5
giugno

Rai1 punta su Alberto Angela. E Rai3 ci smena ancora

Alberto Angela

Smantellamento in corso: Rai3 perde un altro pezzo. A partire dalla prossima stagione tv, infatti, Alberto Angela aumenterà il proprio spazio su Rai1 a scapito della terza rete. La mossa, che verrà ufficializzata alla presentazione dei palinsesti del servizio pubblico fissata a fine giugno, appare azzardata e lesiva per Rai3, che dopo l’addio di Fabio Fazio viene nuovamente saccheggiata alla vigilia di una nuova annata televisiva.

Sull’onda del successo d’ascolto ottenuto a inizio 2018 da , il programma infrasettimanale di prime time da lui curato per Rai1, Alberto Angela diventerà a tutti gli effetti un volto della rete ammiraglia del servizio pubblico, come riporta Il Messaggero. Molti dettagli, comunque, sono ancora da definire.

Sarebbe in via di definizione anche la collocazione più adatta per il nuovo arrivato: allo studio, una serie di appuntamenti infrasettimanali (come fu, appunto, con le Meraviglie) o addirittura il prime time del sabato. In questo caso, il divulgatore andrebbe allo scontro diretto con Maria De Filippi, prima di cedere la prima serata ad Antonella Clerici con Portobello.

Al netto di questi dettagli, per ora l’unica cosa certa sono le lamentele che – secondo quanto ci risulta – il passaggio di Alberto Angela a Rai1 ha scatenato dalle parti di Rai3. Già, perché ancora una volta il canale diretto da Stefano Coletta verrebbe messo in difficoltà in favore dell’ennesima scommessa temeraria pensata per la rete ammiraglia. Alla faccia del gioco di squadra.

Proprio come avvenne con il passaggio di Fabio Fazio a Rai1, che lasciò Rai3 in braghe di tela a fronte dei modesti risultati ottenuti da Che tempo che fa nella nuova collocazione. Stavolta le rimostranze – che non possiamo che condividere – sarebbero scattate ancora prima dell’ok definitivo ai nuovi palinsesti, che arriverà la settimana prossima.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Angela Ulisse
Ulisse: Alberto Angela riparte su Rai1 con la Cappella Sistina. «Sono un ricercatore, non un conduttore»


Alberto Angela
Ulisse: Alberto Angela perde «il piacere della scoperta». La cultura, come l’intrattenimento, si ripete


Alberto Angela
Stanotte a Pompei: su Rai1 Alberto Angela riscopre i tesori sepolti dal Vesuvio


Alberto Angela
Autunno 2018, il sabato sera di Rai 1 ad Alberto Angela e Antonella Clerici

4 Commenti dei lettori »

1. jacaranda ha scritto:

5 giugno 2018 alle 21:43

Quello che fanno invece è una mossa logica che fa qualsiasi editore, se ci sono dei programmi che vanno molto bene su un canale minore, ad un certo punto devi spostarlo per forza di cose. Il problema è avere ben 3 generaliste a quella numerazione. Nella tv di oggi ci si può permettere al massimo due grandi generaliste. Se ci fosse solo Rai1 e Rai2 le risorse sarebbero massimizzate, al punto di poter avere contro programmazione interna. Invece ora è il massimo della dispersione, esattamente come a Mediaset che di tutti i canali che ha ci si potrebbe fare giusto due palinsesti.



2. Mister Zapping ha scritto:

6 giugno 2018 alle 00:19

La differenza fondamentale tra Alberto Angela e Fabio Fazio è che Angela – esattamente come suo padre – è davvero da rete ammiraglia perchè raggiunge ascolti record, fa servizio pubblico, è amato da un pubblico trasversale e non percepisce cifre hollywoodiane. In pratica l’esatto contrario di Fazio.



3. w.raiuno ha scritto:

6 giugno 2018 alle 07:49

Ottima mossa, la qualità contro il trash, rischioso al sabato sera ma potrebbe rilevarsi un esperimento diverso dal solito



4. w.raiuno ha scritto:

6 giugno 2018 alle 07:49

Ottima mossa, la qualità contro il trash, rischioso al sabato sera , ma potrebbe rilevarsi un esperimento diverso dal solito …..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.