9
luglio

PALINSESTI LA7 2015/2016: ARRIVANO IL BOSS DEI COMICI E 1992, TIZIANA PANELLA AL POMERIGGIO. TROMBATI ANNOUNO E LE INVASIONI

Urbano Cairo

Più che per le presenze i palinsesti di La7, fanno parlare per le assenze. Nella stagione 2015/2016, infatti, l’emittente terzopolista farà a meno di Servizio Pubblico con Michele Santoro,  e – complici i deludenti risultati registrati nell’annata televisiva ormai trascorsa – con ogni probabilità di Anno Uno con Giulia Innocenzi e de Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi.

Giudizio più che positivo per entrambe, ma dovremo ragionarci sopra se è il caso di rifare quei programmi - ha detto l’editore della rete Urbano Cairo in sede di presentazione dei palinsesti – Bignardi forse ha pagato un po’ la lunghezza del suo ma è stata lei a voler andare oltre la mezzanotte, per quanto riguarda la Innocenzi i dati di ascolto sono stati buoni, ma ci aspettavamo qualcosa di più”.

Con l’”allieva” di Santoro, comunque, Cairo ha ammesso l’esistenza di un “dialogo aperto” . In “compenso” il patron de La7 farà debuttare il primo talent show della comicità: Il Boss dei Comici, in onda in prima serata in una collocazione settimanale non ancora definita (“dipende dalla controprogrammazione” ha spiegato Cairo). Il programma nasce in collaborazione con Nando Mormone, autore e produttore di Made in Sud, e vede un gruppo di comici in erba, supportati da alcuni coach, sottoporsi al giudizio di un comico di fama. Tra i giudici spicca Alessandro Siani.

Per il resto, tante conferme in prima serata: Piazzapulita con Corrado Formigli, in bilico tra lunedì e giovedì, DiMartedì con Giovanni Floris (dal 15 settembre), La Gabbia con Gianluigi Paragone, al mercoledì dal 9 settembre, e Crozza nel Paese delle Meraviglie in tandem con Bersaglio Mobile, al venerdì dal 2 ottobre. Confermatissima in daytime con L’Aria che Tira, Myrta Merlino dovrà attendere la primavera per lo sbarco nella fascia oraria più prestigiosa.

Promozione – dopo gli eccellenti risultati conseguiti al mattino con Coffee Break – anche per Tiziana Panella. La giornalista, all’anagrafe Emerenziana, sarà la padrona di casa di un nuovo contenitore pomeridiano di attualità, cronaca e costume, in onda dalle 14:00 alle 16:30, fascia oraria che in passato ha mietuto l’illustre vittima Cristina Parodi e che avrebbe dovuto ospitare, due stagioni fa, il programma – mai partito – di Rita Dalla Chiesa. A proposito della fascia post prandiale, Cairo ha dichiarato:

“Dobbiamo crescere nel pomeriggio perché non è più accettabile perdere troppe posizioni rispetto al prime time (…) basterebbe guadagnare un punto percentuale per riallinearsi”.

Immancabile poi l’appuntamento in access prime time con Lilli Gruber e l’approfondimento di Otto e Mezzo. Altra donna di La7, ma solo per una sera, è Simona Ventura, chiamata anche quest’anno ad incoronare Miss Italia. La finalissima è in programma domenica 20 settembre e potrà contare sulla presenza di Vladimir Luxuria in giuria.

Sul fronte seralità, in autunno spazio (probabilmente alla domenica) all’undicesima stagione in prima visione free di Grey’s Anatomy con l’addio di Patrick Dempsey. A novembre – introdotta o seguita da speciali su Mani Pulite curati da Mentana – arriverà la fiction 1992, con Stefano Accorsi e Tea Falco. Inoltre proseguono le serie Benjamin Lebel – Delitti Doc e la fortunatissima Josephine Ange Gardien.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gianluigi Paragone
Gianluigi Paragone contro Andrea Salerno per gli ascolti bassi de La7: «Mannaggia a voi intellettuali. Noi populisti non vi capiamo mai»


Propaganda Live, Zoro
Propaganda Live: Zoro debutta su La7 tra migranti e Ong. Saviano ospite della prima puntata


Giletti La7
Massimo Giletti al TgLa7 con Enrico Mentana. Ecco il singolare promo del nuovo programma – Video


Gianluigi Paragone
Gianluigi Paragone: «La7? Non penso farò niente, Cairo mi paga per non far nulla»

14 Commenti dei lettori »

1. Annalisa ha scritto:

9 luglio 2015 alle 17:49

Salve. E di Amare senza tempo visto il flop non ne vogliono più sapere?



2. Peppe93 ha scritto:

9 luglio 2015 alle 17:54

Penso che inserire l’intrattenimento in un canale cosi strutturato non ha alcun senso.



3. kalinda ha scritto:

9 luglio 2015 alle 18:44

E Simone Rugiati?



