29
ottobre

SANREMO, INCHIESTE E SCANDALI. FRECCERO: QUEST’ANNO SPOSTEREI IL FESTIVAL A GENOVA

Carlo Freccero

Le note musicali possono attendere; per ora a Sanremo risuonano solo gli scandali. In questi giorni, la città che ospita il Festival della Canzone Italiana è finita sulle prime pagine dei giornali per l’inchiesta sugli impiegati comunali assenteisti – 35 gli arrestati per peculato e truffa – ma anche per un’indagine sugli appalti truccati in Rai. Secondo gli inquirenti, il presunto giro di mazzette avrebbe coinvolto anche l’organizzazione della celeberrima kermesse canora. E, alla luce degli scandali abbattutisi sulla Città dei Fiori, c’è chi avanza una soluzione provocatoria: spostare il Festival altrove.

A rompere la formalità delle dichiarazioni di circostanza solitamente rilasciate in questi casi è (a titolo personale) il Consigliere d’Amministrazione della Rai Carlo Freccero.

“Parlo a titolo personale, anche perché non ho il potere di decidere. Se fossi io il direttore generale Rai senza dubbio farei il Festival, ci mancherebbe, ma quest’anno lo sposterei a Genova, per sottolineare la gravità della situazione e prendere le distanze dallo scandalo in un Comune che non è più decente. Tuttavia, sarebbe importante mantenere il nome dello show, perché il Festival è un evento che va ben oltre Sanremo”

ha dichiarato il professore al settimanale Nuovo in edicola oggi. Una proposta, quella di Freccero, che può sembrare estrema ma che, al netto della provocazione, invita a riflettere. Alla luce delle inchieste sugli assenteisti, infatti, la credibilità del comune che ospita la kermesse canora (e televisiva) più prestigiosa appare quantomeno compromessa. Il Festival, sostiene in ogni caso Freccero, si deve fare.

Roberto Fico, presidente della Commissione parlamentare di vigilanza Rai ed esponente del Movimento 5 Stelle, ha invece assunto una posizione più realista:

La Tv di Stato versa 7 milioni di euro al Comune, proprietario del marchio del Festival, per una convenzione triennale. Non vedo perché dovremmo punire tutta una comunità che magari lavora onestamente a causa dello scandalo degli impiegati comunali” ha detto.

A quattro mesi dall’inizio del Festival, Sanremo fa già parlare di sé. Ma, purtroppo, per episodi non esattamente virtuosi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2016 Conti e Ghenea
FRECCERO: SANREMO, IL TORNEO FINALE DI TUTTI I TALENT. GRAVE LA MANCANZA DI THE VOICE. LA RAI CON IL CANONE ESTETICO DI CONTI HA GIUSTIFICATO IL SUO CANONE


Carlo Freccero
Carlo Freccero: «Potrei lasciare il CdA Rai, ho richieste di mercato»


sanremo-2016
GOOGLE TRENDS 2016: FESTIVAL DI SANREMO TRA I PIÙ CERCATI


Carlo Freccero.
NOMINE DIRETTORI TG RAI, CARLO FRECCERO: È IN ATTO UN BLITZ, UN COLPO DI MANO DEL DIRETTORE GENERALE

3 Commenti dei lettori »

1. Travis ha scritto:

29 ottobre 2015 alle 12:55

Mai sentita una stupidaggine tanto insensata. Praticamente a questo punto non si dovrebbe far più niente nemmeno a Roma, Milano o altre città con illegalità nel comune (e al sud sono molte).



2. mary ha scritto:

29 ottobre 2015 alle 13:18

freccero è sempre molto teatrale e apocalittico nei modi, e invece sono piacevolmente stupita da uno dei 5 stelle,wow per una volta dice una cosa sensata ehehe,ha ragione e poi voglio dire quelli sono scandali del comune, il festival riguarda la musica anche se so si parla di 1 altra inchiesta su appalti per il festival e di questo non me ne intendo,ma cmq spero lo facciano sempre lì il festival,che è ancora importantissimo per la musica. Per chi vuole lanciare qualche progetto artistico importante quello è il posto giusto uno dei pochi spazi rimasti ci manca pure che non lo facciano più sarebbe folle. Come dice il commento di travis qua sopra appunto ovunque c’è illegalità ahimè quindi sarebbe una scusa per non fare più nulla, come quando hanno scoperto i casini a expo e tutti dicevano non si deve fare e invece è uno dei più grandi successi degli ultimi anni.



3. jacaranda liebe ha scritto:

29 ottobre 2015 alle 19:42

Dovrebbero semplicemente allontanare completamente il comune dalla gestione di festival ed eventi annessi, a lui va già una bella somma di denaro per sfruttarne il marchio, il rapporto deve finire lì. Anche quelle stupide marchette coi filmati della città, o peggio la presenza del sindaco sul palco..roba da evento comunale davvero! Ovviamente nulla cambierà come al solito, nemmeno ci proveranno a ripulire questo carrozzone.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.