22
settembre

Il sorprendente debuttante del Prisma di Prime Video

Prisma - Matteo Carrano

Prisma - Mattia Carrano

In geometria un Prisma è un poliedro formato da due poligoni paralleli e uguali, che ne costituiscono le basi, avente come facce laterali dei parallelogrammi, in numero pari al numero di lati del poligono di base. Nell’omonima serie Prime Video, disponibile da oggi con i suoi otto episodi, le basi del prisma sono i due gemelli Marco e Andrea, così simili d’aspetto, che proiettano sui lati tutte le loro possibili e celate identità.

Prodotta da Cross Productions di Rosario Rinaldo, Prisma è diretta da Ludovico Bessegato, già dietro la macchina da presa di Skam Italia. E, in perfetta continuità con essa, racconta la generazione Z in tutta la sua complessità, porgendo particolare attenzione a tutte quelle fragilità che spesso i ragazzi si vedono costretti a tacere, per non deludere gli altri o semplicemente se stessi.

Andrea e Marco hanno caratteri molto diversi e diversi ruoli nel gruppo sociale al quale appartengono, ma grattando la superficie tutto si può capovolgere. Il primo, scapestrato e ben inserito, è la pecora nera della famiglia, bocciato dopo essere stato sorpreso a spacciare a scuola e all’apparenza molto sicuro di sé, quando in realtà è innamorato di un suo compagno e “cliente”, con il quale intrattiene una chat su Instagram fingendosi una ragazza; l’altro è nuotatore provetto e timidissimo, che si sforza di essere forte per fare da guida al fratello ma trova proprio in lui la sua più grande debolezza.

Intorno a loro, un universo di personaggi vari, che incarnano i peggiori e migliori cliché sui giovani d’oggi, portandone in scena la confusione e la difficoltà di vivere in una società ormai priva di schemi, nella quale sembra di poter essere tutto e il contrario di tutto. In un mix di sfumature che vedono di volta in volta sbiadire e accentuare i colori base di ciascuno, che danno il titolo agli episodi.

La serie, spinta da un’ottima fotografia, da un canzone di Achille Lauro perfettamente nel mood e da un ritmo a tratti ansiogeno, va seguita con cura e attenzione, senza distrazioni di sorta, perchè l’uso continuo dei flashback (con data segnalata, per fortuna) stratifica il racconto in più piani, tra i quali è possibile perdersi.

Prima - Matteo Carrano nei due ruoli

Prima - Mattia Carrano nei due ruoli

Ottimo il cast di giovanissimi, tra i quali spicca l’esordiente Mattia Carrano, protagonista nel duplice ruolo dei gemelli. Una sfida non da poco, che può dirsi assolutamente vinta, perchè Carrano riesce a dare ad ognuno dei due un’anima diversa, partendo dallo sguardo ed arrivando alla postura, proprio come fece Leonardo Di Caprio ne La Maschera di Ferro. E il paragone sarà forse un po’ azzardato, ma dà l’idea del suo promettente talento.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Prime Video Presents Italia - Ezequiel Lavezzi
Palinsesti Prime Video 2022/2023: l’assalto dei ‘soliti comici′. In arrivo docufilm su Kobe Bryant e una serie con i Me contro Te


100% Italia
100% già visto


Caterina Balivo - Lingo
Lingo, a Caterina Balivo non bastano i baffi


Iva Zanicchi a BellaMa'
BellaMa’: un programma pieno di sé e privo di senso

1 Commento dei lettori »

1. Vanessa ha scritto:

22 settembre 2022 alle 18:54

Il film di Di Caprio si chiama “maschera di ferro” 🤦‍♀️. No comment…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.