26
maggio

TV Bielorussia contro i Maneskin: «Un bestiario dei pervertiti, omosessuali degenerati, spazzatura che sa di Aids» – Video

tv bielorussa maneskin

TV bielorussa

“Un bestiario dei pervertiti, omosessuali degenerati, spazzatura che sa di Aids. Per fortuna non l’hanno trasmesso in Bielorussia“.  Parole terribili, di disprezzo, hanno accompagnato il commento dei Maneskin sulla tv bielorussa CTV, emittente filo Lukashenko

Il conduttore Grigoriy Azarenok prosegue dicendo:

Il mondo moderno della democrazia e del progresso sta avanzando con successo verso la demenza totale, verso le perversioni fuori di testa, verso gli individui in tanga, verso la distruzione di tutto ciò che è umano nell’uomo. Dobbiamo separarci da tale progresso dalla cortina di ferro. Preferiamo la dittatura. Tutto il mondo sprofonderà in questo abisso, ma la Bielorussia rimarrà un’isola di libertà”.
L’accaduto, portato alla ribalta dall’associazione Bielorussi in Italia Supolka, è sintomatico rispetto ad una situazione in Bielorussia che sembra sempre più preoccupante. Nei giorni scorsi ha fatto discutere il dirottamento di un aereo di linea Ryanair a Minsk per poter arrestare l’oppositore Roman Protasevich.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati

2 Commenti dei lettori »

1. LucaGrossi ha scritto:

26 maggio 2021 alle 19:11

D’altronde cosa ci si può aspettare da un regime dittatoriale come quello bielorusso? Provo solo pietà per i poveri cittadini dissidenti le cui proteste vengono represse…



2. giauz ha scritto:

27 maggio 2021 alle 14:57

Mamma mia… e io che mi lamentavo di Rete 4 e del Tg4 ai tempi di Silvio…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.