19
novembre

MASSIMO LIOFREDI, DIR. RAI RAGAZZI, A DM: LA VITTORIA AL JESC, UNA VITTORIA DELLA RAI. OSPITEREI SU RAI GULP UN DAYTIME DI TI LASCIO UNA CANZONE E THE VOICE. NON ESCLUDO L’ARRIVO DI UNA SCUOLA…

Massimo Liofredi

Massimo Liofredi

E’ soddisfatto il direttore di Rai Ragazzi, Massimo Liofredi, per il gradino più alto del podio ottenuto dall’Italia nella versione junior dell’Eurovision Song Contest. Ancor più soddisfatto per la sua Rai Gulp che ha ospitato la manifestazione nella quale ha trionfato il nostro Vincenzo Cantiello. Una vittoria che ha acceso i riflettori sul canale giovane della tv pubblica e ha dato il la per alcune riflessioni sui canali tematici, tra nuovi progetti e mission aziendali che vedono sempre protagonisti i più giovani.

Direttore, quanto gongoli?

Sono contento per l’azienda. La vittoria al Junior Eurovision Song Contest è la dimostrazione che quando la Rai si muove in maniera pesante, con un progetto, è vincente. Ci ho messo tutta la mia professionalità e le mie capacità, perchè questi progetti devono vivere di intuizioni. Se hai l’intuizione giusta vinci e va tutto bene. Se l’intuizione è sbagliata un po’ meno. Ero preoccupato e ci ho messo tanto del mio.

Quali sono state le intuizioni?

Sono state tre. La prima è quella di aver chiamato Leonardo De Amicis che è un ottimo professionista, un grande maestro, una persona estremamente intelligente; la seconda, aver scelto Vincenzo Cantiello: l’abbiamo scelto subito. Chiesi al maestro chi fosse, tra i ragazzi di Ti Lascio una Canzone, quello con l’estensione più larga, che si avvicisse di più al melodico italiano. Mi ha indicato Vincenzo, ho ascoltato tutte le sue esibizioni e non abbiamo avuto dubbi. Poi ci siamo seduti io e il maestro, l’uno di fronte all’altro, e abbiamo puntato sul melodico italiano che vince sempre sui paesi dell’est che hanno un ruolo importante nell’Eurovision Song Contest. Gli chiesi di ispirarsi a Claudio Villa, Mario Del Monaco, Andrea Bocelli e Luciano Pavarotti, a quella melodia che ci carattterizza e ci ha caratterizzato per anni. E’ inutile stare sulla dance, in un campo nel quale ci massacrano. E questa è stata la terza intuizione.

Certo, sono melodie più antiche ma che strizzano l’occhio a determinati paesi…

Indubbiamente. Abbiamo lasciato a casa qualcosa ma allo stesso tempo ci abbiamo guadagnato. Era la cosa più ovvia e giusta. E come dice il buon Einstein: ‘nell’ovvio c’è sempre un punto di genio’.

Ti stai definendo ‘genio’?

(ride, ndDM) No no no. Quando si vince, si vince con un gioco di squadra. Puoi essere il presidente, l’allenatore o il capitano ma da soli non si va mai da nessuna parte. E infatti fondamentale è stata la presenza di Antonella Clerici che ha sposato il progetto. La ringrazio pubblicamente perchè è stata veramente carina: non tutti hanno l’intelligenza di capire che venendo a Rai Gulp ti spendi per il mondo dei giovani, che è una cosa estremamente nobile. Il futuro è loro. Forse dovremmo essere tutti un po’ più attenti a investire sui giovani.

Quanto ha giocato a favore di Antonella Clerici e del suo Ti Lascio una Canzone la vittoria di Vincenzo Cantiello?

Ti Lascio è un signor programma, fatto con grande attenzione e c’è una selezione di voci incredibile. Sicuramente le ha dato soddisfazioni per il rilancio della nuova edizione che non so quando ci sarà. Loro hanno dato molto a livello internazionale, pensa a Il Volo. Credo che non ci sia precedente.

Rai Gulp ha un budget che permetta di realizzare un programma del genere?

