, anzi! Mai dicessero una volta che Berlusconi è un pregiudicato poi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.