13
ottobre

SCORPION: SU RAI 4 LA SECONDA STAGIONE, TRA NUOVE MISSIONI E RISVOLTI SENTIMENTALI

Scorpion

Mentre Oltreoceano ha da poco debuttato con il suo terzo capitolo, Scorpion si prepara a tornare sui teleschermi italiani con la seconda stagione, al via proprio questa sera. A trasmettere le nuove puntate in prima visione assoluta sarà Rai 4, che nelle scorse settimane ne ha riproposto il primo ciclo di episodi, raccogliendo così il testimone da Rai 2, rete di lancio della serie ormai più di un anno fa.

Le vicende inedite svilupperanno il proprio racconto su ben 24 episodi (due in più rispetto al capitolo di debutto), riprendendo la narrazione dai mesi successivi agli eventi accaduti nel finale della prima stagione. Ad attenderci fin da subito saranno quindi nuove missioni, come quella che vedrà impegnato Gallo (Robert Patrick) dopo essere stato riassegnato alla Scorpion, affiancate da un focus sulle condizioni di Walter (Elyes Gabel). L’uomo non solo sarà infatti chiamato ad affrontare una sindrome da stress e una lunga pausa in seguito all’incidente che lo ha visto coinvolto, ma dovrà al contempo fare i conti con la propria situazione sentimentale con Page (Katharine McPhee).

Oltre all’introduzione di qualche volto mai visto prima, come il nuovo direttore della Homeland Security, Adriana Molina (Alana de la Garza), Scorpion 2 si ripromette di approfondire con più attenzione il rapporto tra i due protagonisti e anche di sondare ulteriormente l’aspetto umano di ogni singolo personaggio, intrecciando altri grovigli sentimentali.

Visti i risultati soddisfacenti in termini di pubblico e il conseguente rinnovo per un ulteriore ciclo di puntate, si può comprendere come la formula di Scorpion sia riuscita a trovare una propria identità, nonostante ricalchi in maniera piuttosto classica lo schema ormai rodato del procedural. Merito, senza dubbio, dell’esperienza di Nick Santora (già scrittore e produttore di serie come The Guardian, Law & Order – I due volti della giustizia, Prison Break e Lie to Me), cui si aggiunge la singolarità di un personaggio realmente esistente come Walter O’Brien. Il genio irlandese dell’informatica, dall’altissimo quoziente intellettivo e fondatore della compagnia Scorpion Computer Services (oltre che co-produttore della serie stessa), rappresenta appieno l’orgoglio nerd, connotandosi tuttavia di sfumature più avventurose. Insieme al suo team di menti strabilianti, presta infatti servizio alla Homeland Security, con lo scopo di far fronte a minacce, anche di natura terroristica, che potrebbero costituire un pericolo per il paese.

O’Brien (interpretato dall’attore britannico Elyes Gabel, già visto ne Il Trono di Spade) e il resto della sua squadra, composta dal comportamentista Toby Curtis (Eddie Kayne Thomas), dal matematico Sylvester Dodd (Ari Stidham), dall’ingegnere Happy Quinn (Jadyn Wong) e da Paige Dineen (Katharine McPhee), ci aspettano quindi questa sera su Rai 4, a partire dalle 21.10, con un triplo appuntamento.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


rome_xxx2
ROME: UN TEMPO IL MONDO SI CHIAMAVA ROMA. DA STASERA LA SECONDA STAGIONE DELLA SERIE SCANDALO SU RAI4


SCORPION: SU RAI 4 LA SECONDA STAGIONE, TRA NUOVE MISSIONI E RISVOLTI SENTIMENTALI
BROTHERS AND SISTERS: DA STASERA SU RAI4 LA SECONDA STAGIONE DELL’EMOZIONANTE RACCONTO DI UNA FAMIGLIA AMERICANA


The girlfriend experience
The Girlfriend Experience: due storie parallele nella seconda stagione disponibile su Infinity


The Exorcist 2
The Exorcist 2: nella seconda stagione il Male si nasconde in una casa di accoglienza di Seattle

1 Commento dei lettori »

1. Anastasia ha scritto:

14 ottobre 2016 alle 09:55

RISVOLTI?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.