22
febbraio

Lolita Lobosco è la nuova star di Rai 1 (e Bari la nuova Vigata)

Lunetta Savino e Luisa Ranieri

Lunetta Savino e Luisa Ranieri

Lolita Lobosco è un personaggio forte, pieno, e Luisa Ranieri nell’interpretarla è sbocciata un’altra volta, giocando con l’ironia e con la sua bellezza, mai sottolineata come in questa fiction. Certo, la Lolita televisiva non è esattamente quella creata dall’autrice Gabriella Genisi, non soltanto perchè la sua ossessione per le arance e per la cucina è stata taciuta, quanto perchè per creare un nuovo volto di punta Rai Fiction è stato necessario limitare un po’ la sua audacia. Ma quel che c’è basta a renderla speciale, tanto che il pubblico le ha riservato uno share del 31.8% degno del Commissario Montalbanoc’avevamo visto giusto rintracciando delle affinità importanti tra i due prodotti.

Lolì è speciale, sì. Unica, no: è stata presentata come un personaggio nuovo, necessario per bilanciare la presenza femminile nelle alte sfere della polizia televisiva, eppure, vedendola muoversi sui suoi tacchi senza farsi intimidire dagli sguardi degli altri, è impossibile per lo spettatore di Rai 1 non pensare ad Imma Tataranni, il sostituto procuratore di Matera che nel 2019 ha sparigliato le carte dell’ammiraglia. E se la Ranieri ha detto di non trovare grosse similitudini tra i due personaggi, noi le notiamo eccome.

Lolita Lobosco ha però dalla sua una tristezza irrisolta di fondo che la rende delicata, nonostante quell’immagine così spregiudicata. E’ bellissima e non del tutto consapevole della cosa perchè, come le dice la sua amica Mariella, “puoi essere anche Venere, ma se nessuno te lo dice, te lo dimentichi”. E lei gli uomini, almeno fino al momento in cui i telespettatori la incontrano, li ha messi da parte, pur di non fare i conti con un cuore romantico che la fa sentire debole.

Le indagini narrate sono molto articolate, bisogna seguirle con attenzione per non perdersi, mentre i valori aggiunti di questa fiction sono due: il primo è la location, una Bari colorata e viva, finora trascurata dalla tv; l’altro sono i comprimari, capaci di arricchire anche i momenti più drammatici di una vena comica notevole.

Una menzione speciale va alla barese Lunetta Savino, che interpreta la madre di Lolita: sono passati ventitré anni da quando ha trovato la popolarità con Un Medico in Famiglia e, nonostante da allora abbia tanto sperimentato, dedicandosi spesso a ruoli impegnati, ritrovare nella sua Nunzia le sfumature genuine e divertenti di Cettina Gargiulo è stato una specie di regalo, che gli appassionati di fiction italiana non possono non aver apprezzato.



Articoli che potrebbero interessarti


lolita lobosco
Pagelle TV della Settimana (15-21/02/2021). Promossi Lolita Lobosco e i 25 anni di Porta a Porta. Bocciati i ‘ritardi’ del Cantante Mascherato e il televoto del GF Vip


Luca Zingaretti e Luisa Ranieri
Lolita Lobosco raccoglierà l’eredità di Montalbano?


turner e il casinaro
Turner e il Casinaro: basta il cane


Masantonio - Sezione Scomparsi - Alessandro Preziosi
Masantonio è fuori dagli schemi

3 Commenti dei lettori »

1. Enzo P. ha scritto:

22 febbraio 2021 alle 16:23

Lolita corre dietro a Montalbano ed inciampa nella macchietta.
Degne di nota Lunetta Savino e Donata Frisini.



2. Lorenzo78 ha scritto:

22 febbraio 2021 alle 16:54

Io sinceramente una gran somiglianza tra Lolita e Imma Tataranni non l’ho vista, a parte il fatto che sono donne in un ambiente maschile come la polizia. Più che tra i due personaggi invece ho visto affinità tra le due fiction, dai colori ai rapporti tra i protagonisti alle dinamiche dei casi, che in questi gialli-rosa benché tratti da opere letterarie si somigliano molto tutti. Una fiction comunque molto molto godibile, e concordo molto sugli apprezzamenti a Lunetta Savino.



3. vicky ha scritto:

22 febbraio 2021 alle 19:26

Scusate ma quante fiction ci sono con commissari, capitani,marescialli ….tutti al maschile e nessuno fa comparazioni.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.