7
aprile

LA TV DELLA POLITICA

Barbara D'Urso

Barbara D'Urso

Un tempo erano le grandi showgirl, poi i concorrenti dei primi reality show, adesso i politici. Ebbene sì, i protagonisti della televisione italiana sono ormai loro, presenti in tutti i momenti, in tutti i luoghi, in tutti modi (mancano davvero solo i laghi come canterebbe qualcuno).

Il pomeriggio domenicale è ormai una vera e propria tribuna politica: c’è quella più casereccia di Barbara D’Urso con personaggi molto più egocentrici come la Mussolini, e quella più seriosa di Giletti. La netta contrapposizione poi viene sottolineata dagli argomenti trattati. Mentre da una parte protagoniste sono le discussioni sui comportamenti di Grillo o di Renzi (non a caso i due personaggi più “nazionalpopolari”), dall’altra ci si interroga su ventuali manovre economiche e patti di stabilità. Non mancano ovviamente da entrambe le parti momentanee capatine sugli argomenti prediletti dall’avversario.

La questione ovviamente è facilmente estendibile alla programmazione settimanale delle nostre reti generaliste: in tutti i programmi televisivi ormai è immancabile la presenza di un politicante, o presunto tale, che dice la sua sulla situazione dell’Italia. Se a tutto questo si aggiunge l’immancabile e giustissima satira fatta dai più illustri comici del nostro paese, dalla Littizzetto a Crozza, passando per le divertenti e pungenti imitazioni della Raffaele, il quadro è compleato a 360 gradi.

La politica insomma la fa da regina in tv e, se per certi versi questo può essere un fattore positivo che permette a tutto il pubblico televisivo di poter venire a contatto con i temi più caldi della nostra società, per altri quel sano e puro intrattenimento, quel senso di leggerezza che molti di noi cercano dalla televisione dopo una giornata stressante sembra mancare sempre più spesso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Festival di Sanremo, Arisa, Conti, Marrone
FESTIVAL DI SANREMO 2015: FINALMENTE UNA KERMESSE SENZA POLITICA?


Augusto Minzolini, candidati
ELEZIONI 2013: CICCIOLINA, MINZOLINI E RUOTOLO GUIDANO LA CARICA DEI ‘CANDIDATI FAMOSI’


LA TV DELLA POLITICA
BERLUSCONI: TORNO IN CAMPO CONTRO QUESTA BARBARIE. COME LA PRENDERANNO GLI ITALIANI?


tv rotta
LE ANOMALIE DELLA TV ITALIANA

10 Commenti dei lettori »

1. aleterla92 ha scritto:

7 aprile 2013 alle 16:15

Condivido in pieno. A politicare manca solo la Clerici ormai.



2. Giuseppe ha scritto:

7 aprile 2013 alle 16:28

Tutto vero. Ma non è un fenomeno nuovissimo perchè la tv è da parecchi decenni il Topos della politica (non solo nazionale). Un chiaro epifenomeno del mancato raccordo tra democrazia partecipata e potere politico degenerato in partitocrazia e telecrazia.

Però il web ha (apparentemente e momentaneamente) modificato la situazione. Da un popolo di teleillusi pseudoinformati si sta passando al popolo dei teleconnessi webcontrollati. Il che nella sostanza significa che cambiando il medium non cambia né messaggio né risultato.

Ci vorrebbe proprio del sano, puro e antidotico intrattenimento televisivo. Ma farlo non è cosa semplice perchè occorrono talento e nuove idee su cui prevalgono, nel migliore dei casi, routine e mestiere.



3. giuseppe ha scritto:

7 aprile 2013 alle 16:35

Filippo Facci a domenica live ha detto vogliamo “Maria De Filippi presidente della Repubblica” .ahahahah



4. Giuseppe87 ha scritto:

7 aprile 2013 alle 16:37

Purtroppo è vero. Ormai la politica è ovunque e in ogni momento. E parlo da persona molto interessata alla politica.Però è veramente troppo. Soprattutto la domenica non si può accendere la tv e sentire sempre le solite chiacchiere che alla fine non portano a nulla.Ti fanno rimpiangere le buone domeniche di costanzo o perego. Perchè il fatto è che,salvo alcuni programmi fatti abbastanza bene, in molti casi i talk politici sono totalmente inutili e fatti solo da un pubblico urlante che non fa altro che urlare al politico di turno “Vergogna”,”Abbassatevi lo stipendio”, “Non arriviamo a fine mese” o politici che, presi dalla vanità,non perdono occasione per andare davanti le telecamere senza però affrontare veramente quella che è la situazione politica e economica del momento. E’ facile andare in tv e dire “Dobbiamo aiutare le famiglie”"dobbiamo fare questo,dobbiamo fare quest’altro” “dobbiamo fare un governo”(un governo di persone che fino al giorno prima si sono sputate in faccia).



5. LucaZ ha scritto:

7 aprile 2013 alle 17:09

La D’Urso ha imitato la De Filippi durante l’ospitata della Berti, si è messa gli occhiali e si è seduta sulla scala AHHAHAH



6. Federica ha scritto:

7 aprile 2013 alle 17:38

Come non essere d’accordo con queste parole?!
La televisione è il mezzo di comunicazione di massa che riesce a raggiungere una fetta di pubblico enorme e vario e chiunque che sia davvero un politico e si mostri come presunto cerca di essere presente in tv. Speriamo che questi dibattiti possano essere costruttivi ed aiutare gli elettori ad avere un idea più o meno chiara della situazione italiana.



7. iki ha scritto:

7 aprile 2013 alle 17:39

Sto vedendo Domenica Live e premettendo che non lo guardo mai perchè preferisco senza ombra di dubbio la Cabello,ho trovato lo spazio della dieta simpatica e d’intrattenimento e in oltre mi è sembrata la reunion della Buona Domenica Costanziana con Platinette Orietta Berti Raffaele Morelli Jill Cooper e Ascanio



8. Federico ha scritto:

7 aprile 2013 alle 19:22

LucaZ
è vero AHAHAH .

posso dire una cosa? oggi la puntata è stata super trash però molto bella.



9. giulio ha scritto:

7 aprile 2013 alle 22:52

Io devo dire la verità, oggi pomeriggio ho seguito Domenica Live, e mi è piaciuto, si è parlato di poitica, di Papa Francesco e poi mola serenità: Orietta Berti, le diete di Platinette e Villaggio, Carmen Russo, poi interviste a Alessandro Pess e Ascanio e Katia, mi rilasso, mi diverto un pò almeno! è carina



10. lele ha scritto:

8 aprile 2013 alle 20:47

tanta politica in tv perchè è spettacolo, fa ascolti, crea consenso. Insomma non c’è nessuno che ci perde, o quasi…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.