6
gennaio

Cuochi d’Italia: nella nuova edizione Bruno Barbieri sostituisce Alessandro Borghese

Cuochi d'Italia - Gennaro Esposito, Bruno Barbieri e Cristiano Tomei

Cuochi d'Italia - Gennaro Esposito, Bruno Barbieri e Cristiano Tomei

Bruno Barbieri sulle tracce di Alessandro Borghese. In senso prettamente televisivo, s’intende. Lo storico giudice di MasterChef, dopo aver portato nel mondo degli hotel il programma 4 Ristoranti, con il quale Borghese spopola anche in replica, prende adesso il posto del collega al timone di Cuochi d’Italia, la cui nuova edizione debutterà questa sera alle 19.30 su TV8.

Cuochi d’Italia: arrivano Bruno Barbieri e la cucina etnica

Lo show, che debuttò nel novembre 2017, è prodotto da Banijay Italia e da sempre ha puntato sulle ricette regionali, mostrando in ogni puntata la sfida tra due cuochi, giudicati dagli chef Gennaro Esposito e Cristiano Tomei. Ebbene, dopo undici edizioni, ciascuna composta da venti puntate, la giuria resta la stessa ma la conduzione per una volta cambia – Borghese tornerà nella prossima edizione – così come il focus della gara, che abbandona la tradizione italiana per puntate sulla cucina etnica.

I protagonisti della nuova edizione saranno venti cuochi professionisti internazionali, ognuno di un paese diverso, che hanno trovato in Italia la loro nuova patria e lavorano in ristoranti che propongono i piatti originari della loro cultura gastronomica. Attraverso la preparazione dei piatti tipici delle loro terre, gli sfidanti racconteranno la loro cultura madre.

Cuochi d’Italia: il meccanismo della gara

Nelle prime dieci puntate due cuochi si sfideranno in una doppia manche di andata e ritorno, confrontandosi prima su un piatto tipico del paese dell’uno e poi su quello dell’altro. Nelle successive cinque puntate i vincitori del primo turno si sfideranno in altre due manche: nella prima, un concorrente porterà un ingrediente tipico del proprio paese, al quale i due giudici Gennaro Esposito e Cristiano Tomei aggiungeranno ulteriori ingredienti a sorpresa; nella seconda, sarà l’avversario a proporre, con le stesse modalità, un ingrediente simbolo della propria terra di appartenenza. Soltanto in cinque accederanno al terzo turno, mentre il sesto sarà ripescato. Le semifinali saranno caratterizzate da due scontri diretti, nei quali i concorrenti ancora in gara cucineranno un piatto del proprio Paese, scelto però dai giudici.

Sarà dunque un viaggio alla scoperta dei piatti che ormai stanno entrando nel nostro patrimonio gastronomico, un modo per celebrare ai fornelli l’integrazione… e per ribadire che Bruno Barbieri è ormai un aficionado del piccolo schermo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Esposito, Barbiere e Tomei - Cuochi d'Italia
Cuochi d’Italia: su Tv8 riparte Il Campionato del Mondo tra chef internazionali


Bruno Barbieri
Cuochi d’Italia: il Campionato del Mondo targato Barbieri funziona


Bruno Barbieri 4 Hotel
4 Hotel diabolici


4 Hotel - Bruno Barbieri
4 Hotel: al via la terza edizione registrata prima del lockdown

3 Commenti dei lettori »

1. Giovanna ha scritto:

9 gennaio 2020 alle 22:53

Sono una telespettatrice di Cuochi d’Italia. Bella l’idea di allargare alle altre nazioni.Tuttavia, senza nulla togliere a Barbieri, preferivo la spontaneità e l’arguzia di Borghese. Mi chiedevo come mai il cambio di conduzione.



2. Margherita ha scritto:

28 gennaio 2020 alle 19:41

Come mai i migliori chef del mondo sono uomini e voi fate vincere sempre le donne ?



3. POMPILI GIUSEPPE ha scritto:

28 febbraio 2020 alle 21:30

Mia moglie vede spesso la vostra trasmissione ed io mentre mangio do qualche sbirciata. La finale 2019 tra la Campania e l’Abruzzo lo vista tutta e mi è bastato. Purtroppo ho visto ho visto la solita scelta già fatta a priori. Da un cuoco a 2 stelle una parzialità cosi sfacciata per il suo conterraneo che ha presentato 2 piatti che di Napoli o Campania non aveva nulla di speciale (semplicissimi) che lo trovi in tutta italia Se avevano già deciso di aiutare quello che è tornato in Italia dall’America non dovevano fare una sceneggiata simile. Dare 10 alla parmigiana con il pesce è stato ridicolo. La ragazza aveva fatto piatti più complessi e veramente regionali. VF



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.