1
aprile

DM LIVE24: 1 APRILE 2015. SCAMARCIO VS DI PALMA: ASSOLTA LA GIORNALISTA DELLA VITA IN DIRETTA

Barbara Di Palma

Barbara Di Palma

[Da ANSA] Barbara di Palma, inviata del programma di Rai uno La vita in diretta, è stata assolta dall’accusa di aver calunniato l’attore Riccardo Scamarcio. Un teste dell’accusa, uno dei bodyguard in servizio la sera dell’accaduto, ha dichiarato “Scamarcio allungava un braccio e con la mano aperta abbassava la telecamera per impedire la registrazione“. La giornalista ha sempre dichiarato che l’attore aveva afferrato la telecamera che lei teneva in mano e che, come conseguenza, era caduta. Affermazioni confermate dai testimoni in udienza. Fatti che hanno portato alla sentenza di assoluzione.

L’attore sentito durante il processo ha insistito nel negare questa circostanza e chiesto un risarcimento stratosferico non commisurandolo ad alcun danno reale, come poi ha ammesso a domanda specifica dei difensori della signora di Palma, gli avvocati Lelio della Pietra e Mario Mele, che si ritengono soddisfatti della lunga istruttoria dibattimentale che ha fatto luce sulla vicenda. Sempre in aula, Laura Chiatti, anche lei presente quella sera, ha confermato che l’attore non gradiva essere ripreso.

Siamo nell’ottobre del 2007 in una discoteca in provincia di Perugia, dove Barbara di Palma era stata inviata dalla Rai per realizzare un servizio sulla serata ampiamente pubblicizzata in cui l’attore si esibiva in veste di dj.
A distanza di sette anni e mezzo, si chiude così una vicenda che ingiustamente vedeva coinvolta la giornalista per la presentazione di una denuncia nella quale aveva raccontato i fatti esattamente come confermati durante il processo.



Articoli che potrebbero interessarti


CAMPO-DALLORTO
Palinsesti Rai1 2017/2018: il progetto di Campo Dall’Orto per il pomeriggio


Giuliana De Sio
Giuliana De Sio cambia idea su Ballando: «Bisogna passare per il peggio per arrivare al meglio»


Chiara
LA VITA IN DIRETTA DA SANREMO: MALGIOGLIO DEMOLISCE LA “NENIA” DI CHIARA. NON SA CHE LEI LO STA ASCOLTANDO IN COLLEGAMENTO


La Vita in Diretta
LA VITA (MORTIFICATA) IN DIRETTA

4 Commenti dei lettori »

1. BohBeh ha scritto:

1 aprile 2015 alle 03:18

cavoli, c’hanno messo addirittura più tempo che tutta la vicenda di Meredith…



2. Viola ha scritto:

1 aprile 2015 alle 07:53

A parte l’imbarazzante durata del processo, Scamarcio dovrebbe un pó tornare coi piedi per terra invece di darsi le arie da divo… anche con la Bignardi é stato molto indisponente, non è che è l’unico uomo al mondo a sposarsi e per la veritá alla gente non gliene frega un fico secco.



3. Mattia Buonocore ha scritto:

1 aprile 2015 alle 12:55

Valeria Marini ha messo il punto definitivo sul suo sofferto matrimonio con Giovanni Cottone. Assistita dall’Avv. Laura Sgrò, ha ottenuto l’annullamento dalla Sacra Rota del suo matrimonio con il Cottone celebrato il 5 maggio 2013 nella Basilica dell’ Ara Coeli in Roma.

Giovanni Cottone aveva nascosto alla Marini l’esistenza di un suo precedente matrimonio concordatario celebrato in chiesa con un’altra donna a Palermo dal quale erano nati due figli e che non era mai stato annullato da alcun tribunale. Dinanzi alla precisa ricostruzione dei fatti effettuata dall’avvocato Sgrò, avvenuta attraverso documenti precisi e circostanziati, il Cottone non ha potuto eccepire nulla.

Il Tribunale della Sacra Rota ha, quindi, pronunciato la sentenza definitiva ed ha annullato il matrimonio di Valeria Marini con Giovanni Cottone per l’esistenza di un altro vincolo coniugale da parte del Cottone. La Marini, pertanto, può contrarre nuove nozze canoniche, ed essendo molto credente ha appreso con grande gioia la notizia.

“È la fine di un incubo – ha dichiarato Valeria Marini – ero a conoscenza dell’esistenza di un matrimonio civile celebrato dal Cottone, ma non sapevo nulla di questo precedente matrimonio.

La Marini, poi aggiunge: “Sono stata ingannata in tutto, anche davanti a Dio! Sono stata ferita nel profondo dei miei valori di donna credente cattolica. La fede, nella mia vita, è sempre stata un punto fondamentale. Ora, finalmente, ho avuto giustizia e sono serena; sono pronta a ricominciare. Dopo tante ingiustizie e falsità, ho ritrovato la serenità e la gioia di vivere con il sorriso.”



4. Gianluca ha scritto:

1 aprile 2015 alle 17:09

A Scama’ ma scendi dal piedistallo! Ma quanto sei anticipatico da 1 a 10? UNDICI!
Ed è pure falso! Certa gente dovrebbe provare davvero cosa vuol dire lavorare!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.