13
agosto

Morgan voleva condurre Sanremo 2020: «Io e Chiambretti avevamo presentato un progetto. Con Amadeus è come chiamare un elettricista a riparare un lavandino»

Morgan

Morgan

Morgan riparte dalla radio. Dal 14 settembre condurrà su Radio 2 Cantautoradio, programma dedicato alla storia della canzone d’autore italiana. Una storia, a suo dire, macchiata dalle logiche commerciali che guidano le scelte musicali, anche perché – dice – “oggi tutti si intendono di musica, ma la competenza è un’altra cosa”. E qui l’affondo nei confronti di Amadeus, conduttore e direttore artistico del prossimo Festival di Sanremo:

Avremo un esperto di quiz a Sanremo. Amadeus è un grande professionista, ma è come chiamare un elettricista a riparare un lavandino, spero almeno che faccia dei quiz su Sanremo”

ha dichiarato al Corriere della Sera. Il pirata boccia, dunque, la scelta del nuovo padrone di casa del Teatro Ariston, ma non risparmia neppure chi l’ha preceduto nelle ultime due edizioni, ovvero Claudio Baglioni:

“Lui era perfetto, ma non faceva il direttore artistico, faceva Baglioni. Io mi sarei vergognato al suo posto, a cantare i miei brani ogni tre minuti e a trasformare il Festival in un concerto di Baglioni”.

Il Festival della Canzone Italiana, quindi, meriterebbe altro. Un nome a caso? Ovviamente il suo. Morgan – udite, udite – rivela di averci fatto addirittura un pensierino, proponendosi alla Rai in coppia con Piero Chiambretti:

Quest’anno io e Chiambretti avevamo presentato il nostro progetto, ma evidentemente si preferiscono gli indovinelli.

Meglio guardare alla realtà, che per l’ex giudice/coach di X Factor, Amici e The Voice non è la tv – che annualmente rinnega e riabbraccia come nulla fosse – ma la radio, dove la situazione a quanto pare non è certo migliore:

“C’è un andazzo tremendo, un livello bassissimo. Io arrivo per tornare a un discorso serio.

Per Cantautoradio, Morgan ha in mente una sorta di show musicali monografici su otto grandi cantautori italiani (da Battiato a Paoli, da De Gregori a De Andrè), con l’intento di creare un luogo dove si chiacchiera, si suona e si discute, portando al confronto – e anche questa è ‘bella grossa’ – Mina con, ad esempio, Young Signorino:

“Inviterò un ospite che conosce il protagonista, che sia un parente o un amico. Chiamerò un ‘inarrivabile’ come Mina, Moroder o Morricone, e farò anche parlare un giovane di quelli che vanno forte oggi, come Achille Lauro, Willie Peyote, Young Signorino o ex partecipanti dei talent (…) Si creeranno conflitti e attriti, ma va bene così”.

Con l’impegno a Radio 2, Morgan cerca di superare i problemi della vita privata, culminati lo scorso 25 giugno con lo sfratto dalla sua casa di Monza, a causa del mancato pagamento degli alimenti per le due figlie Anna Lou e Lara, avute rispettivamente con Asia Argento e Jessica Mazzoli.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Amadeus e Fiorello (da Instragram)
Festival di Sanremo 2020: Fiorello ci sarà


Amadeus
Amadeus conduttore e direttore artistico di Sanremo 2020


Amadeus
Festival di Sanremo 2020: la strada è ancora lunga


Alessandro Cattelan
Sanremo 2020: Alessandro Cattelan verso il Dopofestival?

2 Commenti dei lettori »

1. alena ha scritto:

14 agosto 2019 alle 21:13

Tanto si sa benissimo che i cantanti a Sanremo li impongono le case discografiche e non li sceglie il direttore artistico, che si chiami Amadeus, Morgan, Baglioni o altri. Quantomeno, con Amadeus come conduttore la Rai è certa di avere buoni ascolti, mentre con Morgan invece sarebbe stato un vero disastro. Informate Morgan che Amadeus non conduce solo quiz ma nella sua carriera, oltre che l’esperienza musicale in radio, ha condotto programmi tv musicali di successo come Festivalbar e il più recente Ora o mai più.



2. ANNA ha scritto:

17 agosto 2019 alle 15:30

Morgan peccato che tu non avresti potuto cantare ogni tre minuti, il tuo repertorio non lo permette. Baglioni tutta un’altra storia. E che storia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.