Assolutamente no. Non è quello il nostro campo. Noi sperimentiamo con trasmissioni che toccano il canto, il ballo e la musica, ma la nostra forza è proprio quella di non andare ad intaccare la tv generalista. Ci dev’essere una declinazione intelligente.

Io però Lo Zecchino d’Oro lo manderei in onda su Rai Gulp piuttosto che su Rai 1. I canali tematici hanno anche bisogno di farsi conoscere…

No. Lo Zecchino d’oro è un pezzo di storia e di tradizione della televisione italiana ed è giusto che rimanga su Rai 1. E’ giusto che ci sia una ribattuta, come infatti c’è, su Rai Gulp o Rai Yoyo. Dev’essere un’implementazione.

E un daytime di The Voice o delle pillole quotidiane di Ti Lascio una Canzone le ospiteresti?

Si, tranquillamente. Io credo molto in queste integrazioni. La collaborazione nata tra Ti Lascio una Canzone e Rai Gulp spero di portarla avanti in futuro. E la stessa cosa potrebbe nascere con The Voice. Potrebbero essere l’uovo di colombo per ampliare il pubblico.

Ti sento più entusiasta rispetto a quando eri direttore di Rai 2…

Sono chiavi professionali diverse. I giovani ti danno quell’entusiasmo che ti permette di dar sfogo alla creatività. Per me, quindi, è stato facile rivalorizzare il brand di Gulp in tutte le sue declinazioni, da Gulp Music, Gulp Magic, Gulp Girl, Gulp Inchiesta, Gulp Cinema e Teatro. Stessa cosa per Rai Yoyo: ho rivalorizzato dei cartoni che ho trovato e che erano dei riempitivi, vedi Peppa Pig. Abbiamo portato al successo tutto. Bisognava solo trovare la chiave e trasformare un progetto in televisivo, che è la cosa più difficile.

Quanto conta il poter lavorare senza l’ossessione degli ascolti?

Noi abbiamo l’obbligo e il dovere di sperimentare. L’obbligo è nei canali tematici, quelli dei nuovi linguaggi e dei nuovi progetti. Io ce l’ho messa tutta in questi anni cercando di sviluppare e di cambiare quella che era la vecchia mentalità di Rai Sat. Ho giocato molto sulla internazionalizzazione, vedi l’aver portato l’inglese all’interno di Yoyo o la presenza di prodotti come l’ESC o Gulp Music che hanno un rapporto diretto con i paesi esteri e con attori e cantanti stranieri. Siamo una società multietnica ed è giusto guardare al panorama del nostro Paese cercando di conoscere le culture e le tradizioni degli altri.

Secondo te i giovani nel 2014 quanto potere hanno televisivamente?

Il mercato punta sulla freschezza di un giovane talento. Ma ci vuole molta preparazione, si deve studiare molto. E’ inutile presentarsi ai talent senza una preparazione vera.

L’obiettivo rimane sempre la generalista o la generalista è destinata a non avere più senso?

La tv generalista non morirà mai. Rimarrà sempre il punto di riferimento. La tv tematica, invece, deve avere l’obbligo di scoprire nuovi personaggi e investire su nuovi talenti.

Qual è quello di cui sei più orgoglioso?

E’ un gruppo di ragazzi straordinario. Vengono tutti da una scuola. E secondo me bisogna tenerli sott’occhio perchè avranno delle grandi possibilità. Si stanno formando e lavorano con grande serietà. Tirare fuori un nome non sarebbe giusto. Tu però ne hai toccato uno con mano al Junior Eurovision Song Contest, Simone Lijoi: è una persona per bene, parla tre lingue, è stato selezionato da Walt Disney per Violetta ed è normale che cerchi di portarlo dentro.

Che novità ci saranno su Rai Ragazzi?

