21
gennaio

Che tempo che fa, Di Battista battibecca con Fazio: «Non abbia la coda di paglia»

Di Battista, Che tempo che fa

Al di là dei sorrisi, dei toni rispettosi e dei convenevoli, ieri sera a Che tempo che fa si percepiva una certa tensione. Nel programma di Rai1, infatti, Fabio Fazio ha intervistato Alessandro Di Battista, esponente di spicco di quel Movimento Cinque Stelle che in tempi non sospetti lo aveva duramente criticato. Nel faccia a faccia si è parlato soprattutto di politica, ma non sono mancati fulminei scambi di battute tra il conduttore ed il suo ospite. “Fazio, non abbia la coda di paglia” ha commentato ad un tratto Dibba.

Il botta e risposta più pungente tra i due si è consumato quando Fazio ha definito Di Battista uno “studioso”, rifacendosi a quanto l’ex parlamentare aveva dichiarato poco prima. Mostrandosi quasi stupito, l’esponente grillino ha chiosato:

Ci hanno sempre dato degli ignoranti e ora siamo diventati studiosi (…) Lo dicevo perché vedo che un po’ l’aria cambia a volte. Non ce l’ho con lei, però in generale siamo stati vittime di tanti pregiudizi e ce l’abbiamo fatta con le nostre forze“.

Pronta la replica del conduttore, che implicitamente si è riferito alle critiche ricevute negli ultimi tempi dalla politica:

Se vuole avercela con me, l’unica cosa che le posso dire è che non sarebbe originale“.

A quel punto il battibecco si è fatto più serrato ed ha assunto i contorni di un bisticcio tra campioni di simpatia. “Non abbia la coda di paglia, lei sa quello che abbiamo subito” ha incalzato Dibba. E il conduttore, a sua volta, ha restituito il colpo con una perifrasi di maniera:

Io sono responsabile di me stesso e del patto di lealtà nei confronti del pubblico a cui devo stima e sempre onestà intellettuale“.

Poteva Di Battista incassare e soprassedere? Ovviamente no. “Io essendo leale con lei dico quello che penso” ha chiosato. E Fazio: “Altrettanto“. Così, in pochi instanti, il pubblico ha assistito a quello che – al di là dei retroscena e delle ricostruzioni giornalistiche – probabilmente è stato il ritratto più realistico degli attuali rapporti tra il conduttore ed il mondo pentastellato (e viceversa).



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio
Fabio Fazio cede il 50% de L’Officina per rimanere in Rai. I dettagli del nuovo contratto


Fabio Fazio
E’ ripresa la tiritera in pubblica piazza di Fazio sul contratto in scadenza: «Finisco a maggio, poi non so cosa farò» – Video


Che Tempo Che Fa
Che Tempo Che Fa torna con Littizzetto al posto di Fazio


Fabio Fazio
Fabio Fazio si opera, salta «Che Tempo che Fa»

4 Commenti dei lettori »

1. Joseph ha scritto:

21 gennaio 2019 alle 11:51

Che figuraccia che ha fatto Di Fascista, difendere Tony Nelly e Giggino il bibitaro come se fossimo alle scuole elementari.



2. Cugino ha scritto:

21 gennaio 2019 alle 12:08

Qualche anno fa, ma sembra passato un secolo, un Di Maio e un Di Battista molto più ingenui e assai meno scafati di oggi furono intervistati nel giro di breve tempo il primo da Fazio e il secondo da Daria Bignardi alle Interviste Barbariche. Mi fecero entrambi molta tenerezza. Erano forse alla loro prima intervista importante in tv, e si presentarono eleganti, compiti nella forma ma straripanti di malcelato entusiasmo, come due scolaretti al primo giorno di scuola. Non furono ripagati della stessa moneta. Purtroppo erano capitati da due che soffrono della sindrome Gruber, tanto bravi quando hanno davanti qualcuno che li aggrada, tanto odiosi quando l’interlocutore mostra idee diverse dalle loro.

La Bignardi fece una delle interviste più brutte che le abbia mai visto fare, in cui con un sorrisetto di semi scherno stampato in faccia parlò solo del padre fascista di Di Battista, e lui che cercava inutilmente di parlare (anche) di altro, e dall’espressione felice del principio passava ad una sempre più sconsolata, come uno che presentatosi con un mazzo di fiori e l’anello di fidanzamento dall’amata scopre che lei sta per sposare un altro.
Fazio per conto suo trattò un sorridente e disponibilissimo Di Maio con grande freddezza e sufficienza, liquidandolo come un ospite di serie C, neanche all’altezza della sua trasmissione.

Inevitabile che adesso qualche sassolino dalle scarpe se lo vogliano levare. Ma io rimpiango molto quei due di allora, che non riconosco più in quello che sono diventati. Mille volte meglio il Di Battista ingenuo che si faceva umiliare dalla Bignardi, di quello arrogante e polemico di ieri sera, e delle insostenibili dirette facebook degli ultimi mesi. Quanto cambia il potere, ma quanto …



3. Mister Zapping ha scritto:

21 gennaio 2019 alle 14:19

Insopportabili e ego smisurato entrambi!



4. Luna ha scritto:

21 gennaio 2019 alle 22:00

Bravo Dibba !!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.