5
maggio

RAI 2: ILARIA DALLATANA HA LE IDEE CHIARE SULLA PROSSIMA STAGIONE. MA SU THE VOICE…

Ilaria Dallatana

Ilaria Dallatana, da circa tre mesi direttrice di Rai 2, sta lavorando al suo primo palinsesto, stabilendo i capisaldi di quello che il pubblico vedrà sul secondo canale nella prossima stagione televisiva. Il suo lavoro vuole essere in perfetta continuità con quello di Angelo Teodoli, suo predecessore, e lei stessa ha ammesso di essere al suo posto non “per distruggere ma per arricchire“; è ancora presto per l’approvazione dei palinsesti definitivi ma, stando a quanto dichiarato a Panorama in occasione della conferenza stampa di The Voice, Rai 2 ripartirà proprio da quei successi che negli ultimi anni l’hanno caratterizzata.

Rai 2: i programmi confermati e quelli cancellati

Confermati dunque per la stagione 2016/2017 Pechino Express, Made in Sud, Boss in Incognito, I Fatti Vostri e Quelli che il calcio, alla cui conduzione tornerà ancora una volta Nicola Savino, insieme ad una squadra su cui si sta lavorando. In apertura di stagione tornerà anche Amadeus con il suo Stasera Tutto è possibile, che nella seconda edizione sarà composto da ben otto puntate. Non dovrebbe esserci Il più Grande pasticcere che, se dovesse tornare in onda, non lo farebbe comunque in autunno, mentre può dirsi definitivamente bocciata l’esperienza di Monte Bianco: il reality ambientato in alta montagna e condotto da Caterina Balivo non tornerà, sebbene sia “stato un lodevole (forse solo secondo il direttore, ndDM) tentativo di sperimentazione“.

Rai 2: The Voice ci sarà ancora?

Diverso invece il discorso per The Voice: la Dallatana, seppur soddisfatta dell’edizione in corso sia in quanto ad ascolti che per l’alchimia tra i coach, non ha né confermato né smentito la presenza del talent nel prossimo palinsesto, limitandosi a chiarire, però, che “il talent musicale è uno dei generi caratterizzanti Rai 2 sia del presente sia del futuro”. E per il futuro si sta “pensando poi ad una sorpresa per portare la musica in palinsesto anche il prossimo autunno, sempre in prima serata”.

Rai 2: le novità

L’obiettivo della seconda rete dell’azienda pubblica, definita “eclettica“, è quello di pescare “il pubblico lì dove c’è“, andando incontro alla richieste ed ai giusti dei telespettatori, ma non rinunciando a sperimentare. Rai 2, che “per tre settimane diventerà la casa delle Olimpiadi”, nella prossima stagione proporrà almeno due novità.

Saranno due programmi con declinazioni completamente diverse. Uno è incentrato sul bullismo, quattro puntate in seconda serata molto efficaci e lineari visto che affrontare quel tema non è facile. Il secondo progetto è completamente inedito come linguaggio e avrà un tono più divertente e ironico”.



Articoli che potrebbero interessarti


Ilaria Dallatana
PALINSESTI RAI 2: NEL 2017 NUOVA CONDUZIONE ‘FAMOSA’ PER MADE IN SUD, ARRIVANO NOVITA’ MUSICALI E ON THE ROAD


Ilaria Dallatana
ILARIA DALLATANA: RAI2 RIFUGGE IL CONFORMISMO. VIRUS? ERA FATTO BENE, MA CON ASCOLTI BASSI. ECCO LE NOVITA’


dallatana-rai2
Ilaria Dallatana: «A me piace il trash e siamo riusciti a portarne un po’ su Rai2»


Virginia Raffaele
Palinsesti Rai 2, primavera 2017: spiccano il ritorno di Furore e lo show di Virginia Raffaele

11 Commenti dei lettori »

1. Fabrizio ha scritto:

5 maggio 2016 alle 12:21

The Voice va bene solo nelle Blind.
Poi con le Battle, i Ko e i Live cala di brutto.
Io farei tutte blind, una puntata di Battle, una di Ko e la Finale live.
Ma ho paura che questa possa essere l’ultima stagione.
E non solo per l’ascolto di ieri sera ma anche per quanto sopra….



2. Anna ha scritto:

5 maggio 2016 alle 13:03

Nemmeno l’ombra di serie tv? Un tempo seguivo la rete solo per le serie tv (non quelle trasmesse in questi ultimi anni) come Streghe, one tree hill, roswell e tante altre. Oggi è diventato un canale troppo serioso e noioso. Salvo solo Pechino Express



3. kalinda ha scritto:

5 maggio 2016 alle 13:06

E Detto Fatto?



