29
marzo

Dritto e rovescio, Feltri sbrocca: «Una scopatina non è una tragedia per un ragazzo. Andate tutti a fare in c*lo!» – Video

Vittorio Feltri vs Stefania Andreoli

Andate a fare in c*lo tutti quanti!“. L’epilogo dell’ennesima sfuriata televisiva di Vittorio Feltri non poteva che essere questo. Stentoreo, categorico, inequivocabile. Ieri sera, intervenendo a su Rete4, il giornalista si è scontrato con la psicoterapeuta Stefania Andreoli sul caso della donna che ha avuto un figlio dall’allievo adolescente (e che ora è agli arresti con l’accusa di atti sessuali con minore e violenza sessuale per induzione). Le divergenze d’opinione tra i due interlocutori sono presto degenerate.

Invitato a pronunciarsi, Feltri ha esordito ribadendo una sua già nota teoria:

Confermo che una scopatina non possa essere una tragedia per un ragazzo a quattordici, quindici anni. Tutti noi abbiamo provato a quell’età ad avere qualche esperienza e non ci siamo suicidati…“.

Pur condannando gli insistenti messaggi che la donna inviava all’adolescente, il giornalista ha affermato che quello avvenuto non si può considerare uno stupro ma solo un abuso su minore, perché un ragazzo, seppur quindicenne, per sostenere un amplesso “deve almeno avere un’erezione” ed essere quindi partecipe.

Io vado volentieri dalla professoressa, perché io non ho mai avuto paura della passera, neanche a quattordici o quindici anni

ha anche chiosato il direttore editoriale di Libero, provocato dal conduttore Paolo Del Debbio con una battuta. A quel punto la psicoterapeuta Andreoli è passata al contrattacco, spiegando che in questi casi – secondo la legge – un infraquattordicenne è da considerarsi vittima di violenza sessuale. Poi ha argomentato che anche un maschio può subire una violenza in quanto “il corpo, se stimolato, risponde e questo non necessariamente significa essere consenzienti o attivi“, come accade nei casi di pedofilia.

A scatenare il diverbio vero e proprio tra i due, però, è stata la successiva controreplica del giornalista, che ribadendo le sue convinzioni ha aggiunto:

Se tu metti incinta una signora vuol dire che sei in grado di fare l’amore in modo completo e partecipe (…) La signora non può aver violentato nessuno visto che il ragazzino c’è stato e quando uno ci sta, ci sta…“.

A quel punto, la psicoterapeuta si è infervorata:

Quello che lei sta dicendo è gravissimo. Lo sta dicendo di un minore, dicendo che c’è stato. Lei dice delle sciocchezze. Io ci lavoro con gli adolescenti e lavoro con gente scassata da queste cose qui“.

Implacabile la reazione di Feltri, che ha abbandonato il collegamento:

Ma perché lei interrompe? Lei è una maleducata, una cafona. Io me ne vado subito, perché non ho intenzione di avere a che fare con una cafona che mi interrompe ogni due minuti. Lei dica quello che vuole, io lo rispetto. Ma non mi può compere i cogli*oni ogni volta che apro bocca! Basta, arrivederci. Andate a fare in c*lo tutti quanti!“.



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Del Debbio
Dritto e Rovescio, Del Debbio sbotta: «Sono figlio di un deportato, sul fascismo non mi dovete rompere il caz*o»


Salvini vs Vauro, Dritto e Rovescio
Dritto e Rovescio, Vauro attacca Salvini. Lui sbotta: «Fatti curare da uno bravo!» – Video


Paolo Del Debbio
Paolo Del Debbio a DM: «Non mi candido in Toscana, continuo a fare il mio mestiere»


Dritto e Rovescio
Dritto e rovescio, donna rom vs Daniela Santanchè: secondo round. «Sei brutta, sorridi come una strega. Lascia stare i miei figli, sennò ti faccio…» – Video

2 Commenti dei lettori »

1. Mattia Gasparini ha scritto:

29 marzo 2019 alle 14:18

Brutto programma condotto da uno che il giornalismo non sa nemmeno dove stia di casa e che da voce a personaggi feccia.
Feltri ormai apre bocca solo per dire oscenità.



2. Mattia Gasparini ha scritto:

29 marzo 2019 alle 17:55

Eccome no, veri miti del giornalismo, Premi Pulitzer alla carriera.
Montanelli, Bocca, Biagi, Woodward, Bernstein sono dei dilettanti in confronto a Del Debbio e Feltri.
Non c’è niente di peggio della poca obiettività dei tifosi ad orologeria.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.