28
luglio

Gabriele Corsi a DM: «Take Me Out è divertente nonostante il conduttore. Torno a Carta Bianca? Lo spero vivamente»

Gabriele Corsi

Il ‘Cupido’ del piccolo schermo non va in ferie (o quasi). Reduce da un’annata televisiva che egli stesso definisce “straordinaria“, Gabriele Corsi sta lavorando senza sosta sul set di Take Me Out. Dal 28 agosto prossimo, infatti, il conduttore romano tornerà alle 20.10 su Real Time (canale 31 dtt) con una nuova stagione – la quarta – del dating show. Intanto, visto il buon riscontro del format, proprio in questi giorni sono già in corso le registrazioni di un’ulteriore quinta edizione in arrivo sugli schermi nell’inverno prossimo. Abbiamo incontrato Gabriele nel rinnovato studio della sua trasmissione per farci raccontare quali novità vedremo in onda (occhio all’indizio sugli ospiti vip) e per capire su quali altri fronti televisivi lo vedremo presto impegnato.

Gabriele, torni con la quarta stagione di Take Me Out: partiamo subito dalle novità.

Le novità sono tante. Innanzitutto avremo uno studio completamente rinnovato, con tantissimi ospiti e tantissime sorprese. Non avremo una puntata uguale all’altra, sia perché i single che scenderanno saranno caratterizzati dal fatto di essere più di uno – magari fratelli o amici – sia perché torneranno anche alcune delle ragazze più amate nelle precedenti edizioni. E poi un’ulteriore novità è che avremo una puntata a settimana, quella del venerdì, che sarà una vera e propria festa. Ci saranno delle feste a tema, ad esempio anni ‘80 o anni ‘50, con ragazze, single e conduttore vestiti e pettinati tutti come richiede il dress code della festa. Sono cose divertentissime, la collocazione e il meccanismo rimangono uguali ma ogni giorno ci sarà una variante che vi farà dire “oibò!”. Questo è il nostro tentativo per quest’anno.

Ci saranno anche ospiti vip?

Sì. Ce n’è uno particolare che ho veramente nel cuore… E’ un collega, attore, cantante famosissimo e amatissimo, un mio personale amico e una persona cui voglio tantissimo bene e anzi, ti anticipo che si vocifera della possibilità di condurre un programma insieme. Più di questo non dico. Voi avete tutte le indiscrezioni, sapete le cose prima di me! Io lo leggo sui siti quando scopro di essere stato chiamato per un programma oppure per un altro.

La collocazione rimane sempre la stessa, ma quest’anno avrai nuovi competitor…

Sì. Devo dire che siamo stati un po’ i pionieri, Real Time ha fatto questa scommessa dell’access quando tutti dicevano: “siete matti ad andare contro Striscia e i pacchi”. E noi piano piano ci siamo rosicchiati la nostra fascia di pubblico e il nostro spazio. Ovviamente si può fare, rimanendo in campo Discovery c’è l’ottimo Boom! con Max Giusti, ci sono tanti programmi in quella fascia. Mi sembra che si esaudiscano le necessità di tante fasce di pubblico. Io sono favorevole alla concorrenza quando è leale, penso che sia un modo per arricchirti e migliorarti perché ti sprona a fare meglio e di più.

Col passare delle edizioni è possibile che qualche ragazza si presenti a Take Me Out più per stare davanti alla telecamera che per ‘cuccare’?

Questo non posso escluderlo. Io penso che siano incuriosite dalla telecamera, però l’esperienza precedente dimostra che chi viene a Take Me Out non è che poi faccia una carriera nel mondo dello spettacolo. Non è un trampolino di lancio, anche perché sei qui per giocare, per trovare una persona che pensi possa essere la tua anima gemella. Poi ci esci, vai a cena, non succede niente di scandaloso: se ti piaci poi ti frequenti, come è successo a tante altre coppie. Penso che adesso, paradossalmente, sia più difficile che accada quel che dici, perché ormai il meccanismo lo sanno e sanno che qui devi essere autoironico, non prenderti sul serio. E’ proprio come una pizza tra amiche, anche se magari qualcuno dirà che non è così. Abbiamo avuto qualcosa come 39mila richieste per fare Take Me Out, quindi non significa che 39mila persone che vogliono fare questo lavoro. Qui addirittura il pubblico si prenota per venire, perché evidentemente è divertente. Nonostante il conduttore.