4. samum ha scritto:

9 luglio 2015 alle 20:07

Il talent per comici mi ricorda uno dei tanti progetti poi naufragati del direttore di Rai 1 Leone, C-Factor-Non ci resta che ridere, che vedeva coinvolti Cirilli e Conti



5. griser ha scritto:

9 luglio 2015 alle 20:21

Grande Cairo non ha mandato in onda Gomorra successo su sky e ottimo riscontro anche su rai3 e mandano in onda 1992 che ha avuto un calo d’ascolto vertiginoso. Veramente un genio



6. IL MIO REALITY ha scritto:

10 luglio 2015 alle 10:19

Non so cosa pensare. Cairo convincente sul fronte “imprenditoriale” (taglio dei costi, oculatezza nell’utilizzo dei budget, arruolamento di star etc), ma sempre meno convincente (e forse vincente) sul fronte prettamente “televisivo”. Sembra non capirci granchè di gusti del pubblico, sulla fidelizzazione, sulla strutturazione di un palinsesto che non sia il prime time etc.

Certamente La7 si ritaglia un ruolo ben definito nel panorame delle tv in chiaro, e questo è stato merito – in primis – di Enrico Mentana, il vero autore del successo del canale, colui che ormai 5/6 anni fa l’ha “acceso” all’attenzione di pubblico e media.

Adesso pero’ occorre la chiave di volta, l’intuizione televisiva, il guizzo, che possa riaccendere l’entusiasmo oramai sopito per la rete più radical chic (insieme a Rai 3) del sistema televisivo italiano. E questa intuizione, a mio avviso, deve passare per il luuuungo pomeriggio della rete, slot attualmente senza arte né parte, privo di identità.

Non so se la Panella da sola sia in grado di fare il “miracolo”, nonostante pensi che sia un’ottima professionista oltre che volto di rete riconoscibile (insieme a Myrta Merlino). Vedremo.

Sull’intrattenimento non sarei negativo, Crozza funziona alla grande, per cui a priori non possiamo dire che sia una scelta sbagliata. Io personalmente non amo i comici in tv, se fosse per me li eliminerei tutti, ma questi sono gusti personali.



7. Lorenzo ha scritto:

10 luglio 2015 alle 11:20

Io credo che siano state fatte scelte giuste sia x il programma del pomeriggio con un volto noto della rete e sia x il programma sui comici. Almeno non ha messo in piedi un altro talk show! Mi spiace per la Bignardi spero traslochi a Mediaset credo che li sia un posto adatto a lei



8. iki ha scritto:

10 luglio 2015 alle 13:39

Ho sempre di più la conferma che Cairo sia un incapace.
Giusta la riconferma del mattino della triade Omnibus-CB-L’ACT‪ anche se il secondo lo toglierei perchè non aggiunge nulla e visto poi lo spostamento della Panella al pomeriggio con la quale scelta mi trovo d’accordo.
In prima serata non ha senso il programma sui comici(l’idea è orripilante),Miss Italia e DiMartedì(clone di Ballaró e talk che non aggiunge nulla rispetto agli altri due).
Se vuole introdurre l’intrattenimento per bene deve farlo con cognizione e non piazzarlo così tanto per.
La Bignardi spero trovi casa a DeeJayTv vista la metamorfosi di questa rete con il passaggio a Discovery Italia



9. ciak ha scritto:

10 luglio 2015 alle 13:44

la7 “dovrebbe” osare di più in idee e fatti…
si sta arenando anche lei sulla stessa spiaggia delle altre tv???
questo è un peccato…



10. andrea ha scritto:

10 luglio 2015 alle 14:08

E La7d?



11. JLG ha scritto:

13 luglio 2015 alle 20:34

Un vero peccato rinunciare alle Invasioni barbariche, programma cult che comunque – con una grande concorrenza e ospiti non sempre inediti – ha fatto il 3% medio quando La7 ha una media del 3,20% (gennaio-aprile 2015).
Dopo tanti anni può starci un calo degli ascolti, come del resto è accaduto a quasi tutti i programmi della rete… Un editore rispettoso cercherebbe di salvarlo e di dargli una seconda possibilità.



12. Francesco ha scritto:

26 agosto 2015 alle 17:43

Pessima idea fare un altro talent sui comici. La comicità non si impara!
A differenza di altri programmi di talent in questo caso non ci sono stati i famosi provini con migliaia di persone, ma hanno preso persone che già da anni lavorano al tam tunned di Napoli ed al gran caffè, e poi la comicità non può essere insegnata da alcuni coach (e chi sarebbero?!?) in un programma televisivo!
Non stiamo parlando di migliorare l’intonazione per un cantante oppure studiare meglio dei passi di danza per un ballerino come vediamo ad Amici!!!



13. Marika ha scritto:

8 settembre 2015 alle 10:04

Sono anni che seguo la7 grazie al TG di Mentana e gli ottimi giornalisti che popolano questa rete, se non altro non lanciano i servizi leggendo il gobbo (Vedi TG1) e sono dotati di vita propria( se non altro un cervello che funziona). Trovo questa rete una validissima alternativa alla mediocrità imperante nelle altre reti (leggi pomeriggiocinque e lavitaindiretta) e non vedo l’ora di poter seguire un programma pomeridiano degno di un’attività cerebrale da normodotati. La Panella è il must e sono convinta che riuscirà nel difficile intento di togliere ascolti alla signora Cozzolino, graziata finora dalla totale assenza di una controprogrammazione degna di nota. Il programma di comici credo possa fare la differenza, mai sottovalutare Siani. Peccato per la prima serata, qualche film decente ogni tanto non sarebbe male, i talk francamente hanno stufato.



14. Laura ha scritto:

21 settembre 2015 alle 11:08

A mio avviso è un errore tagliare le invasioni barbariche, e’ un programma gradevole forse un po’ lungo, accorciatelo, ma non toglietelo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.