29
settembre

Ulisse: Alberto Angela riparte su Rai1 con la Cappella Sistina. «Sono un ricercatore, non un conduttore»

Alberto Angela, Ulisse

Non si sente una star del sabato sera, anche se per Rai1 lo è già. Dopo i risultati positivi ottenuti la settimana scorsa con Stanotte a Pompei, Alberto Angela debutterà sulla rete ammiraglia con la nuova serie di Ulisse: Il piacere della scoperta, programma scippato a Rai3 (non senza contraccolpi sul quel fronte) e collocato sul primo canale come fiore all’occhiello della nuova stagione. A partire stasera in prime time, Angela presenterà quattro puntate inedite tra arte, storia e cultura. Il suo viaggio inizierà dalla Cappella Sistina.

Nell’appuntamento, frutto della collaborazione tra Rai, Vatican Media e Officina della Comunicazione, il divulgatore e conduttore accompagnerà i telespettatori nelle vicende avventurose di uno dei più celebri tesori architettonici e artistici del mondo, punto di riferimento per la cristianità. Muovendosi tra Roma, Firenze e Londra, Alberto Angela rievocherà personaggi, storie, idee di un periodo storico che non ha finora avuto eguali: il Rinascimento. E farà rivivere i protagonisti che alla Sistina hanno legato il proprio nome. Artisti come Michelangelo, Raffaello, Botticelli, Perugino e papi come Sisto IV, Giulio II e Leone X.

Come in “Stanotte a…”, anche ad Ulisse il paleontologo sarà affiancato da un attore. Gigi Proietti darà infatti voce ai grandi protagonisti della storia della Sistina e sarà presente anche nelle altre puntate del programma.

Quando Ulisse era su Rai3 eravamo agili, andavamo nel mondo, ora invece curiamo un sito specifico e diamo grande qualità non solo al contenuto ma anche alla forma. È migliorato anche l’approccio tecnico sul campo, ma il regista e i redattori sono rimasti sempre gli stessi

ha spiegato Angela durante la conferenza stampa di presentazione del progetto targato Rai1. Commentando gli ascolti positivi dei suoi programmi, il documentarista ha poi affermato di non attendere i risultati Auditel con particolare apprensione. “Mi ritengo un ricercatore, io non sono un conduttore” ha chiosato.

La puntata di sabato 6 ottobre sarà dedicata ad una delle figure femminili più famose della storia: Cleopatra. Partendo dal Colosseo, simbolo della civiltà romana, attraversando l’antico Egitto e l’antica Roma e facendo tappa al Museo Egizio di Torino, Angela ricostruirà la vita e la storia di una donna la cui esistenza ha segnato il passaggio fondamentale tra la fine della repubblica di Roma e la nascita dell’Impero. Ospiti della puntata saranno i 2Cellos che porteranno la loro musica nell’arena del Colosseo. Luca Ward sarà la voce narrante di tutta la serie.

La terza puntata, in onda il 13 ottobre, approfondirà il rastrellamento degli ebrei nel ghetto di Roma, avvenuto il 16 ottobre 1943. Alberto Angela racconterà le vicende negli stessi luoghi che hanno fatto da scenario ai tragici eventi. Tra le testimonianze raccolte, quella della senatrice Liliana Segre.

Il quarto ed ultimo appuntamento di Ulisse (sabato 20 ottobre) affronterà la storia dell’Impero Austro-Ungarico e di una delle dinastie più potenti di tutti i tempi, quella degli Asburgo. Filo conduttore sarà il personaggio dell’imperatrice Sissi. Angela introdurrà gli spettatori ai fasti della corte imperiale, durati sino all’avvento della Prima Guerra Mondiale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Angela
Rai1 punta su Alberto Angela. E Rai3 ci smena ancora


Alberto Angela
Ulisse: Alberto Angela perde «il piacere della scoperta». La cultura, come l’intrattenimento, si ripete


Alberto Angela
Stanotte a Pompei: su Rai1 Alberto Angela riscopre i tesori sepolti dal Vesuvio


Alberto Angela
Autunno 2018, il sabato sera di Rai 1 ad Alberto Angela e Antonella Clerici

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.