Ma no, in realtà diciamo che gran parte del programma la fa proprio il conduttore…

No, gran parte la fanno le ragazze, gli autori, i single, la produzione. Io sono veramente un umile servitore nella vigna dell’amore.

Dai, non fare il parac*lo!

Ma non lo faccio, è vero quel che dico. Ho fatto una citazione altissima, tra l’altro (ridiamo, ndDM).

Si vociferava di una tua conduzione di Pointless – Zero e lode su Rai1. Come è finita?

Come è finita? Ditemelo voi!

E’ finita che è stata registrata una puntata zero e che però è stato scelto un altro conduttore. C’è in pentola qualcos’altro?

Non lo so, sinceramente al momento stiamo discutendo, trattando e capendo che cosa voglio fare da grande. A me va bene così, è stata un’annata televisiva straordinaria tra Take Me Out, Piccoli Giganti e Carta Bianca. Io non pensavo di poter passare con così tanta disinvoltura dalla satira politica a un programma per bambini, ad uno come Take Me Out. Mi sono divertito, se devo essere sincero rifirmerei per un’annata così. Spero che avvenga anche il prossimo anno, magari con delle novità…

Invece non ci sono speranze per Ninja Warrior?

Da quello che so no, perché la scenografia di quel format è unica in tutto il mondo e bisogna prenotarla con anni di anticipo. Mi sembra che fino al 2018 sicuramente non se ne parla, ma chiederei alla produzione.

Quindi non era solo un problema di costi?

No, il problema è proprio che quella struttura non puoi replicarla. Addirittura i giudici e i collaudatori sono i loro, che girano in tutto il mondo. Dopo l’Italia sono andati in Canada, a Tokyo. Trasportare e montare quelle strutture è complicato, è come costruire una città.

Ti rivedremo anche a Carta Bianca, giusto?

Lo spero vivamente. Incrociamo le dita.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gabriele Corsi
GABRIELE CORSI A DM: “NON VOLEVO FARE TAKE ME OUT E AVEVO DUBBI SU CARTA BIANCA. PER NATALE SARÒ COL TRIO MEDUSA SU DMAX”


TAKE ME OUT Gabriele Corsi
TAKE ME OUT: SU REAL TIME UN DATING QUOTIDIANO CON GABRIELE CORSI DEL TRIO MEDUSA


Gabriele Corsi
TAKE ME OUT: GABRIELE CORSI DEL TRIO MEDUSA CONDUCE IL NUOVO DATING DI REAL TIME


piccoli giganti
Piccoli Giganti: il format si fa più agile, ma perde di leggerezza e imprevedibilità

1 Commento dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

28 luglio 2017 alle 20:37

Mi sono sempre chiesta come un emerito sconosciuto senza un particolare talento fosse arrivato a condurre ben tre programmi diversi in un solo anno. Certo, vedendolo accanto a Bianca Berlinguer qualche sospetto mi era venuto, così sono andata ad approfondire ed ho scoperto che il signore in questione ha un blog sul Fatto Quotidiano. Beh… così i miei sospetti cominciavono a rafforzarsi. Poi ho trovato che è sposato con una giornalista de La Repubblica e che con il suo gruppo lavora da tempo per la Radio DeeJay dell’ing. De Maledetti. A quel punto ho capito tutto: trattasi di miracolato che, a differenza dell’affine collega Pif, non è dovuto passare in Leopolda per avere tanta grazia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.