6
luglio

Classifica album e singoli più venduti nel primo semestre del 2018: Sfera Ebbasta batte Laura Pausini, tallonata da Irama. Non brillano i sanremesi, flop di Mina

Sfera Ebbasta

Sfera Ebbasta

La trap domina, il talent si difende, Sanremo non brilla. Fimi ha reso note le classifiche di vendita degli album e dei singoli relativamente al primo semestre del 2018 (per la precisione dal 29 dicembre 2017 al 28 giugno 2018).

Classifica Album

Al primo posto tra gli album svetta Sfera Ebbasta con Rockstar, forte di un triplo disco di platino. Staccata, al secondo posto, Laura Pausini: la giudice di X Factor Spagna ha un solo platino all’attivo per Fatti Sentire. Un disco di platino anche per Irama che riesce ad agguantare la medaglia di bronzo (subito prima di Benji & Fede) malgrado l’uscita di Plume sia avvenuta soltanto nelle ultime settimane. I suoi ex compagni di banco, Biondo, Einar e Carmen, si posizionano rispettivamente al 29esimo, 59esimo, e 67esimo posto.

Appena fuori dalla top 10, troviamo il primo sanremese in classifica: il vincitore Ermal Meta si aggiudica l’11esima posizione con Non Abbiamo Armi. Il suo partner sul palco dell’Ariston, Fabrizio Moro, è 22esimo con l’album Parole Rumori e Anni. La terza classificata a Sanremo 2018, Annalisa, deve accontentarsi del 30esimo posto mentre Lo Stato Sociale, giunto secondo in Riviera, è appena 45esimo con l’album Primati. Baglioni è, invece, 39esimo con 50-Al Centro. Bene Ultimo, il vincitore di Sanremo Giovani è 16esimo con l’album Peter Pan mentre il precedente Pianeti è 69esimo, subito prima del tanto acclamato Cosmo, fermo al 70esimo posto.

In diretta tv ad Amici, aveva ammesso le difficoltà del suo ultimo album, ciononostante Emma agguanta la 13esima posizione della classifica. I Maneskin sono 15esimi con l’album Chosen, uscito a dicembre. Fatica Francesca Michielin, inchiodata alla posizione numero 33. Riki è 20esimo con Live & Summer Mania, recentissimo lavoro discografico. Sul fronte Amici 16, Thomas è 62esimo con l’omonimo album uscito nel 2017, Federica Carta è al 92esimo posto. Nessuna traccia di Lorenzo Fragola, uscito a fine aprile con Bengala (non è arrivato neanche all’oro). Flop anche di Mina che si ferma al 24esimo posto con Maeba (quarto nei vinili), certificato oro, e si fa battere da Tutte le Migliori; il suo album precedente realizzato con Adriano Celentano è 19esimo (con 7 dischi di platino all’attivo). Cristina D’Avena resiste al 56esimo posto con Duets.

Unico artista straniero in Top 10 è Ed Sheeran, dominatore delle hit nel 2017, che è quinto, prima di Gemitaiz, Capo Plaza, Tedua, Noyz Narcos e Jovanotti.

Classifica Singoli

Ed Sheeran domina anche nei singoli con Perfect, seguito da Cupido di Sfera Ebbasta e Cara Italia di Ghali. Il primo singolo sanremese in classifica è Una Vita in Vacanza de Lo Stato Sociale. Non Mi Avete Fatto Niente di Meta e Moro è 24esimo, Il Mondo Prima di Te di Annalisa è 32esimo. 27esimo Il Ballo delle Incertezze di Ultimo.

Da segnalare il sedicesimo posto di Pem Pem di Elettra Lamborghini che fa di lei l’interprete donna italiana che ha venduto di più con un singolo negli ultimi 6 mesi.

Sanremo 2018 è la compilation più venduta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Irama
Gli «Amici» in vetta alle vendite


Stato Sociale
Classifica FIMI post Sanremo 2018: Ermal Meta è primo negli album ma il singolo più venduto è ‘Una Vita in Vacanza’


Claudio Baglioni con Sabrina Impacciatore © US Rai
Caro Claudio, niente sarà più come prima


Virginia Raffaele
Sanremo 2018, la rivincita delle donne

4 Commenti dei lettori »

1. Giovanni ha scritto:

6 luglio 2018 alle 14:14

Che malinconia!



2. Travis ha scritto:

6 luglio 2018 alle 14:26

Ci dobbiamo arrendere ai tempi che corrono. Come lo hanno fatto i nostri padri prima di noi. Ma la cosa allarmante è che la musica straniera di nessun tipo non riesce ad avere più il successo che aveva dieci/venti anni fa da noi. Questo si che è grave per me. Come è anche grave che la canzone più venduta non si conosca proprio, io non la saprei riconoscere se la ascoltassi.



3. Gianni ha scritto:

7 luglio 2018 alle 15:19

Io ho sentito in tv che esiste questo genere Trap. Credo sia semplicemente un rap che tratta eslusivamente il tema della droga come svago o del disagio sociale e tutto quel filone di disgrazie lì.
Vedo oggi per la prima volta nell’immagine questo “Sfera ebbasta”. Capisco ora che è lo stesso stile d’abbigliamento e “decorazione” di quei due tizi assurdi che parteciparono a Pechino express e che nessuno conosceva.
Ho visto giorni fa il tipo chiamato “Young signorino” che si veste e tatua esattamente allo stesso modo.

Quando si conoscono degli artisti più per l’aspetto che per quello che producono è sempre brutto segno. Mi basta vederli tutti per sapere che non ho il minimo interesse. Ancora non ho sentito neanche una loro canzone.

Ho la sensazione che sia un fenomeno che durerà pochissimo…di sicuro durerà meno dei loro tatuaggi in faccia con i quali a fatica troveranno posto come cassieri al supermercato.

Queste classifiche delle vendite hanno un’idea dell’età di chi acquista musica? Non sarei sorpreso se questi tizi vendono solo tra i 13enni. Ragazzini convinti di essere alternativi ascoltando gente strana. Tanto per poter dire che odiano i cantanti di Amici e tutta quella robetta melensa stile Marrone o Amoruso. Basta che i genitori non ascoltino mai nessuna di queste canzoni sulla gioia dell’assumere droga! Altrimenti il fenomeno viene azzerato in pochi giorni dalle assoziazioni dei genitori!



4. Nimo ha scritto:

9 luglio 2018 alle 11:58

Quanta spazzatura! La musica pop italiana è ridotta malissimo.
Comunque, ormai le vendite dei dischi sono così basse che non rappresentano assolutamente la musica che si ascolta davvero.
E questa roba la ascoltano solo gli adolescenti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.