Prossimamente su Rai Gulp ci sarà uno sviluppo maggiore di musica, ballo e fiction, anche fantasy, senza trascurare le nostre produzioni che rientrano sempre nella strategia di accontentare il pubblico tipico della nostra rete, con l’obiettivo di creare una community di dialogo tra noi e loro. E non è detto che non si riesca a mettere in piedi una scuola all’interno di Rai Ragazzi per permettere ai giovani di poter accedere, anche attraverso il web, al mondo dello spettacolo. In tanti ci chiedono cosa bisogna fare per entrarci e secondo me bisogna dare possibilità di esprimere i loro sogni. Ma studiare rimane la cosa principale: lo spettacolo puoi anche desiderarlo ma la crescita culturale e personale è fondamentale. Anche perchè devi garantirti un’uscita di sicurezza qualora il sogno non si realizzi.

Visti i tempi, professioni alternative e originali come quelle dello spettacolo potrebbero offrire – per assurdo – maggiori sbocchi rispetto ad un lavoro ‘tradizionale’…

La verità è che i proletari di oggi sono i laureati.

Mi ha fatto piacere che sino ad ora tu non abbia sciorinato gli ascolti pur potendolo fare…

Ma sai, quando hai a che fare con i ragazzi importano di più i contenuti, i messaggi, i valori.

Se un domani ti chiedessero di tornare alla direzione di Rai 2 o di una generalista?

Io sono un aziendalista. E’ come quando giocavo a calcio, prima ero in difesa, poi centravanti. In Rai succede lo stesso, faccio quello che mi chiede l’azienda.

Ma ci sarà pure un ruolo nel quale ti senti più forte però….

Non sta a me dirlo.

Non mi far chiudere l’intervista dicendo che sei un paraculo anche tu, Direttore!

(ride, ndDM) No no, è la verità. Tutti abbiamo un sogno, però io sono con i piedi per terra. Mi piace sapere qual è la mia mission e in virtù di questo preparo un progetto, parto, ci metto anima, cuore e… vado!

Per chiudere, il Junior Eurovision Song Contest 2015 lo facciamo o no in Italia? Con l’Expo non dovrebbe essere difficile rintracciare strutture idonee…

Questo non te lo so dire. Quella dell’Expo potrebbe essere un’idea ma è una decisione dei vertici aziendali.

Ah, ma con chi parlavi spesso e volentieri durante la diretta dell’Eurovision?

Con mia mamma. E’ il mio termometro della tv generalista. Io, ogni mattina, vado a casa dei miei genitori per prendere il caffè e portare loro i giornali. Quando mia mamma mi ha detto “ah Massimo, ho visto che la Clerici fa l’Eurosong Contest su Rai Gulp” ho capito che ce la potevamo fare perchè mia madre vede solo Rai 1. Quindi il messaggio era passato.



Articoli che potrebbero interessarti


Massimo Liofredi
Rai Ragazzi, Massimo Liofredi lascerà la guida. Campo Dall’Orto: il successore reso noto entro aprile


Luca Milano
Luca Milano è il nuovo direttore di Rai Ragazzi. Subentra a Massimo Liofredi


Lorenzo Branchetti
RAI YOYO E RAI GULP: NATALE CON LORENZO BRANCHETTI, PEPPA PIG, E SAILOR MOON CRYSTAL


Zorro - La leggenda
CARTOON NEWS: ARRIVANO LA NUOVA SERIE DI ZORRO E UNA PUNTATA SPECIALE DI PEPPA PIG

20 Commenti dei lettori »

1. Violadelpensiero ha scritto:

19 novembre 2014 alle 15:38

Belle idee, veramente geniali. Fare di un canale per bambini/ragazzi un contenitore di programmi spazzatura in stile talent per gettare ancora più fumo negli occhi sia ai ragazzi che alle famiglie.
Invece di tornare al gioco e a programmi fondati sul divertimento e la fantasia imbottiamo i nostri giovani di falsi sogni e false promesse di successo e fama già a partire dagli anni della culla.
Che questo bimbo abbia vinto una competizione importante poi non è merito della televisione, non è merito dell’attenzione mediatica a cui è stato sottoposto per mesi in quella nursery di ti lascio una canzone. Evidentemente ha un talento (che non vuol dire solo cantare in modo intonato ed essere giudicato da 4 vecchie glorie disoccupate). Chi ha talento CON o SENZA televisione riuscirà a fare quel che vuole.