4. mary ha scritto:

5 maggio 2016 alle 13:20

è da anni che Cecchetto vuole proporre un suo talent(credo si chiami star cube) a me incuriosirebbe vedere quello,ecco the voice è carino ma qui abbiamo capito non gode di buona stampa/reputazione forse è davvero il momento di chiuderlo. Oppure io farei tornare xfactor ma credo a sky non se lo faranno sfuggire facilmente temo,ma poi quando dice portare la musica in prima serata già in autunno,spero in qualcosa di musicale con ospiti non che sia obbligatoriamente un talent magari un contenitore tipo roxybar ma senza red ronnie che non se ne può può più con le sue invettive contro i talent ormai il suo è un accanimento assurdo,mi auguro riportino la cabello anche lei se ne intende di musica o ancora federico russo mi piace



5. Dalila ha scritto:

5 maggio 2016 alle 14:02

Dalla Tana riconferma quasi tutto grazie al lavoro del suo predecessore.A quanto vedo,non ci sono particolari novità proprio perché Teodoli ha fatto un ottimo palinsesto con idee innovative e rivolte ai giovani.Sarebbe stato insulso non confermare Pechino o Boss che ha retto la concorrenza della serie di film proposta da Mediaset in quel periodo.Senza contare che si tratta di una cadetta,per lei strada spianata.Vedremo cosa intende per programma musicale ma mi sembra che the voice vada rivisto,non cancellato di peso..



6. Samuele ha scritto:

5 maggio 2016 alle 17:24

La conferma di Boss in incognito comporta anche la conferma di Insinna?



7. kalinda ha scritto:

5 maggio 2016 alle 18:26

The voice è un format non lo possono cambiare.



8. kalinda ha scritto:

5 maggio 2016 alle 18:26

The voice è un format non lo possono cambiare.



9. Silvano ha scritto:

6 maggio 2016 alle 14:46

A quelli che il calcio oltre a Savino ci deve essere la Gialappa’s sono ritornato a seguirlo parzialmente solo per loro!!!



10. Pasquale ha scritto:

11 maggio 2016 alle 16:04

Non capisco come faccia questo nuovo Direttore di RAI2, presa esterna per non lasciarsi influenzare da nessuno e poter rinnovare la RAI, a voler continuare il lavoro di Teodoli?? Forse per questo durante la conferenza stampa della presentazione dei nuovi direttori di rete Teodoli abbracciava in vita la Dallara e lei lo abbracciava con il braccio sulle spalle (davvero poco professionale!).
Ad esempio mandare ancora in onda MADE IN SUD (60 comici per 3 minuti ciascuno sul palco e quasi tutti di Napoli, mentre Rai2 va in onda in tutta Italia, facendo sempre le stesse cose volgari da anni senza far ridere, e sempre le stesse persone come la moglie di Briatore…) che quest’anno ha fatto ascolti bassi intorno a l’8% e/o 9%, oppure anche Virus intorno al 4% oppure Boss in incognito dove quest’anno si è visto benissimo che quasi tutti i dipendenti avevano riconosciuto il loro datore di lavoro….
Invece, The voice of Italy è seguitissima nelle blind ed ha fatto ascolti alti ma, visto che non c’è modo di vedere come i coach preparino i loro cantanti perché non ci sono le puntate giornaliere che aiutano i telespettatori a conoscere meglio i cantanti, nelle battle sono poco seguite, senza parlare che sono sempre e solo i coach che decidono e non è il pubblico da casa.
Quindi, sarebbe logico fare delle piccole modifiche a The Voice of Italy che fa ascolti, mentre bisognerebbe eliminare MADE IN SUD, VIRUS e BOSS IN INCOGNITO che ormai tutti riconoscono e soprattutto i dipendenti del boss.
La RAI ha assunto 22 dirigenti esterni per fare sempre le stesse cose??!
Pretendiamo di vedere dei programmi di qualità e non ripetitivi, come abbiamo dovuto subire negli anni precedenti, dando spazio a professionisti dello spettacolo per fare ascolti intorno al 15%, come dovrebbe essere per una rete ammiraglia della RAI pagata da tutti gli Italiani con il canone.



11. Gio ha scritto:

21 maggio 2016 alle 17:35

Per me è un errore madornale eliminare The Voice. Il gruppo Discovery lo comprerebbe due secondi dopo. Giusto pensare ad un daily e ad una collocazione settimanale meno piena, rendere più snello il cast, concentrarsi sulla qualità dei concorrenti e a rendere meno rigido il programma.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.