24
giugno

GIANFRANCO FINI ACCENDE LE TELECAMERE SULLA CAMERA DEI DEPUTATI: ALLO STUDIO IL PROGETTO DI UN NUOVO CANALE TV

Gianfranco Fini TV

Gianfranco Fini ha sempre più la testa nella tv. E così, tra impegni istituzionali e dichiarazioni al vetriolo, trova il tempo anche per definire progetti che sfruttino al massimo la funzionalità pubblica e sociale del mezzo televisivo. Dopo l’idea di Babel tv (leggi qui per maggiori info) si profila all’orizzonte, come rivelato quest’oggi dal quotidiano Libero,  una nuova scommessa per il nostro Presidente della Camera, che questa volta coinvolge direttamente gli interessi di Montecitorio.

Pare, infatti, che presto il canale satellitare della Camera dei deputati non si limiterà solo a trasmettere le lunghe sedute parlamentari ma si trasformerà in un vero e proprio canale televisivo la cui programmazione sarà disponibile anche sul web. Proprio in questi giorni Fini avrebbe chiamato a definire il nuovo progetto una schiera di consulenti pronti a costruire “un palinsesto organico che preveda trasmissioni anche nelle ore serali, nel fine settimana e nei giorni di sospensione dei lavori, mediante la produzione di contenuti aggiuntivi”, così come riportato nel progetto di bilancio che sta per essere approvato.

Quali saranno questi “contenuti aggiuntivi” è presto detto: documentari storico culturali, sintesi dei lavori parlamentari, filmati divulgativi da utilizzare anche su altri canali. Ma non solo. Sembra, infatti, che per la costruzione di questo nuovo palinsesto siano stati presi accordi con alcuni produttori televisivi e cinematografici. In pratica la Camera darà il suo assenso alla realizzazione di fiction e documentari al suo interno solo se questi verranno poi trasmessi, previo passaggio sulle reti generaliste, anche sul nuovo canale. Non avendo, dunque, forze produttive interne sufficienti (come è plausibile in una tv allo stato aurorale) il nuovo canale si avvarrà di produzioni esterne che andranno ad arricchire la nuova programmazione.

Sembra, inoltre, che tra gli addetti ai lavori coinvolti in questa nuova operazione ci sarà anche Giovanni Minoli che, avendo lasciato da poco il suo incarico di dirigenza alla Rai, potrebbe svolgere un’importante ruolo di consulenza storica ed organizzativa soprattutto per ciò che concerne quella parte della programmazione incentrata sulla celebrazione dei 150 anni dell’unità d’Italia. La data di partenza di quella che è stata ribattezzata “Fini tv” dovrebbe, con ogni probabilità, essere fissata per la fine del 2010, quando il progetto completo di palinsesto, e le collaborazioni esterne saranno meglio definite in modo che il pubblico televisivo possa usufruire al meglio di questa nuova realtà televisiva.



Articoli che potrebbero interessarti


Michele Santoro
CdA Rai: 236 i candidati per i posti di nomina parlamentare. Ci sono anche Santoro, Minoli e Del Noce


Massimo Giletti, Faccia a Faccia
Massimo Giletti, faccia a faccia da Minoli: «Il mio successo dava fastidio, se avessi avuto un agente potente sarei ancora in Rai»


Massimo Giletti
La7, Massimo Giletti sfida Fabio Fazio dalle 20.30 la domenica. Minoli al pomeriggio contro l’Annunziata


Faccia a Faccia, Giovanni Minoli
Parliamone Sabato, Minoli graffia Campo Dall’Orto sulle responsabilità: dopo l’intervista di Vespa al figlio di Riina non successe nulla

5 Commenti dei lettori »

1. elenoireurgot ha scritto:

24 giugno 2010 alle 14:50

@davidemaggio o rosario giugliano
se ho capito bene, oltre alla creazione di un nuovo canale, la camera darà il suo conseso alla realizzazione di fiction al suo interno ( anche da rai e mediaset), a patto che queste vengano poi trasmesse su questo nuovo canale. è così??



2. Rosario Giugliano ha scritto:

24 giugno 2010 alle 16:53

@elenoireurgot
si, non solo di fiction ma anche e soprattutto di documentari che prima andranno in onda sulle reti generaliste e poi, successivamente, su questo nuovo canale



3. Ciccio ha scritto:

24 giugno 2010 alle 19:19

Bene,
ennesimo spreco dei soldi pubblici.
Questa grandiosa idea di buttare dalla finestra un po’ di quattrini non e’ certo nuova, fa il paio con quella di Pierferdy Casini che decise anni fa’ di dare vita ad una linea di oggettistica della camera: penne, diari, gadget e altre minchiatine. Non soddisfatto, affitto’ un enorme negozio a via del Corso per vendere agli entusiasti compratori (?) questa fantastica roba da collezione, che, come qualsiasi stolto poteva ben prevedere, e’ andata invenduta, rendendo sempre il negozio desolatamente deserto, costringendo quindi dopo anni di affitto a sbaraccarlo e a riporre negli scantinati questi mirabili oggetti che davvero nessuno puo’ desiderare.
Quasti signori ballano allegramente mentre la nave affonda, creando attivita’ che non servono a nessuno, a parte distribuire un po’ di quattrini a chi in un modo o nell’altro campa con i soldi della politica.
Ogni soldo speso per queste cose e’ qualcosa in meno per noi, meno pensioni, meno welfare, meno ospedali, meno tutto…..
Indignamoci e protestiamo, e’ davvero arrivato il momento!



4. lauretta ha scritto:

24 giugno 2010 alle 20:33

Ma se Fini pensasse un pò di più a fare bene il suo lavoro??



5. SaraLurker ha scritto:

25 giugno 2010 alle 02:14

Invece a me l’idea piace.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.