19
aprile

Disney+, arriva lo streaming d’animazione: costi e dettagli sul catalogo

Disney+

Il mercato della tv in streaming si allarga ed affolla a vista d’occhio. Dopo il lancio di Apple Tv, aggiuntasi nelle scorse settimane ai colossi di Netflix e Amazon Prime Video, ora arriva Disney+, il servizio di tv online della Walt Disney Company. Anche in questo caso la sfida ai già affermati competitor del settore è un obiettivo dichiarato: nel catalogo della nuova piattaforma ci saranno i film animati di Pixar e Disney, i supereroi Marvel, la saga di Star Wars, I Simpson e la library Fox, acquisita in seguito alla recente fusione societaria.

Disney+, quando arriva in Italia

Disney+ è stato presentato nei giorni scorsi ai Walt Disney Studios in California, ma il suo debutto è fissato per il 12 novembre, inizialmente solo negli Stati Uniti. In Europa (quindi anche in Italia) e Asia, il lancio è invece previsto per i primi mesi del 2020. Per l’anno successivo si prevede una diffusione su scala globale. Dove disponibili, inoltre, saranno creati anche dei pacchetti con gli altri servizi streaming del gruppo, ovvero Hulu e lo sportivo Espn+.

Disney+, quanto costa

I costi di Disney+ si preannunciano competitivi: il servizio costerà 6,99 dollari al mese (6,18 euro al cambio attuale), ma sarà possibile effettuare anche un abbonamento annuale da 69,99 dollari (61,91 euro). Netflix, attualmente, è disponibile a tariffe più care, a partire da 9 dollari mensili per il servizio base.

Bob Iger, CEO della Disney, ha manifestato l’intenzione di aggredire il mercato con la nuova offerta, con la quale l’azienda statunitense si aspetta di raggiungere dai 60 ai 90 milioni di abbonati entro il 2024, anno in cui Disney+ dovrebbe arrivare anche al pareggio, per poi iniziare a guadagnare.

Disney+, catalogo: film, serie tv, documentari, cartoni

Nel catalogo di Disney+ ci saranno tutti i film di Star Wars e alcune pellicole Marvel come Black Panther e Capitan Marvel, assieme a tre serie tv dedicate ai supereroi: The Falcon and The Winter Soldier, WandaVision e Marvel’s What If…?. Per gli appassionati di Guerre Stellari, in particolare, è stata confermata la realizzazione della serie The Mandalorian, costata 100 milioni per dieci episodi.

Dal mondo Disney e Pixar, oltre agli storici film d’animazione, verranno lanciate Into che Unknown: Making Frozen 2, serie che racconta la lavorazione del futuro film, due corti relativi a Toy Story 4 (uno incentrato sul personaggio di Bo Peep e l’altro su quello di Forky) e un film tratto dalla serie Disney Channel Phineas and Ferb. Inoltre, la serie animata Monsters at Work.

Sono inoltre previste 250 ore di documentari National Geographic, comprese due nuove serie: The World According to Jeff Goldblum (che vedrà l’attore alle prese con la tecnologia degli oggetti di uso comune) e Magic of the Animal Kingdom, che racconterà come lavorano i veterinari, i biologi e gli esperti del parco a tema Disney Animal Kingdom e dell’acquario SeaBase.

Saranno inoltre disponibili fin dal primo giorno tutte e 30 le stagioni de I Simpsons, con oltre 660 episodi, grazie alla recente acquisizione societaria di Fox,  La nuova piattaforma, che trasmetterà anche la versione live-action di Lilli e il vagabondo, debutterà con almeno 9 produzioni originali.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Bob Iger (Disney), Rupert Murdoch (Fox)
Disney compra la 21th Century Fox: l’accordo da 52,4 miliardi comprende anche Sky e Endemol Shine


High School Musical - La serie
Disney+ dal 12 novembre in Usa. Nel catalogo la serie su High School Musical e il live action di Lilli e il Vagabondo


NCIS
10 Serie Cult che non troverai in Streaming


Francesco Totti
Romolo + Giuly 2: Francesco Totti diventa santo nello spot web della serie tv – Video

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.