2. Vito Tricà ha scritto:

19 novembre 2014 alle 15:51

Il daytime di The Voice su Rai Gulp mi sembra un tantino azzardato. La fascia di pubblico a cui si riferisce il canale è quello in età preadolescenziale, e se fossi un genitore, per quanto possa apprezzare il talent, non permetterei mai a mio figlio di 9 anni di seguire le gesta di un Piero Pelù o J-Ax con tutto lo stuolo di doppi sensi che si portano dietro…



3. Gigi ha scritto:

19 novembre 2014 alle 16:54

Ecco perché il JESC2014 su RaiGulp ha battuto ogni record nella fascia di pubblico Over 65: Leoffredi ha preso come punto di riferimento la sua mamma!

Ironia a parte, una nota su Simone Lijoi: bello,giovane, bravo, parla tre lingue ma… sti Eurovision proprio non li aveva studiati sufficientemente: durante la diretta, era stato l’unico a non aver capito che Cantiello aveva matematicamente vinto.

E poi sta scusa del “parla tre lingue” l’ho già sentita da un’altra parte… Forse ai tempi del processo “Berlusconi – Minetti”…



4. Andrea ha scritto:

19 novembre 2014 alle 17:50

Gli avete chiesto perché non chiama Georgia Luzi per un programma su Rai Gulp.
Georgia Luzi era la conduttrice migliore di Rai Gulp!



5. Davide Maggio ha scritto:

19 novembre 2014 alle 17:58

Gigi: immagino che tu appartenga al nutrito gruppo che ha criticato la Ventura quando intervistava i cantanti stranieri ospiti a Quelli che il Calcio e non sapeva spiccicare una parola d’inglese. No? :D



6. Giulio ha scritto:

19 novembre 2014 alle 18:52

Ma che senso ha il daytime di The Voice su rai gulp?Mica si rivolge a quella fascia di pubblico!Se mai facessero un daytime lo devono mandare su rai 2 o al massimo su rai 4



7. dumurin ha scritto:

19 novembre 2014 alle 23:10

Belle idee.
Mi incuriosisce un sacco questa frase: “Prossimamente su Rai Gulp ci sarà uno sviluppo maggiore di musica, ballo e fiction, anche fantasy”: che finalmente anche in Italia inizino a produrre fiction fantasy come nel resto del mondo? Sarebbe un’ottima iniziativa. Al momento in Italia di fiction fantasy si ricordano le popolari fiabe di Canale 5 degli anni ‘90 (Fantaghirò, Desideria, Sorellina, La Principessa e il Povero), le fiabe su Raiuno (Pinocchio, Cenerentola, La Mille e Una Notte – Aladino e Sherazade, La Bella e la Bestia in arrivo e si spera che proseguano con il ciclo) e alcune prodotte in passato dalla Rai stessa (Le Avventure di Pinocchio, Nel Mondo di Alice, Racconti Fantastici, Le Mille e Una Notte).
Adesso in Italia c’è la bellissima serie per ragazzi Mia and me.
Spero che la Rai lanci nuove fiction fantasy tutte italiane, ci vuole il fantasy e il fiabesco in Italia.



8. Gigi ha scritto:

20 novembre 2014 alle 11:20

@DavideMaggio: Certo! Come dimenticare il suo “sdibele-leiba”, “anche bravi?!” davanti ad una sbigottita Lady Gaga, che ha dovuto persino rispondere per tre volte di seguito alla domanda “ma ci sarà un tour?”.



9. Davide Maggio ha scritto:

20 novembre 2014 alle 11:55

Gigi: e allora apprezza chi parla le lingue, no?! :-)



10. Tv ha scritto:

20 novembre 2014 alle 13:38

questo è un canale di Cartoni non di Talent ci vogliono le serie giapponesi la Rai perso L’anime prettycure e non è manco nteresata ha nterotto un anime giapponesi nuovo su Rai 2 per poi farlo sparire



11. Tv ha scritto:

20 novembre 2014 alle 13:43

ecco cosa vogliono i Ragazzi in realtà petizioni24.com/rivogliamo_gli_anime_vecchi_e_nuovi_in_tv



