30
dicembre

LA BELLA E LA BESTIA: PRIMA PUNTATA TRA BUONE INTUIZIONI E QUALCHE SCIVOLONE

La Bella e la Bestia - Alessandro Preziosi e Blanca Suarez

La Bella e la Bestia - Alessandro Preziosi e Blanca Suarez

La prima puntata de La Bella e la Bestia, miniserie dedicata all’omonima celebre fiaba, può considerarsi riuscita, sebbene con alcune riserve. L’impegno produttivo e attoriale si nota, forse a mancare è stato quel pizzico di magia che la storia richiedeva, venuto meno nel tentativo di cercare l’originalità a tutti i costi.

Una rilettura non sempre valida, ma accattivante

Sono due le cose che maggiormente saltano all’occhio di questa ennesima riproposizione.

La prima: la bestia non ha le fattezze di un animale ma di un uomo con delle cicatrici in volto coperte da una maschera, e la bestialità si riscontra nel suo animo, divenuto scontroso e ostile. Questa svolta narrativa rende da un lato l’operazione senz’altro originale e Alessandro Preziosi, con una recitazione molto teatrale, è bravo a far cogliere sfumature e profondità del suo carattere tormentato; dall’altro rende però poco minacciosa la figura di Leon, che da subito non si percepisce come davvero pericoloso per la sua controparte femminile (cosa che invece all’inizio serviva per gettare il dubbio sulla sua figura).

La seconda: i due non si avvicinano in modo spontaneo, ma grazie al terzo incomodo femminile rappresentato da Helene, che fa scommettere a Leon di riuscire a sedurre Belle nel giro di una settimana. Questa scelta rende meno romantico il menage fra i due protagonisti, rendendolo un tantino ragazzesco e facendo cadere la storia in alcuni momenti francamente noiosi.

Per il resto la visione è godibile, Blanca Suarez è una Belle perfetta sia per avvenenza che per la determinazione che riesce a dare al suo personaggio, costretto a servire in casa della Bestia ma per nulla spaventata dalla sua figura (ma chi lo sarebbe? E qui torniamo alla prima obiezione).  La confezione è buona e il ritmo per fortuna non così lasco come si può pensare, anche grazie all’esperta regia di Fabrizio Costa. Belli costumi e scenografie, discreti gli attori di contorno.

Peccato proprio per quei particolari che dovevano servire a distanziare la fiction dalle altre trasposizioni, ma che a conti fatti risultano le vere pecche di una miniserie altrimenti perfettamente confezionata, anche visto il periodo natalizio. Se una storia è sempre stata rappresentata in un modo un motivo doveva pur esserci; sicuri che non fosse meglio seguire la solita rotta tracciata nel tempo?



Articoli che potrebbero interessarti


La bella e la bestia
LA BELLA E LA BESTIA: RAI1 PORTA LA FAMOSA FAVOLA IN TV


La Bella e la Bestia 8
LA BELLA E LA BESTIA: ALESSANDRO PREZIOSI E BLANCA SUAREZ IN AUTUNNO SU RAI1


alessandro-preziosi la bella e la bestia
LA BELLA E LA BESTIA: ALESSANDRO PREZIOSI TORNA A RIVOMBROSA


Meglio tardi che mai
Meglio tardi che mai. O forse era meglio mai e basta

2 Commenti dei lettori »

1. anto ha scritto:

31 dicembre 2014 alle 10:09

Forse un po la fotografia pecca,sembra un tantino retrò. Anche se preferisco di gran lunga Cenerentola sempre della Lux.



2. Matteo ha scritto:

8 gennaio 2015 alle 02:12

Ma che film avete visto???? Assurdo che i prodotti Lux Vide sono così protetti????E stata di una noia assurda poteva tranquillamente chiamarsi in un altro modo che non la Bella e la Bestia. l’ho trovata di un maschilismo becero a tratti bigott. Blanca Suarez sembrava la Bellucci con le sue smorfie altro che la dolce e misteriosa Yulia di El Internado. Mi chiedo come questa oscenità abbia fatto più di Rapunzel. Ah ridatece Fantaghirò e le altre fiabe di Lamberto Bava



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.