29
ottobre

La7, Massimo Giletti sfida Fabio Fazio dalle 20.30 la domenica. Minoli al pomeriggio contro l’Annunziata

Massimo Giletti

La7 punta tutto su Massimo Giletti. La nuova testa d’ariete (brizzolata) scelta da Urbano Cairo per contrastare la Rai debutterà su La7 domenica 12 novembre, e lo scontro con Fabio Fazio ed il suo Che tempo che fa sarà apertissimo. Dichiarato. E’ notizia di oggi, infatti, che il conduttore torinese sarà in diretta già a partire dalle 20.30, così da ricevere il traino dal TgLa7 e da fronteggiare il principale competitor giocando persino d’anticipo.

Fabio Fazio, infatti, solitamente inizia il suo programma domenicale attorno alle 20.35. E, a quell’ora, Massimo Giletti sarà già lì ad aspettarlo per quella che si preannuncia una vera e propria sfida. La partenza anticipata dell’ex conduttore de L’Arena comporterà però uno spostamento nel palinsesto di La7, che riguarderà Giovanni Minoli ed il suo Faccia a Faccia.

Il giornalista tornerà stasera – 29 ottobre – in access prime time sulla rete terzopolista con il suo programma di interviste. Tuttavia dal 12 novembre, in occasione del debutto di Giletti, Minoli cambierà totalmente fascia passando alla domenica pomeriggio alle 14.30. L’ideatore di Mixer, così, sfiderà In mezz’ora di Lucia Annunziata, che quest’anno si è allungato di trenta minuti.

In questa nuova stagione di Faccia a Faccia, Minoli sarà affiancato dalla giornalista Alessandra Cravetto, che debutterà oggi intervistando l’imprenditrice torinese Licia Mattioli. Tra i primi ospiti della trasmissione, anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e la cronista antimafia Federica Angeli.

Sulla rete terzopolista avverrà una sorta di passaggio di testimone: Minoli, infatti, cambierà collocazione in favore di un collega da lui stesso scoperto. E’ la nuova strategia di La7, che per volontà dell’editore Urbano Cairo si fa più aggressiva e passa al confronto diretto con la concorrenza. Quali saranno gli esiti di tale operazione? Riuscirà Giletti a fare propri i telespettatori del servizio pubblico scontenti dell’arrivo di Che tempo che fa?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Massimo Giletti, Non è L'Arena
«Non è L’Arena», però ci somiglia. Giletti mattatore su La7, ma con lo sguardo alla Rai


Massimo Giletti, Faccia a Faccia
Massimo Giletti, faccia a faccia da Minoli: «Il mio successo dava fastidio, se avessi avuto un agente potente sarei ancora in Rai»


MASSIMO_GILETTI
Massimo Giletti ‘arresta’ Giancarlo Tulliani, latitante a Dubai. E «Non è L’Arena» si ritrova un super promo


Non è L'Arena - La7
Massimo Giletti: «Non è L’Arena» è il titolo del nuovo programma su La7

4 Commenti dei lettori »

1. Tv ha scritto:

29 ottobre 2017 alle 17:26

La7 ex tmc è diventata Raiuno +Rai3,
Rai sembra simile a Canale 5,
canale 5 sembra Rete 4 ,
italia 1 sembra Rai 2 durante la mattina per il resto senza identità,
Rai 2 sembra italia 1 di Tiraboschi del 2009 con poche serie e il resto non identità,
è Rete 4 la concorrenza a la7 e a italia 1 e a Rai 1 e Rai2 più me meno degli anni 80 e 90



2. claudio75 ha scritto:

29 ottobre 2017 alle 18:11

Eh….Fazio non ci dorme la notte!!
Si sveglia con gli incubi..giletti giletti



3. Alex001 ha scritto:

29 ottobre 2017 alle 22:20

Per Giletti la vedo dura… a parte che spingere sull’atavico “odio” che si prova per Fabio Fazio La7 non ha molte chance non dico di battere CTCF ma nemmeno di avvicinarsi.

Si pecca di ubris



4. Claudio ha scritto:

30 ottobre 2017 alle 11:34

Non è facile fare previsioni per il nuovo programma di Giletti. Si tratta di una declinazione del talk più vicina a Porro, Del Debbio e Paragone che non a Fazio e la domenica è una sera in cui ci sono svariate proposte forti, al di là di Fazio.
Penso però che Cairo sfrutterà le qualità di intrattenitore di Giletti per ampliare il target di rete. Affidargli una o più serate speciali di puro spettacolo, come talvolta è accaduto in Rai, potrebbe rappresentare un punto di svolta per la rete, impegnata da anni nell’arduo tentativo di smarcarsi da un palinsesto fin troppo monotematico.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.