12. Flavia85 ha scritto:

21 novembre 2014 alle 01:40

Sinceramente, ho trovato molto intellegente la scelta di Rai Gulp di trasmettere Il JESC 2014. Ho seguito la manifestazione con grande accanimento, partecipazione e divertimento! La vittoria, poi, di Vincenzo Cantiello attesta, al di la’, del talento personale del ragazzo, la professionalia’ di una squadra che evidentemente ha lavorato benissimo. A cominciare dal direttore Massimo Liofredi che, ancora una volta, ha dimostrato di avere intuito e grande competenza. Insomma, abbiamo vinto su tutti i fronti..Cerchiamo solo di esserne orgogliosi!…



13. Marty88 ha scritto:

21 novembre 2014 alle 09:36

Che tristezza. Non riusciamo a pensare ad altro che a talent?
Ma i vecchi cari cartoni sono diventati superflui per queste e le future generazioni? Dice di aver portato al successo serie rimpitive come PEPPA PIG e se che lo si vuole davvero è possibile portare al successo quello che si vuole, appunto.. peccato che avevano in mano un prodotto d’oro come PRETTY CURE che ha sempre fatto ottimi ascolti (tanto che all’ultimo passaggio lo hanno messo al posto di Violetta) e lo hanno letteralmente buttato nel c… water!



14. CosmoChan ha scritto:

21 novembre 2014 alle 09:42

potreste gentilmente far sapere al Signor Liofredi che abbiamo creato una petizione per aver Pretty Cure in italia, e che in meno di una settimana abbiamo già 1.000 firme?
RIVOGLIAMO LE PRETTY CURE IN ITALIA!!!!
https://www.facebook.com/vogliamoprettycureitalia



15. Alessandro ha scritto:

21 novembre 2014 alle 11:30

Ancora a parlare di talent? Basta, ragazzi! Sono soltanto una parte dei palinsesti televisivi! C’e’ anche altro!! Rai ragazzi, ad esempio, che seguo da tempo, haun’ottima programmazione. Spazia da bellissimi cartoni animati alle fiction, con contenuti che vanno dal gioco all’attualita’ . E’ la migliore televisione tematica in circolazione, con ascolti pazzeschi! Magari la televisione italiana fosse tutta cosi



16. Sunrise ha scritto:

21 novembre 2014 alle 12:02

Sono d’accordo con te, Alessandro! Ho due figli adolescenti e devo dire che Liofredi sta lavorando veramente bene a rai gulp e yoyo. Ricordo che anche quando dirigeva Rai Due ha sempre avuto il coraggio di puntare su programmi nuovi, che hanno avuto grande successo. Un periodo d’oro che quella rete non ha piu’ replicato. Peppa Pig, come qualunque altra cosa, non lo porti al successo se non sei capace. Speriamo continui cosi



17. Roby ha scritto:

21 novembre 2014 alle 16:13

Vedo spesso rai gulp, mi piace sopratutto che ci siano trasmissioni che parlano di musica e cinema! Non deve cambiare, anzi deve trasmettere sempre programmi di questo genere! Anche il song contest mi e’ piaciuto tantissimo, che bello ha vinto un bambino italiano che ha una gran voce



18. Stefania ha scritto:

21 novembre 2014 alle 18:07

Raidue e tutte le tv generaliste sono diventate inguardabili! Lasciamo perdere questo discorso! Sempre le solite cose e le solite facce! E i dati confermano che non sono l’unica a pensarla cosi. Il problema e’ che in Italia si ha paura di rischiare. Liofredi e’ stato uno dei pochi direttori di una rete generalista che ha saputo rischiare e fare ascolti. Mentalita’ che gli e’ servita anche per dirigere gulp e yoyo. Il resto sembra landa desertica…



19. saro zappalà ha scritto:

21 novembre 2014 alle 20:46

Io rivoglio FISICA O CHIMICA!



20. VivaPaolaPerego&Ventura ha scritto:

24 novembre 2014 alle 12:59

Io riproporrei su Rai Gulp serie come Once upon a time ecc.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.