10
dicembre

UNA FAMIGLIA: SU CANALE5 LA MINISERIE TEDESCA TRA REALTA’ E FINZIONE

Una Famiglia - il cast

Una storia lunga quattro generazioni, dalla Germania imperiale fino a quella stordita dopo la caduta del Muro di Berlino, tra le mura dell’Hotel Adlon, un celebre albergo costruito sotto la Porta di Brandeburgo. E’ da qui che nasce e si sviluppa Una Famiglia, la miniserie tedesca in onda stasera alle 21.10 e venerdì 13 dicembre su Canale5.

Una Famiglia: da stasera su Canale 5

Al centro della storia la famiglia Adlon, proprietaria dell’albergo al centro delle vicende che, dal progetto del kaiser Guglielmo II nel 1907, passando per la semi-distruzione nel 1945 fino alla riapertura in grande stile nel 1997, attraverserà i secoli svelando ai telespettatori gli intrighi e gli intrecci che l’hanno vista protagonista.

Lungo un secolo di scandali e solidarietà, guerre e divisioni, riappacificazioni e amori, minacce e compromessi che si unirono indissolubilmente con gli umori di una nazione in fermento, le finestre dell’Hotel Adlon sono state le testimoni più significative dell’appassionante storia di una famiglia forte e unita, che neanche due Guerre mondiali hanno saputo scalfire. L’ascesa, la caduta e poi il ritorno alla vita di una struttura-simbolo tedesca e dei protagonisti che l’hanno resa tale, ancor oggi albergo a 5 stelle tra i più celebrati di tutta Europa, il tutto in un arco temporale che va dai primi del Novecento alla fine degli anni Novanta. Realtà e finzione, saga familiare e eventi storici si intrecciano in un ritmo crescente che può ricordarci l’Orgoglio di casa nostra, con grande attenzione alle storie d’amore e ai segreti delle celebrità che hanno alloggiato nel lussuoso Hotel.

In Germania la miniserie, trasmessa da ZDF, ha sfiorato il 26% di share, battendo il dating show campione d’ascolti in onda su RTL “Bachelor”. Evelyn Roll, giornalista del “Suddeutsche Zeitung” e biografa ufficiale di Angela Merkel, ha scritto della miniserie: “Poesia e verità… Un grande racconto”. Si sa che le fiction in costume sono sempre riuscite ad attirare quel fascino e quel garbo davvero difficile da rintracciare nelle comedy contemporanee, anche se la domanda resta una. Una famiglia troverà il successo anche in Italia?

Una famiglia: l’hotel Adlon

L’Hotel Adlon, che ha ospitato tra gli altri Rockefeller, Chaplin, Einstein, Roosvelt, Hoover, è situato ancora oggi nella via Unter Den Linden, di fronte alle ambasciate americana e francese, e fa parte della catena Kempinski. Una camera doppia all’Adlon può costare fino a 20.000 euro a notte. Tra le figure storiche che la miniserie ha scelto di portare in scena compaiono il regista Billy Wilder e Josephine Baker. E’ da una finestra dell’Hotel Adlon che nel 2002 Michael Jackson ha esposto il figlio Blanket col rischio di farlo cadere, scatenando le critiche di stampa e opinione pubblica. Nella miniserie sono stati coinvolti 103 attori e oltre 2.000 comparse. Il regista Uli Edel ha diretto, tra gli altri, il film culto “Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino”, “Body of Evidence” con Madonna e Willem Dafoe, e “La banda Baader Meinhof”, candidato all’Oscar nel 2009 come Miglior Film Straniero.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Doctor Foster
Doctor Foster: su Rai 1 la miniserie di BBC One che ha spopolato in Inghilterra


La ragazza con lo smeraldo indiano 2
LA RAGAZZA CON LO SMERALDO INDIANO: IL PRIMO WEEKEND ESTIVO DI RA1 OSPITA UNA MINISERIE TEDESCA STILE BOLLYWOOD (FOTO)


Boris Giuliano - Un poliziotto a Palermo 10
BORIS GIULIANO – UN POLIZIOTTO A PALERMO: ADRIANO GIANNINI SU RAI1 PER RACCONTARE UN EROE


Disperatamente Romantici
DISPERATAMENTE ROMANTICI: SU LAEFFE UNA BRILLANTE MINISERIE SUI PRERAFFAELLITI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.