Genova



29
luglio

Il nuovo Ponte di Genova – Orgoglio Italiano: su Focus uno speciale per l’inaugurazione del viadotto

Genova

Genova

Alle ore 21.15 del 3 agosto, giorno dell’inaugurazione del nuovo ponte di Genova, Focus racconta l’intera storia del viadotto sul Polcevera, spiegando perché questo chilometro sospeso sia così importante per la città, la Liguria e l’Italia tutta. «Il nuovo Ponte di Genova: orgoglio italiano», speciale condotto da Luigi Bignami e prodotto dalla rete Mediaset dedicata alla divulgazione, diretta da Marco Costa, illustra dal punto di vista storiografico, ingegneristico, logistico-organizzativo e urbanistico, la costruzione del vecchio Morandi, il suo crollo, l’abbattimento definitivo, e la progettazione e costruzione del nuovo viadotto ideato – e donato alla sua città – dall’archistar Renzo Piano. Ciò, senza MAI dimenticare il sacrificio delle 43 vittime del crollo, il dolore dei loro familiari e le responsabilità al vaglio della magistratura.




20
agosto

Gaffe della giornalista di Sky Tg24. Non riconosce il sindaco di Genova e chiede: «Lei è Genovese?»

Marco Bucci

Epic fail a Sky Tg24. Protagonista la giornalista, inviata sul campo a Genova, che non riconosce il sindaco della città. Impegnata nel consueto vox populi, la cronista, collegata in diretta con lo studio milanese nel corso dell’edizione delle 20 di ieri, chiede al primo cittadino: “Scusi lei è genovese?“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


17
agosto

Crollo del ponte di Genova: anche Mediaset sospende gli spot. Funerali in diretta su Canale 5

Ponte Morandi di Genova

Anche Mediaset aderirà al lutto nazionale. Proprio come la Rai, la tv del Biscione ha scelto di non trasmettere spot per l’intera giornata di domani. Un cambio di programmazione, fanno sapere, per segnalare al pubblico in modo immediatamente percepibile il senso della giornata. Gli spot, infatti, saranno sostituiti da un cartello di cordoglio in ricordo delle vittime del crollo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





17
agosto

Crollo del ponte a Genova: la Rai senza pubblicità per un giorno. Ma a che serve? I funerali in diretta su Rai1

Il ponte crollato a Genova

Rai senza pubblicità. In occasione della giornata di lutto nazionale per le vittime del crollo del ponte Morandi a Genova, la Rai per l’intera giornata di sabato 18 agosto non trasmetterà spot pubblicitari su tutti i canali e su tutti i mezzi (Tv, Radio, Digital).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


15
agosto

Crollo del ponte a Genova: le variazioni di palinsesto di oggi

Ponte Morandi di Genova

Anche oggi Rai e Mediaset cambiano i propri palinsesti per seguire tutti gli aggiornamenti sul drammatico crollo del ponte Morandi a Genova.





14
agosto

Crollo del ponte a Genova: le variazioni di palinsesto. Saltano The Good Doctor e Reazione a Catena

Genova

L’informazione mobilitata, con la Rai in prima linea, per un lungo racconto non stop sul crollo del ponte Morandi a Genova. Aggiornamenti, dirette, ricostruzioni e interviste con giornalisti, collaboratori, registi, operatori, montatori, tecnici, assistenti impegnati senza soluzione di continuità.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


29
ottobre

SANREMO, INCHIESTE E SCANDALI. FRECCERO: QUEST’ANNO SPOSTEREI IL FESTIVAL A GENOVA

Carlo Freccero

Le note musicali possono attendere; per ora a Sanremo risuonano solo gli scandali. In questi giorni, la città che ospita il Festival della Canzone Italiana è finita sulle prime pagine dei giornali per l’inchiesta sugli impiegati comunali assenteisti – 35 gli arrestati per peculato e truffa – ma anche per un’indagine sugli appalti truccati in Rai. Secondo gli inquirenti, il presunto giro di mazzette avrebbe coinvolto anche l’organizzazione della celeberrima kermesse canora. E, alla luce degli scandali abbattutisi sulla Città dei Fiori, c’è chi avanza una soluzione provocatoria: spostare il Festival altrove.