25
giugno

CONCERTO PER L’EMILIA STASERA SU RAI1. CONFERMATI ANCHE MORANDI E CARRA’, OMAGGIO A LUCIO DALLA

Concerto per l'Emilia

Concerto per l'Emilia

L’idea, esternata su Twitter, era venuta in mente a Milly Carlucci, ma non aveva trovato spazio in un primo momento nel palinsesto estivo di Rai1. Poi sono scesi in campo la Regione Emilia Romagna, Francesco Guccini e Beppe Carletti de I Nomadi, che con il loro progetto sono riusciti a convincere Giancarlo Leone e Mauro Mazza sulla bontà di un progetto di solidarietà per sostenere le popolazioni colpite dal recente terremoto. La Rai stasera ci sarà, ma ci saranno anche tanti volti della musica italiana, pronti sostenere i loro compaesani.

Sì, perché Concerto per l’Emilia, in onda in diretta dallo Stadio Renato dell’Ara di Bologna dalle 21.20 su Rai1, sarà un unico, grande appuntamento con i più importanti artisti di origini emiliane, che parteciperanno a titolo gratuito per sostenere gli abitanti in difficoltà. Gran cerimoniere sarà Fabrizio Frizzi, ma parteciperà in via straordinaria anche Raffaella Carrà, che ha già fatto capolino all’evento culinario trasmesso da Arturo e Alice proprio per l’Emilia.

I proventi della vendita dei biglietti, già esauriti, verranno ovviamente devoluti per la ricostruzione, mentre da casa si potrà donare tramite il numero 45500, attivo ormai da settimane e grazie al quale sono stati già raccolti più di 7 milioni di euro. Top secret la scaletta, che a quanto pare potrebbe subire modifiche fino alla diretta televisiva, anche se sono già trapelate le prime informazioni.

Per quanto riguarda i duetti, Gianni Morandi, dato in dubbio fino all’ultimo per problemi logistici, dovrebbe esibirsi con gli Stadio mentre Paolo Belli salirà sul palco con alcuni musicisti provenienti dalle zone terremotate. I Nomadi canteranno ‘Io voglio vivere’, Guccini invece ‘Il vecchio e il bambino’. Ci sarà inoltre spazio per un ricordo di Lucio Dalla, anche perché – hanno spiegato gli organizzatori – sarebbe stato il primo a mettersi in gioco.

Il corposo cast sarà così composto: Ligabue, Laura Pausini, Zucchero, Cesare Cremonini, Gianni Morandi, Caterina Caselli, Nek, gli Stadio, Paolo Belli, Samuele Bersani, Luca Carboni, Andrea Mingardi, i Modena City Ramblers, Andrea Griminelli e ovviamente i Nomadi e Francesco Guccini.

L’appuntamento è su Rai1 a partire dalle 21.20.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Orfeo (dg Rai) e Teodoli (direttore Rai 1)
Rai 1 getta la spugna: arrivano i film d’amore dopo Domenica In


Roberto Bolle
Danza Con Me: Rai1 comincia il 2018 con Roberto Bolle


Sotto Copertura 2 - Claudio Gioè
Sotto Copertura 3 ci sarà?


Lo Zecchino d'Oro 2017
Lo Zecchino d’Oro 2017 scappa dalla domenica e si sposta al sabato

8 Commenti dei lettori »

1. Pippo76 ha scritto:

25 giugno 2012 alle 12:54

Una serata importante per nomi in campo e per lo scopo.



2. luke ha scritto:

25 giugno 2012 alle 12:57

Speriamo che i soldi vadano a buon fine…
Lo sapete vero che quelli dell’Acquila sono ancora in mano ai gestori telefonici?



3. Pippo76 ha scritto:

25 giugno 2012 alle 13:15

Funziona così, in teoria..
“Solo gli euro devoluti via sms attraverso cellulari con scheda prepagata finiscono subito nelle casse dei gestori telefonici ed entro 60 giorni vengono di solito girati alla Protezione civile. Per tutti gli altri (carte business), i tempi si allungano. Dei 10 milioni di euro calcolati finora, «circa la metà proviene da donazioni fatte attraverso il telefono fisso», fanno sapere le compagnie. Il gestore telefonico, quindi, prima di versare i soldi nel conto corrente della Protezione civile deve accertare che il proprio cliente abbia pagato la bolletta. Che di solito è bimestrale. «E se il periodo è a cavallo con quello della raccolta fondi il ciclo intero di fatturazione può richiedere anche quattro mesi»”



4. Pippo76 ha scritto:

25 giugno 2012 alle 13:20

Per l’Aquila, riporto parte di un articolo de IlGiornale ( Il terremoto è in linea Ecco che fine fanno i soldi inviati via Sms.Milioni raccolti in poche ore, ma arrivano alla Protezione civile dopo un lungo giro. Sul web girano illazioni ma alla fine gli aiuti sono davvero efficaci)
” Ma in internet suonano per la verità anche altre note stonate. E sono gli interrogativi sulla destinazione finale dei soldi raccolti via sms all’indomani del terremoto dell’Aquila nel 2009 qualcosa, tra sms e donazioni varie, come 68.338.754,90.
Ebbene, come conferma sempre il numero due della Protezione Civile, «un dieci per cento circa di questa cifra è stato girato a suo tempo a una Onlus, la fondazione Etimos (convenzione approvata dalla Corte dei Conti) che per un costo di esercizio di 400 mila euro spalmati in nove anni, si è occupata e si sta continuando ad occupare di finanziare in Abruzzo progetti di microcredito attentamente vagliati. Quello che occorre precisare è che alla fine del suo mandato Etimos- aggiunge Borrelli, restituirà interamente il denaro raccolto al governatore della Regione Abruzzo».
In ogni caso si tratta di denaro che è stato usato come garanzia, ma non speso. A fronte della garanzia, le banche hanno erogato microcrediti con fondi propri che funzionano bene, almeno se si considera l’ultimo bilancio.
Di fatto in Abruzzo sono stati erogati tramite Etimos oltre 3 milioni e 830 mila euro di crediti da Gennaio 2011 a oggi, con un totale di 191 finanziamenti suddivisi fra imprese (114), cooperative (9) e famiglie (68), per un ammontare medio che si attesta rispettivamente intorno a 27mila, 38mila e 5.600 euro.
Il modus operandi è che si pagano singoli progetti o si sostengono singole famiglie in difficoltà sulla base di una precisa programmazione. Niente è (o sembra) lasciato al «caso», dunque.



5. Alessandro ha scritto:

25 giugno 2012 alle 14:05

Secondo me andavano coinvolti anche cantanti magari considerati più agés ma che comunque potevano dare un loro supporto.. penso a Fiordaliso, Iva Zanicchi, Orietta Berti, Milva.. sono emiliani tutti, non solo quelli che vendono il platino..



6. paky ha scritto:

25 giugno 2012 alle 15:22

Concordo con Alessandro.. anche solo la loro presenza bastava!



7. Alessandro ha scritto:

25 giugno 2012 alle 21:57

E infatti.. credo che non siano state proprio inviate.. perchè non penso proprio che avrebbero rifiutato di andare..



8. Angelo ha scritto:

26 giugno 2012 alle 09:00

mah… è possibile che per vedere in tv dei grandi nomi, ed ascoltare e vedere un bel concerto con la più bella musica italiana, bisogna attendere delle tragedie come il terremoto??? rimpiango il festivalbar….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.