13
settembre

DMAX: NEL PALINSESTO AUTUNNALE ARRIVANO DUE PRODUZIONI ITALIANE

DMAX, nuovo palinsesto

DMAX, nuovo palinsesto

Ci è voluto un po’ di tempo, a differenza di Real Time che però poteva già contare su una library piuttosto nutrita, ma finalmente anche su DMAX (canale 52 del digitale terrestre, 140 della piattaforma Sky) avremo modo di vedere le prime produzioni italiane. Sarà un “autunno caldo” per il gruppo Discovery, che con la conclusione degli switch-off si prepara a conquistare nuove fette di pubblico con i suoi due canali free, Real Time e DMAX. Tante le conferme (di successo) su Real Time, e tante le novità sul cugino al maschile del gruppo guidato da Marinella Soldi, che quest’estate ha raggiunto il traguardo dell’1% di share sul totale individui (2,4% sul target maschile 20-49).

La prima è Football Hooligans, in onda a partire dal 23 settembre ogni domenica alle 22.55, in cui l’editore e scrittore Michele Dalai catapulterà gli spettatori tra gli spalti dei più famosi stadi, permettendo al pubblico di accedere alle curve e alle tifoserie calcistiche internazionali. Il giornalista ci racconterà gli aneddoti e i retroscena delle più famose tifoserie, e cercherà di capire cosa spinge i tifosi a rendersi protagonisti di episodi di violenza durante le partite della propria squadra. Protagonista del docureality è l’attore Danny Dyer (The Football Factory) che riuscirà ad entrare in contatto con i membri delle varie organizzazioni dietro le società calcistiche, partecipando in prima persona agli scontri tra tifoserie, tra lacrimogeni e sparatorie.

La seconda novità è invece Milano City Tattoo, in onda a partire dal 16 ottobre ogni martedì alle 22.55. Nel docureality prodotto da Zodiak Active i telespettatori entreranno a contatto con il mondo dei tatuaggi, si cercheranno di capire i motivi del boom di questa moda e si racconteranno le storie di alcuni esperti tatuatori milanesi, dei veri talenti nella “pittura su corpo”.

Alle due produzioni italiane, se ne aggiungeranno alcune inedite internazionali come le indagini di Ross Kemp e Louis Theroux, “Fuori in 72 ore” e le avventure dell’ultimo sopravvissuto, Bear Grylls. Confermata la programmazione per generi, proposti in serate tematiche, e le produzioni “storiche”, perlopiù prelevate dalla library di Discovery: River Monsters, Lavori Sporchi, Top Gear, LA Ink e Street Customs.

Ma non finisce qui: con la nuova stagione televisiva, ad un anno dalla nascita per DMAX è già arrivato il momento di cambiare vestito: piccola modifica al logo, cambio di look, nuovo claim (“Lo guardi, lo vivi”) e finalmente il sito internet, che ospiterà – oltre alla canonica guida tv – anche un servizio di catch up tv e alcune première dei programmi prossimamente in onda sul canale.

Di seguito la programmazione di settembre:

Fuori in 72 ore (il giovedì alle 22.55)
Gary Humphrey, veterano dei reparti speciali britannici, e Bill Wu, appassionato di quattroruote degli States, sbarcano in ogni episodio in uno dei luoghi più isolati al mondo con una vecchia auto rossa. Le destinazioni hanno una caratteristica in comune: nessuno è mai stato tanto pazzo da portarvi un veicolo prima, infatti non ci sono strade, officine per i ricambi nè servizi basilari. I protagonisti dovranno ingegnarsi in una corsa contro il tempo, contro il territorio e contro se stessi.

Bear Grylls: l’ultimo sopravvissuto (il giovedì alle 22.05)
Ex componente delle Special Forces inglesi, Bear Grylls è stato addestrato in qualità di esperto di sopravvivenza nell’esercito. Niente fa paura all’impavido Bear, che dispensa consigli e svela le sue preziose strategie per sopravvivere nelle situazioni più estreme. Sepolto vivo da una valanga, a cavallo di una tavola da surf improvvisata con una foglia di bambù o in fuga  da un’isola deserta: Bear prende di petto situazioni che mettono a repentaglio la vita, spingendo al limite la propria resistenza fisica.

