15
febbraio

Foodie Love: su Rai Play meglio mangiare che amare

Foodie Love - Guillermo Pfening e Laia Costa

Foodie Love - Guillermo Pfening e Laia Costa

Ieri era San Valentino e la Rai ha deciso di festeggiare lanciando in esclusiva su Rai Play la serie spagnola Foodie Love. Un viaggio tra cibo e relazioni in otto episodi, sulla carta affascinante e d’atmosfera, ma nei fatti a rischio di andare fuori tema; perchè, a vederne i primi episodi, viene voglia di restare single a vita.

Ella (Laia Costa) e El (Guillermo Pfening) – sì, semplicemente lei e lui - sono due trentenni che si conoscono su un’app dedicata al cibo e cominciano ad uscire insieme tra sospiri, imbarazzi, schizzi di vomito sulle scarpe dopo qualche cocktail di troppo e discorsi cervellotici nei quali non riescono mai a dire fino in fondo tutto quello che pensano. Salvo comunicarcelo attraverso nuvolette varie che fuoriescono dalle loro teste, come ultimamente si usa fare un po’ dappertutto.

La storia – prodotta da HBO Spagna – procede lenta, a tratti inconcludente e non si può non pensare che, se i primi appuntamenti sono così angoscianti anche soltanto visti in tv, figuriamoci come sarebbe viverli di persona. Poi, però, andando avanti scatta quantomeno la curiosità di capire quando e se questi due scopriranno di piacersi, e si apprezza lo sforzo di far passare quell’attesa lenta e snervante in una forma di ritrovato romanticismo, che rispetta il fantasma degli amori passati. La passione – che nasce dal parallelismo con l’amore per il cibo -  alla fine esplode, ma non è detto che il telespettatore abbia avuto la pazienza di arrivare fino a quel punto e scoprirla, insieme al dolore che la protagonista femminile custodisce dentro di sé.

A salvare il racconto sono le tante suggestioni che lo arricchiscono, soprattutto quelle culinarie, con le calde e colorate immagini del cibo, la spiegazione dei sapori dal mondo e i tanti locali che fanno da sfondo agli incontri tra i due. Nonché la regia attenta e i personaggi di contorno che si inseriscono incidentalmente nella relazione in divenire, magari altri clienti del bar che raccontano alle telecamere le loro storie spesso fatte di solitudine, rimpianto e qualche volta di speranza.

Per fortuna non si eccede nella teatralità tipica delle serie iberiche, fatta di faccine strane e troppa enfasi (di cui però si macchia l’argentino Pfening). In conclusione, una storia con un forte potenziale, che avrebbe reso di più (e stancato di meno!) in un film.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Mental - Cosimo Longo, Greta Esposito, Romano Reggiani e Federica Pagliaroli
Mental: Rai Play va ‘oltre la soglia’


Passeggeri Notturni - Paolo De Vita
Passeggeri Notturni: un racconto teso, a metà strada tra piccolo e grande schermo


Indomite
Indomite: un piccolo gioiello d’animazione su RaiPlay


Love, Victor - Michael Cimino e George Sear
Love, Victor: su Star è arrivato un Dawson Leery gay

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.