28
aprile

Franco Di Mare: «Ho un tumore molto cattivo, mi resta poco da vivere. In Rai si sono dileguati tutti, è ripugnante»

Franco Di Mare a Che Tempo Che Fa

Franco Di Mare a Che Tempo Che Fa

“Temo che vediate traccia di qualcosa, questo tubicino che mi corre sul viso è legato a un respiratore automatico che mi permette di respirare in modo forzato ma mi permette di essere qui. Io mi son preso un mesotelioma, un tumore molto cattivo. Franco Di Mare esordisce così a Che Tempo Che Fa, ospite in collegamento di Fabio Fazio, rivelando di essere malato di un tumore raro che colpisce gli organi interni, principalmente a causa dell’esposizione all’amianto.

Si prende perché si respirano particelle di amianto senza rendersene conto (…) Ha un tempo di conservazione lunghissima, può restare in attesa fino a 30 anni e quando si manifesta, ahimè, in genere è troppo tardi

afferma il giornalista, ex volto e direttore Rai, nonché inviato di guerra. E’ un male che non lascia scampo, come dichiarato dal diretto interessato anche al Corriere:

Mi resta poco da vivere, quanto non lo so (…) Oggi ci si cura e spesso si guarisce. Da questo no. Non se ne va, al massimo lo puoi rallentare, ma resta lì ed è uno dei più cattivi”

Ha raccontato che l’essere stato a lungo nei Balcani – “tra proiettili all’uranio impoverito, iper-veloci, iper-distruttivi, capaci di buttare giù un edificio. Ogni esplosione liberava nell’aria infinite particelle di amianto. Ne basta una” – è oggi, di fatto, la sua condanna:

Non potevo saperlo, ma avevo respirato la morte.

Proprio per i lunghi tempi di conservazione delle fibre di amianto, non sa quando lo ha “preso”, dalla sua prima missione nel 1992 all’ultima del 2000. La speranza, però, c’è ed è quella che la ricerca possa un domani trovare la cura:

“Con questo non finiscono le speranze, le speranze ci sono ancora, la ricerca va avanti. Voi avete Burioni che qualche settimana fa ospitò un grande della ricerca, Paolo Ascierto, proprio intorno ai temi dell’immunoterapia, che presentò il vaccino per una malattia correlata al cancro. Non è vero che domani non ci siano possibilità, al momento no. Stasera sono qui a festeggiare l’idea che esista una soluzione che ancora non si è scoperta ma che probabilmente verrà scoperta. Non bisogna buttarsi giù, lo dico agli ammalati di questo stesso tumore che ho io, che si può andare avanti con ragionevoli speranze che ci sia una soluzione e che non sia così lontana”

spiega Di Mare nella chiacchierata a distanza con Fazio. E’ anche l’occasione per un’amara considerazione sulla Rai; quando hanno appreso della sua malattia, dalla tv di Stato si sono dileguati tutti:

“Tutta la Rai, tutti i gruppi dirigenti, non quello attuale, ma quello precedente, quello precedente ancora. Posso capire che esistano delle ragioni di ordine sindacale, legale, ma io chiedevo alla Rai lo stato di servizio che è un mio diritto, i posti in cui sono stato, così potevo provare a chiedere alle associazioni di categoria cosa fare… (per il mesotelioma la comunità scientifica riconosce un nesso di causalità con l’inalazione di fibre di amianto, ndDM). Sono spariti tutti (…) Quello che capisco meno è l’assenza sul piano umano. Persone a cui parlavo dando del tu, perché ero un dirigente Rai, sono sparite, si sono negate al telefono, a me. Come se fossi un questuante. Io davanti a un atteggiamento del genere trovo un solo aggettivo: ripugnante.

Di Mare va avanti come può (vive attaccato ad un respiratore automatico 24 ore su 24), raccontando le guerre fuori e dentro di sé in un libro – “Le parole per dirlo” – che definisce il suo testamento. Ma finché c’è vita non molla:

Non è ancora tardi, non è ancora finita. Come diceva Boškov, la partita finisce quando l’arbitro fischia e il mio arbitro non ha fischiato ancora.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Langelo-di-Sarajevo-1
Rai2 ripropone L’Angelo di Sarajevo in ricordo di Franco Di Mare


Franco Di Mare
E’ morto Franco Di Mare


Bianca Berlinguer e Mauro Corona - E' Sempre Cartabianca
Berlinguer tende la mano a Franco Di Mare: «Il passato non conta più, un abbraccio fortissimo»


Franco Di Mare
Franco Di Mare, la Rai si rende disponibile «a fare tutto il possibile per ricostruire quanto da lui richiesto»

2 Commenti dei lettori »

1. Andrea C. ha scritto:

29 aprile 2024 alle 09:07

Solidarietà a Franco Di Mare.



2. Mattep ha scritto:

29 aprile 2024 alle 12:20

Mi ha molto commosso vedere la sua intervista.
Sulla Rai ed i suoi dirigenti non ho parole….solo schifo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.