Ross Kemp: mondo criminale (il sabato alle 22.55)
Seguiamo l’attore britannico Ross Kemp in giro per il mondo in cerca di alcune tra le più temibili e tristemente note confraternite criminali in circolazione. In Russia incontra le gang neonaziste di Mosca, e cerca di capire come nasce la recente matrice di odio razziale, mentre in Sud Africa ci fa conoscere i “Numbers” che spopolano nelle prigioni del paese. Una delle missioni più pericolose vede il nostro protagonista dietro le sbarre di un carcere di massima sicurezza tra assassini, stupratori e rapinatori.

Brutti, sporchi e affamati (la domenica alle 22.05)
Bill Allen e Paul Patranella sono amici per la pelle con due grandi passioni: le motociclette e la buona tavola. Nella serie li seguiamo nel loro viaggio da gourmet in giro per gli Stati Uniti per farci provare una vasta gamma di delizie per il palato. Dalle rane toro del fiume Oklahoma ai pranzi con i patiti del cibo piccante a Houston per assaggiare i più scottanti peperoncini al mondo: questo duo si immerge nella storia locale sperimentando le abitudini culinarie di alcuni bizzarri personaggi.

Street Customs 3 (il lunedi alle 22.55)
Protagonista della serie è la famosa officina di auto su misura West Coast Customs (WCC). Dal rendering alla realtà, il team di fama planetaria, con la sua leggendaria azienda, è rinomato per trasformare veicoli normalissimi in creazioni da esposizione, uniche nel loro genere. Grazie al visionario direttore, Ryan Freidlinghaus, WCC è diventata un fenomeno della cultura pop e vanta una sfilza di nomi famosi tra i clienti, come Mark Wahlberg, Justin Beiber e Will.i.am.

LA Ink 3 (il martedì alle 22.55)
Direttamente da Los Angeles, la serie sui tattoo studios più all’avanguardia del mondo. Protagonista, la vulcanica tatuatrice KAT VON D leader di un tattoo shop tutto al femminile, divenuto il punto di riferimento di cantanti e starlet. Quella dei tatuaggi è da secoli un’industria prevalentemente maschile. “LA INK” rompe con la tradizione: tre famose tattoo artist donne, con la collaborazione di un noto artista uomo, si sono uniti per dare vita al centro più nuovo e alla moda di Los Angeles.

Football Hooligans con Michele Dalai (la domenica alle 22.55)
Un accesso privilegiato alle curve e alle tifoserie calcistiche internazionali più agguerrite. La serie analizza i motivi che spingono i tifosi a commettere sconvolgenti atti di brutalità nel nome della loro adorata squadra di calcio. L’editore e scrittore Michele Dalai introduce ogni episodio, arricchendo il racconto con aneddoti e retroscena legati al mondo delle tifoserie più violente, senza giudicare il fenomeno, in linea con la tradizione del giornalismo investigativo di matrice inglese.



Articoli che potrebbero interessarti


Milano City Tattoo
MILANO CITY TATTOO: DMAX ENTRA IN UN GRANDE TATTOO STUDIO DI MILANO


discovery italia
Discovery, palinsesti 2017/2018: le novità di Real Time, DMAX, Focus, Giallo, Discovery Channel ed Eurosport


Driving wild
Driving Wild: DMAX alla scoperta dei motorsport più inconsueti


linus e nicola savino deejay chiama italia dmax
Deejay Chiama Italia passa su DMAX

3 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

13 settembre 2012 alle 17:49

Peccato che abbiano spostato gli orari di Orrori da gustare. Il resto della programmazione la guardicchio in piccole dosi per evitare intossicazioni.



2. nokiatony ha scritto:

13 settembre 2012 alle 17:59

si ma dovrebbero aumentare un po la qualità video del canale.. è sfocato a differenza di realtime



3. Andrea ha scritto:

13 settembre 2012 alle 23:46

E’ un ottimo canale, adoro Com’è fatto, Miami Ink (meglio del cugino losangelino, secondo me), Lavori sporchi, Megacostruzioni! E Top Gear è sempre piacevole rivederlo (nonostante il pessimo, e sottolineo pessimo, adattamento italiano).
Oltretutto in questi giorni la rete s’è regalata un restyling, ed è entrato in squadra uno speaker che annuncia alcuni programmi che andranno in onda.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.