2
novembre

Crazy for Football: quando il calcio vuole far riflettere

Sergio Castellitto

Sergio Castellitto

Il calcio appassiona gli italiani e, risvolti economici e societari a parte, è universalmente considerato un tema frivolo, di tifo e condivisione. O, almeno, così dovrebbe essere. Metterlo al centro di un film tv altamente drammatico, che tratta il tema della malattia mentale come Crazy for Football – Matti per il Calcio, trasmesso ieri sera da Rai 1, tradisce un po’ le aspettative e spiazza, lasciando interdetto lo spettatore.

Coprodotto da Rai Fiction e Mad Entertainment, il film è scritto e diretto da Volfango De Biasi ed ispirato ad un suo omonimo documentario, che raccontava il lavoro dello psichiatra Santo Rullo e in particolare la storia vera di un gruppo di pazienti psichiatrici provenienti da vari istituti d’Italia che, supportati da lui, si impegnavano per partecipare ai mondiali dedicati loro ad Osaka, in Giappone. Trovando nel calcio una cura speciale alla loro condizione.

Il medico in questione nel film tv ha preso il volto di Sergio Castellitto, ormai perfettamente a suo agio in questi ruoli drammatici e di “formazione”, come quelli di In Treatment, O’ Professore o Pezzi Unici. Il tono cupo generale viene spezzato dalla presenza di Max Tortora, che nelle vesti dell’allenatore Zaccardi, rude ma dal cuore d’oro, strappa più di una risata. Molto valido il resto del cast, a partire da una convincente Antonia Truppo e dagli attori che hanno interpretato i pazienti psichiatrici, in particolare Lele Vannoni e Lorenzo Renzi.

La carica emotiva del racconto è molto alta e i sentimenti dei personaggi sono messi in scena con forza e delicatezza allo stesso tempo. Il film era senz’altro più adatto alla sala cinematografica che non al piccolo schermo, non soltanto per il dualismo dei temi, che ci può anche stare, ma per i dialoghi spesso sussurrati, per la necessità di una visione più intima, che avrebbe aiutato a leggere il sottotesto ed entrare pienamente nella storia, a prima vista un po’ respingente per i più.



Articoli che potrebbero interessarti


Blanca - Maria Chiara Giannetta
Blanca è tutta un’altra storia


Un Professore - Nicolas Maupas e Alessandro Gassmann
Un Professore: tra Kant, Barthes e conflitti generazionali rovesciati, a vincere è il mistero


Una parola di troppo
Una parola di troppo: Magalli fa il vigile cinico


Cuori - Daniele Pecci
Cuori: un ‘polpettone’ vecchio stile nobilitato da Pecci

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.